L'isola dei pirati L'isola dei pirati

L'isola dei pirati

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

1665. La Giamaica, remoto avamposto della corona britannica nel cuore dei Caraibi, è circondata dalle potenti colonie spagnole. I vicoli della sua capitale, Port Royal, sono popolati di avventurieri, tagliagole e donne di malaffare, in cerca di fortuna tra le taverne e il molo. La voce che gira nel porto è sempre più insistente: nel porto di un’isola vicina, Matanceros, è ancorato il galeone El Trinidad, che deve portare il suo tesoro verso la Spagna. La rada è protetta da un forte inespugnabile, sotto la stretta sorveglianza del sadico capitano Cazalla. L’oceano è pattugliato dalla flotta spagnola, la giungla di Matanceros è impervia e fittissima, la fanteria e l’artiglieria spagnole sono all’erta. Ma non basta per fermare l’ambizioso Hunter, che architetta un piano diabolico.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
1.7  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'isola dei pirati 2013-08-06 19:13:40 Todaoda
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
3.0
Todaoda Opinione inserita da Todaoda    06 Agosto, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sprazzi di involontario buon umore

Corsari, pirati, ladri, assassini, politici corrotti e lacchè, malavitosi, farabutti di varia foggia e natura, sadici, profittatori, barboni, ubriaconi, sgualdrine per necessità e sgualdrine per vocazione, avventure leggendarie, missioni impossibili, duelli navali al ritmo delle bordate dei cannoni seicenteschi, mostri marini, fortezze da espugnare, belle e lascive fanciulle da salvare, indigeni guerrafondai e con una serie predisposizione all’idiozia e per finire doppiogiochisti, lurida feccia, traditori di basso retaggio e intrighi politici internazionali e tra tutti questi l’eroe maledetto, l’angelo dalla faccia imbrattata del maleodorante sudiciume da cui proviene, il capitano protagonista e la sua ciurma di sbandanti ognuno tuttavia illuminato da un’insospettabile misericordia e ognuno con una sospetta virtù marinara puntualmente indispensabile all’evoluzione del romanzo. Ho già accennato ai mostri marini? E alle sgualdrine? Probabilmente sì, be non sono il solo: questo romanzo, che si dice trovato con fortuito tempismo nel pc del sig. Crichton proprio mentre, pace all’anima sua, veniva meno alla vita sul pianeta Terra, è ne più ne meno che un enciclopedico elenco di luoghi comuni del genere piratesco. I personaggi che popolano le pagine del libro sono così piatti e così canonici da risultare delle farse, farse di loro stessi. La raccapricciante periodicità delle sventure che il capitano protagonista de “l’isola dei pirati” è costretto ad affrontare, sono leggendarie, ma non come i miti e le storie che si tramandano i vecchi mariani le sere d’inverno nelle locande fumose al limitare dei porti (mi scuso per la banale immagine, ma certe letture sono contagiose), bensì come il primo film del rag. Ugo Fantozzi la cui sfiga colossale è del tutto equiparabile a quella del capt. Hunter, sopracitato protagonista del romanzo di Crichton, o al limite a quella di Paperino altrettanto eroico e sfigatissimo protagonista (vestito per giunta alla marinara! Alle volte le coincidenze…) della fumettistica Disneyana. E l’ultimo paragone forse è ancora più azzeccato: qui, nell’isola dei pirati, si legge di personaggi farseschi, avventure rocambolesche e variopinti mondi, pittoreschi quanto le pagine colorate di un giornalino, e proprio come con un giornalino è impossibile leggere questo romanzo senza riderci su costantemente. Non si tratta però di un riso cattivo, di scherno, ma più di un sorriso bonario, ingenuo e accomodante. Sembra quasi che l’autore abbia apposta voluto lasciarci con questa sua ultima opera (al tempo della stesura della recensione non credevo realizzabile il miracolo che ha fatto sí che si rinvenisse, mimetizzata tra i frondosi meandri del suo portatile, un'altra ultima storia!) per dirci, per consigliarci, di sognare felici e non prendercela troppo per le sventure quotidiane poiché la vita non è una roba seria. Che volete che sia se uno fora di notte due gomme in una strada di campagna a meno dieci gradi con la batteria del cellulare scarico, rispetto all’affrontare niente popò di meno che il kraken armati solo di uno temperino? Cosa volete che sia essere cornificati dalla propria moglie con il vicino, che essere cornificati, sempre dalla propria moglie, ma con il re di Inghilterra, il governatore della Giamaica, un pirata sex symbol, e buona parte della feccia di Port Royal?
Già proprio così, questo è il tenore di sventure (o avventure dipende dai punti di vista) che sono costretti ad affrontare i personaggi del romanzo. Impossibile non riderci su. Crichton con questa sua ingenua e ironica farsa sembra esortarci, spronarci, a prendere tutto per scherzo o almeno con allegria, poiché niente merita la nostra tristezza, niente merita le nostre tribolazioni, niente merita le nostre preoccupazioni… a meno che appunto l’indomani non vi impicchino, a meno che non dobbiate fuggire da un galeone spagnolo incazzoso, a meno che non siate alla resa dei conti con un polipone ipertrofico.
Se questo, quello farsesco, era il reale intento dell’autore il libro merita una considerazione spudoratamente elevata, ma ahimè ho fortissimi dubbi che l’ironia che pervade tutta la narrazione sia volontaria e costruita ad arte. Sembra piuttosto frutto del lavoro incompiuto di uno scrittore che per anni ha conservato la bozza di un romanzo senza decidersi a pubblicarla finché non riuscisse a darle un minimo di credibilità e che poi, al momento della sua dipartita, per via di quella insaziabile sete di danaro degli editori, la medesima opera sia stata rabberciata in qualche modo e mandata in pasto ai lettori che, influenzati dalle tematiche recentemente tornate in auge e dall’ effetto “ultima opera postuma dell’autore recentemente mancato”, immancabilmente hanno abboccato come degli ingordi pescioloni. E il sottoscritto è uno dei più ingordi di tutti!
Questa mia ultima ipotetica considerazione è supportata tra l’altro dalla mancanza d’un fattore che in maniera oggettiva e indiscutibile tutti i più affezionati lettori di Crichton avranno notato: in questo libro a differenza dei suoi altri non c’è l’approfondimento: la dettagliata, specifica, talvolta addirittura estrema ricerca minuziosa alla quale l’autore di Jurassic Park ci aveva abituato con la sua precedente narrativa. Certo in un libro di pirati non ci si può addentrare nei principi della biologia, della genetica o della fisica, ma in quelli della ricerca storico/storiografica sì. Era naturale aspettarselo, ed invece i cenni storici qui sono appena abbozzati, gettati la alla bell’e meglio, proprio come in una prima stesura di un lavoro che deve essere ancora ampliato e rifinito. Michael Crichton come molti suoi colleghi poteva essere definito uno scrittore commerciale, con i soliti pregi e i difetti che comporta questa gretta classificazione, ma una cosa lo differenziava dagli altri, non lo stile, non il ritmo o la profondità dei suoi personaggi, ma l’immaginazione e la ricerca puntigliosa nel reale per supportare e dare credibilità alla sua indole di sognatore.
In questo romanzo purtroppo mancano entrambe queste sue due prerogative e il libro rimane piatto e banale come fin troppi altri.
Non tutto il male però vien per nuocere, è vero infatti che se tutta la letteratura dell’autore è pervasa dalle note della sua fervida fantasia a scapito di uno stile quanto mai canonico, in questo libro è l’esatto contrario e i sognanti voli fantascientifico/fantastici a cui ci aveva abituato lasciano il posto ad uno stile asciutto, brusco, ruvido che si addice talmente bene ai temi trattati che verrebbe naturale definirlo “corsaro.” Purtroppo anche in questo caso la mia natura sospettosa mi porta a riflettere se questo nuovo e affascinante vocabolario dell’autore sia il frutto di una cosciente ricerca nell’affinazione linguistica o ancora un triste effetto collaterale della mancata limatura del romanzo.
In conclusione L’isola dei pirati probabilmente rimarrà nella storia della narrativa esclusivamente per il fatto che si tratta dell’ultimo romanzo di uno dei più celebrati scrittori degli ultimi trent’anni (vedasi parentesi precedente o quella prima ancora), ma quanto a originalità e profondità lascia molto a desiderare. Tuttavia vuoi per il sopracitato stile “innovativo”, vuoi che sarebbe ingiusto dire che non mi ha intrattenuto, specialmente durante le peripezie navali tra i velieri duellanti, così tipiche eppure così divertenti, e vuoi perché, e qui i romantici simbolismi potrebbero veramente sprecarsi, voltando l’ultima pagina di quest’ultima opera mi accorsi che un gabbiano si era appollaiato vicino ai miei piedi e probabilmente era rimasto per diversi minuti ad osservarmi prima di volare via al suono del libro che veniva riposto sul pavimento del terrazzo in riva al lago presso il quale mi trovavo in quel freddo pomeriggio novembrino (anche se sarebbe stato preferibile un pappagallo, magari bendato, e un terrazzo in riva al mare, in un umido ed estivo pomeriggio caraibico, ma non si può avere proprio tutto dalla vita), vuoi tutto questo, vuoi che in fondo Michael Crichton, porca di una miseria!, è pur sempre Michael Crichton, non mi sento di condannare questo libro come illeggibile. Certo non è dei più originali e non è dei più complessi e interessanti, ma al diavolo!, proprio come ai bei tempi: con il re del tecno-thriller il divertimento è assicurato! …anche se a badare solo alla logica mai considerazione finale fu meno azzeccata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'isola dei pirati 2012-05-22 08:40:05 amedh74
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
amedh74 Opinione inserita da amedh74    22 Mag, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

senza infamia e senza lode

dopo aver scandagliato varie recensioni e critiche ho notato questo libro ha ricevuto pareri molto contrastanti
Personalmente, ritengo si tratti di un buon libro anche se certo non uno dei migliori del genere piratesco(che amo molto); l'impressione che ho avuto è che questo romanzo sia stato pubblicato a forza, visto che è stato trovato nel pc dell'ormai defunto autore. Probabilmente era da rivedere ed ultimare. Mi spiego: La trama, per quanto articolata, presenta diversi punti poco chiari e la suspense non è quella che ci si aspetterebbe da questo autore. C'è da dire, inoltre, che ogni tanto si eccede un po' con la fantasia, arrivando a parlare di un mostro che ricorda decisamente il "kraken" del film "I pirati dei Caraibi". Anche i personaggi non sono ben caratterizzati e d'impatto, cosa cui di solito Crichton ci aveva abituati.
Questo romanzo era forse ancora "in corso d'opera" e per questo motivo presenta caratteristiche che lo differenziano decisamente dalle sue altre precedenti fatiche. Se l'autore non fosse mancato così all'improvviso, il risultato finale del libro sarebbe stato di certo molto diverso da quello che è stato invece pubblicato e che dà tanto l'idea di una prima stesura ma, nonostante tutto, resta una bella storia, scorrevole e che rappresenta l'ultima fatica di un uomo che ha regalato tantissime emozioni ai suoi lettori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'isola dei pirati 2011-04-07 06:41:36 Perf
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Perf    07 Aprile, 2011

della serie: W i luoghi comuni

Avevo voglia di leggermi una bella avventura piratesca e mi sono imbattuto in questo libro (letto appena pubblicato in italia).
Il romanzo di Crichton è prevedibile come pochi e farcito di ogni cliché di sorta che, per carità, trattandosi di un libro sui pirati ci sta anche...ma qui la sesazione di "deja-vu" e scontatezza pervade lungo tutta la lunghezza del romanzo. Il polipone, la tempesta, il "colpo di scena" al rietro a casa e l'immancabile lieto fine: non manca prorpio nulla!
Di note positive c'è giusto la scorrevolezza di lettura contornata però da un debole quadro descrittivo; a questo punto allora preferisco i romanzi cossidetti per ragazzi stile "L'isola del tesoro" o il "Pirata Morgan"!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri