L'addestratore L'addestratore

L'addestratore

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Ryan Kessler, un poliziotto frustrato con un’eccessiva propensione all’alcol e il grilletto facile. Joanna, sua moglie, una donna anonima e fin troppo riservata. Maree, la sorella di quest’ultima, affascinante e instabile, irresistibilmente attratta da uomini e situazioni a rischio. Come nel più crudele dei reality, i tre si ritrovano rinchiusi in un luogo inaccessibile e segreto, mentre un cacciatore di informazioni professionista, l’efferato e implacabile Henry Loving, tenta con ogni mezzo di rintracciarli per estorcere loro i dati riservati richiesti da una misteriosa “Fonte”.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.2  (5)
Contenuto 
 
3.6  (5)
Piacevolezza 
 
4.0  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'addestratore 2013-05-08 22:21:47 andrea70
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    09 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una partita a...dama

Più che una partita a scacchi tra un crudele "cacciatore" di informazioni che non esita a torturare sadicamente le sue vittime per estorcere le informazioni che cerca , e un agente governativo incaricato di proteggere i suoi obiettivi, questa è una partita a dama tra i due protagonisti. Una mossa e subito una contromossa, Deaver dice di essersi divertito a preparare a tavolino i colpi di scena del libro, infatti ha
esagerato, ci sono 300 pagine di troppo , soprattutto l'inizio è una schermaglia continua che non porta a niente. Un poliziotto e la sua famiglia vengono protetti da una organizzazione governativa in seguito alla scoperta che il famigerato Harry Loving detto "il cacciatore" vuole rapire uno dei membri della famiglia per strappargli delle informazioni anche a costo di uccidere. Ma quale membro della famiglia è davvero in possesso di quello che cerca il cacciatore e chi lo ha assoldato ? Qual'è il segreto che lo rende un bersaglio ? Domande a cui cerca di rispondere l'agente speciale Corte, che non vuole solo proteggere le persone affidate alla sua custodia ma anche cercare di catturare il cacciatore. Una volta superata la metà abbondante e sviscerato lo scenario il libro diventa più coinvolgente ed il ritmo serrato, si torna a vedere il Deaver che conosciamo, però rispetto ai romanzi con protagonista Lyncoln Rhyme qui è un Deaver in un tono minore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'addestratore 2012-07-03 19:27:22 Pelizzari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    03 Luglio, 2012
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sasso, carta, forbici

Il libro si apre con un magistrale prologo, adrenalinico. La trama si sviluppa tra un alternarsi di mosse tra cacciatore, bersagli e un agente, addetto alla sicurezza personale che ha un legame speciale con il cacciatore. C'è, come sempre nelle sue storie, una grande attenzione ai particolari, con elementi che si uniscono per far scattare l'intuizione. In diversi punti è citata la teoria dei giochi, perchè l'agente Corte è appassionato di giochi di società e la sua intelligenza ed esperienza lo portano a scegliere la strategia migliore per vincere. Poco importante è capire chi è il vero bersaglio. Più bello è godersi le singole mosse della partita. Perchè quando la partita si avvicina alla conclusione, le probabilità che un solo errore porti alla sconfitta crescono in modo esponenziale.

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'addestratore 2012-05-22 20:06:26 marccorazz
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
marccorazz Opinione inserita da marccorazz    22 Mag, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una sorpresa

...sulla trama non aggiungo altro, dal momento che è stata sapientemente esposta da chi mi ha preceduto in questo mio commento. Premesso che è il mio primo libro di Deavers, devo ammettere che si tratta di thriller di alta qualità ! E' sicuramente un gradino sopra la media, molto jntrigante e appassionante. L'unico neo, a mio modesto parere, è rappresentato dai troppi colpi di scena che, se da un lato redono la trama incerta sino alla fine, dall'altro la rendono poco un po' troppo surreale.
Inoltre, sicuramente una nota di merito va anche alla traduttrice, Valentina Ricci. Infatti, penso che se un libro non italiano resta gradevole e scorrevole da legere, sicuramente il grosso del merito va all'autore ma certamente grande merito va riconosciuto anche a chi traduce e adatta l'opera nella notra lingua.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
....a chi piacciono thriller di qualità superiore
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'addestratore 2012-04-14 07:27:35 GLICINE
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
GLICINE Opinione inserita da GLICINE    14 Aprile, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

GIOCATORI E PEDINE

Ancora una volta questo autore non si smentisce, è bravo non si discute.
Particolare di questo libro non è la storia in sé, che ha come protagonista Corte,un agente federale che ha come compito la protezione dei testimoni ,che deve vedersela con Henry Loving , implacabile cacciatore di informazioni professionista, specializzato nella tortura con alcool e carta vetrata, per farsi dire tutto ciò che desidera; ma la struttura stessa della vicenda.
L’autore mette in arto una sorta di gioco (come uno dei tanti comunissimi giochi da tavolo), nel quale i “giocatori” non hanno regole pre-stabilite alle quali adeguarsi, ma il fine ultimo è il raggiungimento dei propri obiettivi con l’utilizzo di qualsiasi tipo di mezzo tecnologico o umano, i due protagonisti sopra citati sono gli effettivi giocatori, che muovono all’interno di questo “gioco” tutti i personaggi secondari come pedine, che possono mettere in atto una strategia vincente, ma, qualche mossa dopo, possono trovarsi ad aver adottato la strategia perdente.
A mio parere, l’impegno maggiore dell’autore è stato in termini di logica e nel far corrispondere ad ogni azione una risposta coerente ed articolata.
Come dicevo inizialmente, la storia in sé non è altro che il braccio di ferro tra buono e cattivo, bene e male, con un particolare inaspettato in più, a mio parere, e cioè che ai due protagonisti piace avere come concorrente l’altro, in quanto sono due menti con grandi capacità strategiche, rispettano le abilità che man mano emergono l’uno dell’altro è come se Deaver avesse voluto sfidare sé stesso nello scrivere una storia articolata in questo modo.
L'autore pone in essere una sfida con il lettore stesso, che fino alla fine non è in grado di prevedere chi è l'effettivo bersaglio di Loving e chi è la "fonte" che lo ha ingaggiato.
Chi vincerà? ma soprattutto a quale prezzo?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
lo consiglio vivamente agli appassionati di Deaver e a tutti quelli che desiderano leggere un thriller di alta qualità
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'addestratore 2011-10-07 08:48:07 Stefp
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Stefp Opinione inserita da Stefp    07 Ottobre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'addestratore

Jeffery Deaver, per la prima volta nella sua lunghissima scia di romanzi, usa un io narrante protagonista; il funzionario Corte che fa parte di una agenzia di sicurezza governativa che ha come unico scopo la protezione di testimoni o comunque di soggetti in possesso di informazioni chiave. Henry Loving un cacciatore di informazioni professionista, che in passato uccise l'addestratore di Corte, è stato assoldato da una misteriosa “fonte” per estorcere informazioni ad un poliziotto che ora, con la sua famiglia, è sotto protezione di Corte ed i suoi uomini. Corte, appassionato di giochi da tavolo e di società, ingaggia un duello con Loving e i due sono ora cacciatore e ora preda in un continuo altalenarsi di mosse e contromosse.
Come al solito Deaver regala una trama complessa e ricca di colpi di scena, un'atmosfera sempre tesa, azioni mozzafiato ma soprattutto tattiche e controtattiche molto curate dal punto di vista psicologico. I protagonisti, nel bene e nel male, dello scrittore americano sono sempre molto intelligenti e prima che il compimento del loro obbiettivo, catturare Loving e scoprire la “fonte” per Corte o rapire il “bersaglio” per Loving, è importante per loro vincere la sfida di intelligenza e psicologia con il loro avversario in una gigantesca partita a scacchi dove pezzi e pedoni sono reali. Il protagonista, Corte, che narra in prima persona, se da un lato dona un punto di vista soggettivo e fa entrare di più nel personaggio principale, dall'altro appanna ed appiattisce gli altri personaggi e toglie imprevedibilità e suspense.
“L'addestratore” è un buon thriller psicologico, superiore alla media, leggo Deaver da sempre, ho tantissimi suoi libri, si rinnova, usa nuovi personaggi, ma a mio parere purtroppo, il livello dei suoi romanzi è sempre un pizzico più lontano dalle prime avventure di Lincoln Rhyme (“Il collezionista di ossa”, “Lo scheletro che balla”, “La sedia vuota”...) fatta eccezione per “I corpi lasciati indietro”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri