La morte mi è vicina La morte mi è vicina

La morte mi è vicina

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Una giovane, attraente donna è morta, uccisa con un colpo di pistola esploso attraverso la finestra del soggiorno di casa sua, una delle poche costruzioni di un breve viale in cui i vicini si conoscono tutti e sanno tutto di tutti. Due indizi instradano inizialmente l’ispettore capo Morse: un criptico messaggio che cela data, ora e luogo di un appuntamento, e una foto con uno sconosciuto dai capelli grigi. Un terzo indizio che si aggiunge in seguito appare più promettente: un possibile errore di percorso dell’assassino. Poiché tutto è vago e fuori posto in questo nuovo mistero tra le mani dell’ispettore della Thames Valley Police. Non sembra esserci un motivo solo per cui Rachel James, la vittima, sia stata eliminata. Il modo in cui è stato fatto è distorto e sproporzionato ma sembra quello di un professionista. L’indiziato numero uno manca del movente e i suoi tempi non si incastrano con quelli del delitto. I testimoni sono drammaticamente reticenti in quel breve viale, quasi un cortile, della morte. E tutto, soprattutto, sembra perdere i propri chiari contorni dentro la melassa di buone maniere, ipocrisie, complotti e trappole della upper class intellettuale di Oxford: il vecchio rettore di uno dei maggiori college sta, infatti, per «appendere la toga al chiodo» e deve essere eletto il suo successore, così le mogli, gli amici, le amanti e i sostenitori dei due candidati non si negano colpi micidiali. Che stia nascosta in quel nido di serpenti la verità? Naturalmente, Morse alla prima non ci prende. Ma «quasi sempre la mente di Morse raggiungeva l’apice della creatività quando una delle sue ipotesi astruse e improvvisate veniva rasa al suolo». Inoltre sempre vigile a sostenerlo c’è il suo vice Lewis. Il rapporto tra i due è il motore dell’azione: Morse è un persecutore inventivo e malinconico, Lewis è paziente e dotato di un robustissimo principio di realtà.

Recensione della Redazione QLibri

 
La morte mi è vicina 2018-08-04 14:10:35 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    04 Agosto, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

enigmistica classica

Questo è un giallo classico. Nonostante sia stato scritto nel 1996, con le dovute eccezione per i diversi dispositivi tecnologici presenti, avrebbe benissimo potuto essere uscito dalla penna di un autore di inizio secolo. Del resto il suo autore, deceduto nel 2017 era un ex docente di greco in un'università inglese, nonché un noto enigmista. La logica, la cura per i dettagli, la ricerca dei termini più appropriati, sono quindi insiti nel suo essere e non potevano non rispecchiarsi anche nei suoi romanzi. " La morte mi è vicina" fa parte di una serie di romanzi dei quali sono protagonisti Morse e Lewis : rispettivamente ispettore e suo vice nella Thames Valley Police. Indisciplinato, pedante, ma anche intuitivo e dedito al lavoro il primo. Il secondo paziente e preciso. Birra il primo, succo d'arancia il secondo, scapolo e donnaiolo uno, marito fedele il secondo. Ma messi assieme sono il perfetto completamento l'uno dell'altro: uno fa la domanda e l'altro risponde, uno inciampa e l'altro lo afferra al volo. In questo caso si trovano di fronte all'assassinio di una ragazza. Un omicidio strano perché sembra fatto da un professionista, ma un indizio lascia intendere che sia stato piuttosto maldestro. Le prime ipotesi ed illazioni hanno vita breve, perché al primo segue un altro assassinio nella stessa strada residenziale di Oxford. così le indagini prendono quota. Poco alla volta ci inoltriamo nell'ambiente vittoriano di un college inglese. Ceniamo con il rettore, veniamo a sapere che sta per lasciare l'incarico e che sono prossime le elezioni del suo successore. Facciamo conoscenza anche con le mogli dei candidati: chiacchierate e ammirate, temute e invidiate. Ci insinuiamo nelle loro case e frughiamo tra i loro panni sporchi. Così da sotto una patina di perbenismo spuntano vizi ed eccessi. Piccoli segreti, grandi peccati, vizi occulti e virtù solo ostentate. I moventi si fanno avanti e iniziano ad accumularsi dando spazio a un buon numero di sospettati. Piano piano con l'aiuto dei due poliziotti varie ipotesi si formano davanti a noi e poi vengono solo con l'ausilio della logica smontate pezzo per pezzo. fino ad arrivare alla soluzione finale. Anche in questo caso Morse no si smentisce: mette in fila davanti al colpevole tutte le prove, ribatte a tutte e obiezioni finché non ha altra scelta che quella di confessare.
Romanzo molto lontano da quello che oggi si definisce giallo o thriller. come ho già detto è tutto incentrato sulla logica, e sull'intuizione, Non aspettate quindi di trovarvi dell'azione o tensione. Comunque piacevole da leggere, pieno di citazioni e costellato da perle di humor inglese per chi lo gradisce e lo comprende.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Isola di neve
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quinto comandamento
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza e la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non fare domande
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri