La sedia vuota La sedia vuota

La sedia vuota

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Quadriplegico da anni in seguito a una lesione alla spina dorsale, Rhyme vuole a tutti i costi recuperare almeno in parte la mobilità. Con Amelia si reca quindi al Centro Medico dell'Università del North Carolina per sottoporsi a un'operazione ad alto rischio. Ma appena arrivati le autorità locali chiedono il loro aiuto in un'indagine: nell'arco di ventiquattr'ore, infatti, nella sonnolenta cittadina di Tanner's Corner ci sono stati un omicidio e il rapimento di due giovani donne. Rhyme e Amelia sono l'ultima speranza delle due ragazze. Il sospetto principale è uno strano adolescente soprannominato "l'Insetto" per la sua inquietante, morbosa ossessione per queste creature.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La sedia vuota 2017-10-04 10:26:26 Vita93
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    04 Ottobre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nido di vespe

“ La sedia vuota “ è il terzo romanzo della serie ad opera di Jeffery Deaver che ha per protagonista Lincoln Rhyme, il criminologo quadriplegico più famoso della letteratura.
Accompagnato dall’ assistente Thom e dalla sempre presente Amelia Sachs, poliziotta dalla folta capigliatura rossa tanto affascinante quanto competente, lo scorbutico Lincoln si reca in una piccola cittadina del North Carolina per sottoporsi ad una delicata operazione chirurgica.
Un intervento rischioso dalle conseguenze imprevedibili, ma che potrebbe garantirgli un parziale miglioramento rispetto all’ attuale condizione nella quale è in grado di muovere soltanto la testa e l’ anulare sinistro.
Ma proprio quando mancano pochissimi giorni alla data dell’ operazione, la straordinaria esperienza di Rhyme è richiesta dalla polizia locale per risolvere un caso di omicidio e di scomparsa di due giovani ragazze. Secondo le prime indiscrezioni l’ identità del sospetto sembra inequivocabile; uno strano adolescente problematico e sociopatico con una morbosa passione per il mondo degli insetti.

Dopo i primi due splendidi e metropolitani capitoli della serie ambientati a New York, Deaver immerge Lincoln e Amelia in una zona rurale dell’ est degli Stati Uniti piena di minacciose paludi.
Non è una caso che nel testo ricorra spesso l’ espressione “ pesce fuor d’ acqua “ per sottolineare la difficoltà del meticoloso protagonista nel fronteggiare un’ area geografica di cui per la prima volta non conosce la storia, il terreno, la flora e la fauna.

Ogni volta che mi trovo di fronte ad un thriller di un maestro del genere come Deaver, non posso fare a meno di ammirare la meticolosità di un tessuto narrativo che resta sempre verosimile nonostante salti temporali, indizi e colpi di scena siano degni delle più complesse matrioske.
Stavolta però l’ inizio è più macchinoso e occorre tempo prima di provare il desiderio di non mollare più la lettura fino al termine delle pagine.
Un’ ambientazione così vasta, sonnolenta e labirintica non consente a Deaver di mantenere costante la frenesia del racconto, anche se l’ autore nativo di Chicago si fa ampiamente perdonare con una parte finale avvincente e imprevedibile che eccelle per ritmo e qualità dei colpi di scena capaci di stupire anche i lettori più smaliziati.
Un altro pregio che ancora una volta ho riscontrato in questa serie è dato dal fatto che un personaggio come Rhyme è una tale miniera di conoscenze scientifiche, geografiche e mediche che dopo ogni avventura si ha la piacevole sensazione di possedere qualche curiosa e utile nozione in più rispetto a prima.

In conclusione “ La sedia vuota “ si attesta su livelli ottimi grazie ad un elettrizzante finale, seppur complessivamente non sia a mio parere al pari dei migliori e precedenti lavori dello scrittore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sedia vuota 2013-09-09 16:34:06 All-In-For-Cichis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
All-In-For-Cichis Opinione inserita da All-In-For-Cichis    09 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Anche le emozioni trovano il loro posto

Emozioni in un thriller di Jeffrey Deaver? Ebbene sì, per questa volta. Un libro unico nel suo genere per il giallista americano, che pur di libri ne ha scritti, crudi, violenti, senza pietà, ma è in questo che il rapporto tra i due protagonisti, Rhyme e Amelia, raggiunge un livello superiore. Colpa delle peripezie che si succedono nella storia, che costringono Amelia a prendere decisioni estreme mentre intorno a sè "accadono cose", senza che lei ne abbia una vera colpa. Ma la sua colpa non è negoziabile dalla gente della piccola cittadine nel North Carolina, almeno non fino agli svariati colpi di scena finali, un classico assoluto per quanto riguarda Deaver. Insomma, un libro diverso dal solito, più avventura che thriller, ma diretto magistralmente dal regis... ehm, autore che lo rende una chicca a cui un amante dei gialli NON può rinunciare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Uno qualsiasi dei 13 libri collegati a questo filone narrativo (Rhyme o Dance). Ne basta uno e non potrete più smettere.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sedia vuota 2008-09-21 22:19:22 fabiomic75
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
fabiomic75 Opinione inserita da fabiomic75    22 Settembre, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bella sorpresa!

So che a molti di voi il sentir definire "sorpresa" Deaver sembrerà strano però nel mio caso si tratta della prima sua opera che leggo ed appunto sono rimasto molto soddisfatto.

Questo romanzo è il secondo della saga di Lincoln Rhyme ed Amelia Sachs, i quali si trovano ad indagare in una cittadina fuori dal tempo degli Stati Uniti al fine di ritrovare una ragazza sequestrata da un personaggio psicotico da tutti chiamato l'insetto per motivi abbondantemente approfonditi nel racconto. Il libro è ben scritto, ricco di particolari e mai avaro di colpi di scena. Bello il profilo psicologico di Rhyme. Sicuramente consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri