L'uomo di neve L'uomo di neve

L'uomo di neve

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice


La città di Oslo è avvolta nel buio e i primi fiocchi di neve cadono leggeri imbiancando le strade. Birte Becker è appena tornata a casa dal lavoro quando, fuori dalla propria finestra, nota un pupazzo di neve che sembra scrutarla. Poche ore dopo, Birte scompare senza lasciare traccia.Appena inizia a indagare sulla scomparsa della Becker, il commissario Harry Hole si rende conto che il caso ha fortissime somiglianze con altre sparizioni misteriose avvenute a Oslo negli ultimi vent’anni.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 12

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.3  (12)
Contenuto 
 
3.9  (12)
Piacevolezza 
 
4.3  (12)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo di neve 2018-01-10 20:59:03 Paola75
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Paola75 Opinione inserita da Paola75    10 Gennaio, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

HARRY HOLE

Il detective Harry Hole è il propagonista della serie di romanzi dello scrittore norvegese Jo Nesbo , talentuoso e intraprendente ha un'unica pecca l'alcol ; legato sentimentalmente all'ex moglie (Rakel), la quale in questo romanzo sta per sposare un giovane brillante medico.
Siamo a Oslo, Hole a capo di una squadra speciale anticrimine è alle prese con uno spietato serial killer le cui vittime sono tutte donne sposate con figli e un pupazzo di neve sul luogo del delitto. Grazie all’aiuto di Katrina, una poliziotta bella e abile appena trasferita , il detective si trova a riaprire un vecchio caso irrisolto nella speranza di trovare tracce che li colleghino al nuovo. Tra indizi e false piste (anche troppe) Nesbo coinvolgerà il lettore nella ricerca tra suspance e horror .
Non ho mai letto un suo romanzo finora e tanto meno conoscevo il suo personaggio, premettendo che i romanzi polizieschi non mi intrigano più come un tempo, mi sono lasciata trasportare da questo thriller/giallo le cui pagine scorrono chiare e senza fatica con descrizioni dettagliate ma non troppo, la lettura risulta piacevole e alcuni passaggi sono divertenti (nonostante il tema) e " strappano" un sorriso ; inoltre sono ben definiti i personaggi soprattutto il protagonista il quale è il classico ispettore dedito al lavoro con una mente geniale e un pò solitario.
Il mio interesse è diminuito verso le pagine finali ossia alla cattura del killer in quanto l'evento risulta ridicolo e irreale insomma la solita "americanata" e sinceramente ciò mi ha un pò delusa, mi aspettavo qualcosa di meglio comunque per gli appassionati del genere è un libro che può piacere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'uomo di neve 2014-09-14 22:29:24 FaZ_
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da FaZ_    15 Settembre, 2014

Chi è l'uomo di neve?

Primo romanzo che leggo di Nesbø, incuriosito da recensioni e "sentito dire" vari.
Un libro strano. Ipnotico, l'autore si diverte a disorientare il lettore con in groviglio di false piste, falsi indizi e falsi colpevoli che alla lunga puó risultare frustrante, anche se avvincente.
Mi sono trovato spesso nella situazione di dover tornate indietro nel romanzo per iniziare una sorta di indagine personale che va ad aggiungersi a quella dell'investigatore protagonista, Harry Hole, tuttavia andando di pari passo con essa.
L'assassino ci viene rivelato con un indizio sottile verso metà romanzo, indizio che sarà chiaro solo rimuginandoci sopra a lettura finita.
Nonostante gli incredibili colpi di scena, le continue conferme e smentite, la narrazione cruda e scorrevole, il libro a mio avviso soffre un po' di alcune situazioni iperboliche e di un finale un po' troppo inverosimile al limite del grottesco e dal sapore quasi raffazzonato rispetto alla cura glaciale che invece permea il resto dell'intreccio.
Inoltre ho trovato questo giochetto di continui bluff e sviamenti narrativi a volte sul filo dell'eccessivo, come se persino l'autore potesse perdere le redini del suo stesso gioco, esagerando e confondendo anche se stesso, cosa che alla fine, a ben vedere, non accade.
Infine ci sono certi punti oscuri che rimarranno tali ma che sanno dell'ennesimo gioco nel gioco con il lettore che a quanto pare sembra essere caratteristica di questo autore.
Lettura consigliata, è sicuramente un libro particolare che coinvolge e colpisce sia negli aspetti geniali di esso che in quelli più ambigui.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2014-04-23 10:28:38 mariaangela
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    23 Aprile, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ossessione, rabbia,vendetta. Disperatamente H.HOLE

Il nostro detective Harry ci fa davvero penare. Tutto ciò che gli accade è una ferita anche per noi. Lui che non teme il pericolo, pronto a lanciarsi nel ghiaccio e nel fuoco…per forte senso di responsabilità o di totale irresponsabilità??? Agisce d’impulso, sceglie sempre la via più rischiosa e dolorosa, il suo corpo e il suo volto portano i segni di nuove battaglie che quasi da solo ha dovuto affrontare.

Harry, quarant’anni, capelli biondi a spazzola, clavicole in evidenza, espressione torva, solita notte di incubi, occhi rossi e naso tempestato di grandi crateri neri.
Le occhiaie che cerca di mascherare con una doccia calda, asciugamano e colazione, consumata nel suo piccolo appartamento in Sofies Gate, e diventa il commissario Hole dell’anticrimine di Oslo.
Il primo saluto quando entra in ufficio è per la Società dei Poliziotti Estinti: Ellen Gjelten, Jack Halvorsen, Bjarne Moller. Restano i suoi quasi unici, veri amici.

E poi c’è il lavoro. La sua ossessione, la sua rabbia, la sua sete di vendetta. Insaziabile e implacabile.

Nella caccia all’Uomo di Neve è affiancato da una nuova squadra speciale: gli ispettori Magnus Skarre, Katrine Bratt, Bjørn Holm. Eh si che i suoi collaboratori e superiori lo guardano e giudicano con quel pizzico di sana follia che gli sta’ così tanto bene.
Impegnati in questa diabolica indagine anche il capo dell’anticrimine Gunnar Hagen, l’ispettore dell'ufficio persone scomparse Thomas Helle, l’agente della KRIPOS Espen Lepsvik.
Ma lui è sempre e solo uno: Harry Hole.

L’indiscutibile bravura di Nesbo stà nel riuscire a dirti tutto in piccole pillole.
Gli accenni ai fatti e ai protagonisti degli accadimenti sono in ogni pagina, e tuttavia non riesci a coglierli! Trovo che questo modo di narrare, svelandoti tutto, pur senza riuscire a scoprirsi completamente, faccia di lui uno scrittore che si legge d’un fiato e questo lo aiuta a tingere le pagine del suo noir di giallo.

L’incipit è affascinante e accattivante.
E non ti bastano poche righe, vuoi subito leggere di più, sapere di più, l’attaccamento morboso nasce immediatamente.
Pochi minuti con Hole e sei già tutt’uno con lui e con i suoi pensieri. Sei nella sua testa e nei suoi ricordi.
E senti ancora il bisogno di lui..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2014-03-01 14:14:40 MatteoADP10
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
MatteoADP10 Opinione inserita da MatteoADP10    01 Marzo, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Caro Hole, i fatti stanno così

Sono stato indeciso se parlare dell'Uomo di Neve, libro consigliatissimo, esaltato dalla critica e da (alcuni) lettori di thriller del sito o esterni. Alla fine ho deciso di farlo, di scrivere le mie impressioni su un libro che a mio avviso sta perfettamente in piedi da solo, ma che avrebbe bisogno di qualche sistemata nella trama. Partiamo con qualche premessa:

Io amo scrivere e lo faccio a livelli personali, quindi ho comprato Nesbo perchè ero sicuro di trovare in lui un ottimo livello qualitativo e questa mia attesa è stata sicuramente rispettata. Non avevo mai letto il norvegese, quindi nessuna avventura del commissario Harry Hole, quindi ho deciso di iniziare con quello che, ad avviso della maggior parte dei Nesbo addicted, è il capolavoro dell'autore nordico: L'Uomo di Neve.

Tra impegni vari l'ho terminato in due mesi, proprio poche ore fa: la verità è che l'ho apprezzato molto, ma sono convinto che almeno personalmente non abbia scaturito in me la voglia di rileggerlo. L'Uomo di Neve è un libro intenso, pragmatico, molto duro, oserei dire quasi all'antica, che però risorge improvvisamente dal cumulo di neve che costituisce l'ambientazione e dà scampo al lettore con ottimi dialoghi, elucubrazioni mentali più o meno azzeccate e cose di questo genere.

Partiamo col dire che, per quanto riguarda questo libro, ci sono state cose che mi sono piaciute ed altre cose che invece mi hanno fatto penare. Facciamo un'americanata, Hole.

What' was TOP:

-Il protagonista: pur non essendo una vera originalità del settore(di investigatori dannati ne abbiamo pure troppi), il nostro commissario è un tipo tutto d'un pezzo e ciò che colpisce è il suo modo dolce di relazionarsi con le donne, in netta contrapposizione con la personalità usata invece nel mondo del lavoro.

-Katrine Bratt: una manna dal cielo, per quanto mi riguarda. Ce ne vorrebbero di più, di donne così(ovviamente sto togliendo la parte finale, per quella non mi pronuncio). In tutte le scene in cui è presente, però, la Bratt toglie la scena a tutti con la sua spavalderia, la sua apparente forza che però è in realtà uno specchio della sua stessa fragilità.

-Il ritmo delle ultime 300 pagine: in netta risalita rispetto alle prime duecento: lo stile diventa veloce, scorrevole,più piacevole. Se tutto il libro fosse stato scritto così, facendo a meno di vanesie descrizioni sul panorama nordico(peraltro un pochino ripetitive) ci troveremmo di fronte ad un capolavoro assoluto.

-Il movente dell'omicida: ottimo, anzi, straordinario. Davvero fantastico riuscire in questo intento. Nesbo, qui, lo ammetto, ha posto tutto il suo indubbio talento. Originale a dir poco.

-Le scene ... calde: Descritte molto realisticamente, ma mai volgari. Un plauso speciale.

What was FLOP

-Il troppo lieve tratteggio dei personaggi principali(Rakel, Oleg, Bratt, Mathias): sarà perchè è già il sesto libro della saga, ma avrei voluto che Nesbo riservasse qualche piccola riga in più per la personalità dei personaggi sovracitati. Un cantante senza coro diventa, alla lunga, inefficace.

-Le descrizioni dell'ambiente: Scritte bene, ma non da un punto di vista narrativo, almeno sempre a mio modesto arrivo. Va bene dire che la neve era spessa, ma ripeterlo cinquanta volte in centinaia di pagine è un pochino ripetitivo.

-La conclusione data al personaggio di Katrine Bratt: Ma Nesbo, che mi combini? Ottima caratterizzazione del personaggio, buona personalità seppur solo accennata, relazione perfetta di ambiguità con Hole ... e poi? Risolvi tutto in poche pagine con impulsività? Sembra che la fine di Bratt sia stata decisa su due piedi, senza un minimo di programmazione. No, non mi è piaciuto. Bratt meritava le ultime pagine del libro insieme all'altra persona che non nomino per evitare di fare spoiler.

-La ripetitività in alcuni punti del libro, che indirettamente accresce la sua lunghezza: Quante riunioni, quante dialoghi tutti uguali con Rakel? Quanti sopralluoghi poi sfociati nel nulla? Diciamo che Nesbo l'ha tirata per le lunghe. A mio avviso l'Uomo di Neve era un thriller che poteva risolversi in 300-320 pagine.

-L'Uomo di Neve: Senza fare spoiler; ho apprezzato il movente ben costruito, ma davvero qualcuno non ha indovinato chi era? Insomma, intorno ad Harry Hole gravitano 2-3 personaggi, non di più, ed uno di loro è palesemente interessato ad Harry come persona e lo si nota dall'atteggiamento, di certo non normale dato il passato di Hole in quella determinata circostanza.

Insomma, non voglio attaccare Nesbo dicendo che L'Uomo di Neve è un brutto libro e credo che anche che tra i giallisti nordici il norvegese sia attualmente il migliore ... ma il libro in questione è a mio avviso leggermente sottovalutato. Sarà che io avevo un'altra dimensione del thriller(cresciuto con quelli morali e violenti di Lehane e con personaggi totalmente differenti), sarà perchè forse è la trama che non ha incontrato tutti i miei favori, sarò forse io(perchè no?) che mi aspettavo decisamente di più, ma L'Uomo di Neve per me è un bel libro, ma assolutamente non un capolavoro e non all'altezza dei giudizi di alcune persone che me ne hanno parlato in maniera entusiastica.

Le grandi domande:

Rileggerai Nesbo? Assolutamente sì, è un autore che spero di rileggere presto, magari con altre avventure.
Il protagonista ti è piaciuto? Ancora sì, Hole riesce a rendersi simpatico e amabile.
Il libro è scritto bene? Certo, altrimenti avrei chiuso dopo il primo capitolo

La trama è imprevedibile? A mio avviso no, anzi ...
Il libro è da considerarsi un capolavoro? No, decisamente.

Ma, ehi, è solo un mio parere personale che si può condividere o meno, quindi chiedo scusa in anticipo se qualche fan di Hole dovesse prendersela e ripeto: mi è piaciuto Harry, di meno il libro nel complessivo, a mio avviso troppo prolisso nel narrare alcune cose. E, personalmente, per quanto abbia criticato questo libro, mi è piaciuto almeno per il 70-75%. Un bicchierino, Harry? No, non mi guardare male. Ci rivediamo nella prossima avventura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Giallisti nordici in generale. Nesbo è il migliore.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2013-08-17 11:24:19 mokygio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
mokygio Opinione inserita da mokygio    17 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Straordinariamente bello

Per la prima volta arrivo alla fine del libro e vorrei ricominciarlo.
L'uomo di neve è un capolavoro, nesbo in questo libro mette tutto sé stesso.
Il libro è veloce, scorrevole, la trama è originale e il livello di suspense è altissimo, il lettore resta inchiodato fino alla fine con un gran colpo di scena.
Ho letto quasi tutti i libri di nesbo, ma questo è senza dubbio il migliore, il più appassionato e coinvolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Thriller di nesbo e non solo
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2012-05-19 05:08:56 Tanu
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tanu Opinione inserita da Tanu    19 Mag, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Capolavoro thriller

Harry Hole non è un commissario qualunque ... un pò Philip Marlowe, un pò Sherlock Holmes, in questa prima indagine dovrà trovare uno spietato serial killer che confonderà le idee più di una volta alla polizia di Oslo. Un susseguirsi di colpi di scena con un finale non del tutto scontato tengono il lettore incollato alle oltre 500 pagine che si divorano in un amen. Non esito ad inserire Jo Nesbo nell'olimpo dei grandi giallisti .... unico rammarico: aver letto prima "Il leopardo" che contiene diversi accenni a questa prima indagine. Bello, bello, bello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
thriller scandinavi, Jeffrey Deaver, etc
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2012-03-21 09:42:49 raffo1984
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
raffo1984 Opinione inserita da raffo1984    21 Marzo, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Peccato non averlo scoperto prima

Uno psyco-thriller da leggere tutto d'un fiato. Lo scrittore norvegese, Jo Nesbo, riesce a tenere incollato il lettore dalla prima all'ultima pagina, con una trama ben architettata, uno stile molto descrittivo e moderno. Il suo personaggio, Harry Hole, un detective con problemi di alcol, poco rispettoso delle autorità, riesce sempre ad avere l'intuizione giusta per portare avanti le sue indagini, piene di colpi di scena.
Devo ammettere che inizialmente mi ha messo in difficoltà; la storia, ricca di nomi di personaggi e luoghi, mette a dura prova la memoria del lettore.
Questo è il mio primo libro scritto da Nesbo, e sicuramente non sarà l'ultimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2012-03-19 09:21:04 francesca
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da francesca    19 Marzo, 2012

fantastico

Consiglio di leggere i libri di Nesbo in ordine di pubblicazione, anche se non sono molto collegati tra loro, serve per farsi un'idea più precisa di Hole.
Questo libro è fantastico, l'ho letto in 2 giorni.
Harry Hole è un personaggio davvero complesso e ben studiato, mai banale. Ad un certo della trama si intuisce qualcosa, ma Nesbo mischia di nuovo le carte e si torna a brancolare nel buio, la cosa interessante è che se si fanno le stesse intuizione di Hole e poi, esattamente come lui, si viene smentiti.
Assolutamente da leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2012-01-17 15:18:15 rivendell
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
rivendell Opinione inserita da rivendell    17 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Jo non sbaglia un libro

Non leggete questo libro se avete appena letto "Il leopardo" dello stesso autore, questo perchè il ripetersi di alcuni personaggi vi darebbe delle risposte che non dovreste avere...non so se sono stato chiaro!
Gli ingredienti sono quelli classici di Jo Nesbo: la trama intricata, i colpi di scena, il farti arrivare, di proposito, a conclusioni sbagliate, il ritmo incalzante.
Il livello qualitativo di questo thriller è sempre alto come gli altri di Jo Nesbo.
Harry Hole è affiancato da una bella poliziotta ma non ci sarà nessuna banale love story tra i due, lui è sempre innamorato di Rakel che, però, è in procinto di sposarsi con un altro.
Posso anticiparvi che il personaggio di Rakel, in questo romanzo, avrà una presenza tutt'altro che marginale.
Il cattivo di turno è un vero e proprio serial killer chiamato, come da titolo, l'uomo di neve ma non aggiungo altro, con questo genere di libri, secondo me, le recensioni devono dire il meno possibile sulla trama.
Consigliatissimo a tutti i fan di Jo Nesbo e di Harry Hole!
Con questo ho letto tutti i suoi libri pubblicati in Italia, ora attendo che venga pubblicato il suo nuovo thriller "Phantom"...e magari anche i primi due della serie di Harry Hole che, non so per quale motivo, non sono mai stati pubblicati da noi!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Jo Nesbo e thriller in generale
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2011-12-31 18:00:14 Pelizzari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    31 Dicembre, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Qualcosa di personale

Bellissimo thriller norvegese, che ci fa sentire il sapore del buio e l’odore della paura. I protagonisti sono tanti: uomini, donne, bambini, pupazzi di neve. Tutti sapientemente intrecciati. Harry è un ottimo poliziotto, sempre molto coinvolto nei suoi casi: in questo ha più di un motivo per sentirsi coinvolto a livello personale. Viene addirittura scelto dall’assassino. Durante la lettura, si crede più volte di aver scoperto il vero assassino e questo ritmo aumenta la tensione, la carica emotiva del lettore. E’ geniale la trovata di riproporre verso la fine del thriller, lo stesso primo capitolo, narrato da un punto di vista diverso: e lì capisci davvero chi è l’uomo di neve. Harry è un vero lupo solitario della polizia di Oslo e il lettore prova, per tutto lo svolgimento della storia, le sue stesse emozioni, sente la sua concentrazione, riflette sui suoi dubbi, vive il suo nervosismo e avverte le sue scariche di adrenalina.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
thriller letteratura scandinava
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2011-01-04 16:21:01 Silvano bernardi
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Silvano bernardi Opinione inserita da Silvano bernardi    04 Gennaio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Veramente appassionante

Nel panorama dei giallisti nordici merita una segnalazione particolare Jo Nesbo.Ritmo incalzante, trame ottimamente congegnate e scorrevolezza danno al lettore una ottima risposta alle aspettative. Consiglio di leggere le opere di Nesbo rigorosamente in ordine cronologico di uscita e di far particolare attenzione ai numerosi personaggi che, a causa dei nomi difficilmente memorizzabili, possono essere fonte di confusione. L'offerta di gialli scandinavi è veramente esagerata e segue la moda del momento ma Jo Nesbo ha classe ed idee da vendere, insomma ha storie da raccontare. A volte indugia un pò nella spettacolarità ma offre un prodotto molto al di sopra della media.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Stieg Larsson ed in particolare i giallisti nordici.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo di neve 2010-10-18 07:18:07 Carlo77
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Carlo77 Opinione inserita da Carlo77    18 Ottobre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bravo ma...

Ennesima avventura per il commissario Harry Hole, indisciplinato, arrogante, irascibile e alcolizzato; insomma, un Harry Bosch di Michael Connelly alla scandinava diciamo..
In questa storia Hole se le deve vedere con un serial killer che gli renderà la vita particolarmente difficile.
Intreccio robusto e tensione alle stelle, anche se il finale non è all’altezza dei migliori di Nesbo, un po' troppo cinematografico diciamo...
Aggiungiamo che il colpevole è facilmente intuibile prima della metà del libro e quindi...Poteva fare di meglio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La memoria del topo, l'ombra del coyote, e tutta le seria di Harry Bosh di Michael Connelly
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che trema
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Isola di neve
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri