La morte non dimentica La morte non dimentica

La morte non dimentica

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Un giorno come tanti la violenza irrompe nella vita di Dave Boyle, undici anni, devastandola. Ore e ore di torture e sevizie per mano di due spietati rapinatori, poi la fuga. Venticinque anni più tardi, Dave Boyle è ancora ostaggio di quell'incubo: è il maggiore indiziato in un caso di omicidio. La vittima è Katie Marcus, figlia amatissima di Jimmy, amico d'infanzia di Dave e di Sean Devine, l'agente incaricato delle indagini. Per i tre ex amici Sean, Jimmy e Dave è giunto il momento di fare i conti col passato, e con l'agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime. Solo scavando indietro nel tempo Sean riuscirà a scoprire la sconvolgente verità sulla morte di Katie.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.7  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La morte non dimentica 2020-06-27 10:35:51 luvina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
luvina Opinione inserita da luvina    27 Giugno, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Boston e il Mystic river

Ho acquistato questo romanzo di Dennis Lehane (lo stesso autore di Shutter Island) quasi per un sesto senso, avendo visto molti anni fa il film di Clint Estwood e al dire il vero ricordando poco della trama. Bene, come al solito il film non rende del tutto giustizia allo splendido romanzo di Lehane, una vera e propria epic novel, dentro c’è tutto amore, amicizia, vendetta, coraggio, una mole di materiale gestita benissimo dall’autore che ci offre anche uno spaccato di vita americano. Ci sono vite tragiche senza riscatto, le colpe dei padri che ricadono sui figli, l’alienazione, un importante approfondimento psicologico dei personaggi.
Il romanzo è un thriller che parte dal 1975 quando tre amici undicenni, Jimmy, Sean e Dave, giocano insieme su una strada del Point, un quartiere medio borghese di Boston. Ad un certo punto vengono avvicinati da un’auto con due sconosciuti che rapiscono Dave il quale dopo quattro lunghi giorni riesce a scappare, ma il suo ritorno a casa è caratterizzato da disprezzo, bullismo, vergogna. L’azione si sposta poi al 2000, molte cose sono cambiate nelle vite dei tre amici, quando in una notte di pioggia viene uccisa Katie, la figlia diciannovenne di Jimmy. Sean sarà il poliziotto incaricato delle indagini.
Nonostante l’aura thriller questo è un romanzo molto profondo, radicato nel tessuto americano e i suoi limiti, tocca tematiche importanti come la divisione di classe anche in gruppi sociali perlopiù omogenei (in questo caso operai), la vita disagiata delle periferie di una grande città come Boston, l’assenza di prospettive valide e/o di riscatto per chi proviene da quei quartieri dove si conoscono tutti e tutti sono un po’ parenti fra loro, la mancanza di recupero psicologico da traumi giovanili dovuti a pedofilia ma anche alla disgregazione della famiglia. Nessuno aiuta Dave ad affrontare ed elaborare il trauma subito anzi resterà a vita bollato da ciò che gli successe a undici anni e continuerà ad essere tradito e non considerato fino alla fine, anche quando cercherà di salvarsi da solo. Ma nessuno si salva da solo, nemmeno Jimmy che pure ci ha provato per amore di Katie, nel finale tornerà ad essere quello che in realtà è sempre stato.
Ma Dave e Jimmy sono dei Flats, estrema disagiata periferia mentre Sean è del Point e si capisce fin dalle prime pagine; il loro destino è stato e sarà diverso grazie a poche centinaia di metri, di pochi isolati che però diventano un limite invalicabile. Tutte queste tematiche non inficiano per nulla la trama del giallo, dell’omicidio da risolvere (tragica ed inaspettata anche la conclusione).
Uno dei punti di forza di “Mystic river” è la caratterizzazione dei personaggi, perfetta, tanto da rendere tutti protagonisti anche figure più marginali ma ugualmente importanti al fine della storia (penso alla madre di Brendan come al sergente Whitey). Un capitolo a parte sono le donne, le mogli, praticamente perfette e funzionali con tutti i loro limiti caratteriali ed esistenziali. Appassiona alla lettura una scrittura fluida, mai sciatta, con dialoghi stringenti e a volte crudi come la vita dei personaggi.
Dunque “Mystic river” è un romanzo straordinario, sicuramente da leggere se si amano i libri interessanti, con contenuti e buona scrittura.
“Diretti dove? Diretti nel luogo in cui le luci sono già estinte, idiota. E diventate vetri in frantumi”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
La morte non dimentica 2015-03-22 18:05:20 Vita93
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    22 Marzo, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Point e Flats

Periferia di Boston, zona East Buckingham, quartiere Flats, 1975. Jimmy, Sean e Dave sono tre ragazzini diversi tra loro per carattere ed estrazione sociale che giocano per la strada e cominciano a litigare.
Un' auto si ferma, al suo interno ci sono due uomini. Uno di loro esce, si avvicina ai ragazzini e mostra loro un distintivo : è un poliziotto. Li rimprovera per il baccano e costringe Dave, il più insicuro, a salire in macchina per essere riaccompagnato a casa. E' l' inizio di un incubo, perchè i due uomini non sono affatto poliziotti, sono pedofili. Dave riesce a scappare dopo quattro giorni di violenze, ma non sarà più lo stesso.
25 anni dopo Jimmy è un commerciante con un passato da ladro e scassinatore, Sean è un poliziotto e Dave è un onesto lavoratore. Tutti e tre sono sposati. L' omicidio della figlia diciannovenne di Jimmy li farà rincontrare dopo che si erano persi di vista da anni.

Dennis Lehane non ha bisogno di presentazioni, dai suoi romanzi sono stati tratti film di grande livello da registi del calibro di Clint Eastwood, Martin Scorsese, Ben Affleck.
" Mystic River - La morte non dimentica " è catalogato come un thriller, definizione a dir poco riduttiva per la grande densità emotiva che traspare dalla prima all' ultima pagina.
E' una storia di strada, di vita dura e cruda, dove la violenza è sempre pronta a farla da protagonista fin dall' inizio, da quando Dave sale in quella macchina e la vita dei tre ragazzini cambierà irrimediabilmente il proprio corso.
La caratterizzazione e l' analisi psicologica dei tre personaggi principali risulta eccellente, tanto che non si avvertono cali nella narrazione e ognuno di essi potrebbe ergersi a protagonista centrale della vicenda per spessore e profondità.
Altrettanto importanti e definite sono le rispettive mogli di Jimmy, Sean e Dave, che da comprimarie si ritrovano ad avere sempre più importanza per l' esito della vicenda.
Lo stile di Lehane è asciutto e semplice, senza eccessivi tecnicismi e metafore che sarebbero risultati fuori contesto per una storia così " adulta ".
La vera forza del romanzo, oltre all' egregio sviluppo dei personaggi, risiede nella quantità di temi trattati, dall' amicizia all' amore fino alla vendetta, al risentimento e al sospetto verso chi ci sta vicino, tutti descritti con scene e descrizioni di forte impatto.
" Mystic River " non eccelle per dinamismo e colpi di scena, elementi tipici di un thriller, ma anche qui come per quanto riguarda il linguaggio, non sarebbero stati fini alla durezza della storia, che invece è introspettiva, lenta ma inesorabile, corrotta e corrosiva come le acque sporche del fiume che fa da contorno alla vicenda.

" Hai mai pensato come la più insignificante delle decisioni possa cambiare il corso delle nostre vite ? Sto solo dicendo che ci sono dei fili, ok? Ci sono dei fili nella nostra vita. Se ne tiri uno, tutto il resto cambia di conseguenza ".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
La morte non dimentica 2010-02-22 14:47:18 Minny
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Minny Opinione inserita da Minny    22 Febbraio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un libro bellissimo

Non vi narro in dettaglio la trama per non togliervi il piacere della lettura, che, in questo caso, è veramente grande. Con sottigliezza e senza indulgere in descrizioni particolareggiate di eventi atroci, l'autore traccia il profilo di Dave, segnato per sempre dal ricordo indelebile delle violenze subite, come pure di Jimmy e di Sean. Questo libro, scritto benissimo, è un esempio di come si possano trattare anche i temi più scottanti senza mai andare sopra le righe. Lo scrittore ha capito che il non detto ha maggiore "force de frappe" dell'accumulo di fatti sanguinosi, riportati con gratuita ricchezza di particolari.
Colpisce il perfetto ritratto psicologico di persone segnate per sempre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
ed ama i libri belli, quelli veramente belli, non quelli spacciati per tali da spomsor interessati.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri