La minaccia La minaccia

La minaccia

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice


Una bomba esplode al Centro di cooperazione islamica, a un paio di isolati dall'elegante appartamento di Hanne Wilhelmsen nella zona di Frogner, Oslo. I morti sono ventisei, ma l'avvenimento è di quelli che scuotono l'intero Paese, seminando il panico. I sospetti si concentrano su alcuni gruppi islamici radicali, in particolare la sedicente organizzazione "Profeta Sanne Ummah", che rivendica l'attentato. Ma per principio Hanne Wilhelmsen non esclude nessuna pista. E partendo da un vecchio caso del 1996, rimasto insoluto, scopre una serie di dettagli che si riveleranno molto più importanti di quanto chiunque potesse immaginare.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
1.9
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
1.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La minaccia 2016-10-26 06:52:43 cosimociraci
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    26 Ottobre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Thriller slow motion

Romanzo molto interessante dal punto di vista dell'idea ma non su come è stata sviluppata la trama.
Sono d'accordo con @Pelizzari sull'esubero di personaggi che si intrecciano in maniera disordinata.

Lo stile mi ha un po' spiazzato. Tutti i personaggi sono ben caratterizzati ma il ritmo è molto lento. Se questo da un lato mi ha dato la sensazione di partecipare attivamente alla risoluzione del caso, di contro il ritmo diventa talmente blando da desiderare la conclusione del libro poco dopo la metà.

Sicuramente non ho trovato sin da subito affinità con il suo stile, un vero peccato perché di solito gli autori scandinavi (cito Jo Nesbø e Camilla Läckberg) offrono tra le mie letture preferite.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

La minaccia 2016-07-22 08:09:01 Pelizzari
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    22 Luglio, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Repetita non semper iuvant

Mi ha disturbato questa lettura, perché è incentrata su efferati attacchi terroristici fatti in Norvegia e trovarmi tra le mani questa storia, proprio in questa settimana, mi ha scosso. La storia non è ben costruita, è popolata di personaggi le cui vicende si intrecciano, ma si perde molto facilmente il filo. La parte più interessante è quella che ruota attorno alla protagonista, Hanne, che è una donna difficile ed ostinata, un’eccellenza lavorativa, che ora, a causa di un brutto incidente, è costretta su una sedia a rotelle, si sente diversa e, siccome essere diversi è parecchio difficile, si è autoimposta un isolamento che è un’autotutela. Legge e si mantiene informata grazie alla rete; Internet è il suo periscopio perché lei vede il mondo senza che il mondo veda lei. In questa storia riprende a lavorare a distanza, occupandosi di cold case, che si affiancano agli attacchi terroristici di bruciante attualità. Tutta la parte psicologica che sta alle spalle di ciò che ruota attorno ad Hanne è stata per me la parte più interessante. Per il resto la storia non è delle migliori, anzi, vi ho ritrovato elementi già letti in altri libri della stessa autrice che mi hanno dato l’impressione che la scrittrice fosse un po’ a corto di idee. Non ho ritrovato un medesimo personaggio, visto, nel tempo, in storie diverse, con una crescita del personaggio, con elementi fissi in contesti diversi e con un senso di continuità, come è usuale nelle serie degli scrittori di gialli. Ho ritrovato un personaggio già conosciuto, che, in un libro successivo ai precedenti, non è cresciuto, ho trovato una storia con particolari già presenti in storie precedenti ed è stata forte la sensazione che la scrittrice abbia un po’ come copiato se stessa. Cose che non viene mai bene come la prima volta. Chiudendo il libro, il pensiero è andato al giorno più francese di tutti i giorni francesi. Del resto della storia mi rimarrà poco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri