L'afghano L'afghano

L'afghano

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Peshawar, Pakistan. Dal computer di un sospetto terrorista i servizi segreti inglesi e americani vengono a sapere che Al-Qaeda sta progettando un piano destinato a superare, per effetti distruttivi, gli attacchi dell'11 settembre 2001. Nessun'altra informazione è accessibile. Per pianificare una strategia di intervento occorre infiltrare un uomo nelle file dell'organizzazione di Osama bin Laden e l'unico in grado di farlo è l'ex colonnello delle forze speciali britanniche Mike Martin, un veterano di vari fronti nato e cresciuto in Iraq. Divenuto l'Afghano, Martin si infiltra in Al-Qaeda. Riuscirà a scoprire la verità?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'afghano 2013-09-07 22:02:11 Markk
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Markk Opinione inserita da Markk    08 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E se riportassimo Freddy all'età di 40 anni?

Ho letto praticamente tutto di questo maestro di 75 anni, uno per il quale sarebbe giusto intercedere in modo che possa tornare ai suoi 40 anni in modo da poter continuare a deliziarci all'infinito.
Però "L'Afghano" mi mancava ancora, poco sensibile come sono a tutto ciò che attiene letterariamente al Medioriente: però mi è bastato leggere un paio di pagine di quest'opera del mio amato Freddy per dovermi ricredere alla grande. Anche in questa occasione Forsyth dà prova di una maestria ineguagliabile e confeziona un libro davvero godibile: non il suo migliore ma tuttavia di livello altissimo, in grado di farci credere ancora nel genere di spionaggio anche dopo la caduta del Muro di Berlino, che ha repentinamente eliminato dalla faccia della Terra il 99% degli spunti disponibili per gli autori di spy-stories.
Come descrivere l'abilità di Forsyth? Non è semplice: attività di documentazione, ritmo, inventiva, classe, capacità di ricreare perfettamente l'atmosfera del contesto, fantasia, assenza di banalità e dovizia di originalità creano un'alchimia così speciale che ciò che mi resta in mente è il solo risultato finale, generalmente indimenticabile ( anche se pure lui ha avuto i suoi alti e bassi ).
Un romanzo di cui non sto a descrivere la trama ( è già tutto presente nell'introduzione a questa pagina ) e che un appassionato di questo genere come il sottoscritto può tranquillamente divorare in poco più di una giornata ( o anche meno... ). Difetti? Non ne vedo, a parte quello di non eguagliare "Il giorno dello sciacallo" e "Quarto protocollo".
Qualcosa che avrei preferito fosse affrontato diversamente? Magari il fatto che in questo libro il cattivo è quello che ci aspettiamo dopo anni di news televisive e il buono idem: sarebbe stato più intrigante sfumare le responsabilità e insinuare dubbi, aumentando il tasso di mistero e indecisione.
Una sola cosa mi dispiace: quando prendo i suoi libri in biblioteca ( e non solo i suoi ma anche quelli dei suoi contemporanei non più sulla cresta dell'onda ) solitamente scopro che l'ultimo ad averli presi in prestito l'ha fatto due o tre anni prima di me e, nel frattempo, non sono più stati richiesti.
Basta che questi fuoriclasse invecchino e non sfornino più un libro all'anno perché il pubblico cominci a dimenticarsi di loro: è davvero un peccato colossale, anche perché lo spionaggio come lo faceva il buon Freddy non l'ha più fatto nessun altro...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
e amato i capolavori dello spionaggio
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri