Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror La traiettoria della neve
 

La traiettoria della neve La traiettoria della neve

La traiettoria della neve

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di La traiettoria della neve, romanzo di Jens Lapidus edito da Mondadori. Mrado Slovovic è un picchiatore della mafia slava di Stoccolma, un capobranco gonfio di anabolizzanti che gestisce il giro delle estorsioni con dedizione assoluta. Ma è anche un padre che adora la figlia piccola e cerca disperatamente di stabilire un rapporto con lei. Da quando però il capo è cambiato, Mrado ha dei problemi: la sua posizione nell'organizzazione è sempre più difficile, e da un momento all'altro potrebbe venire scaricato. Jorge Salinas Barrio è un ragazzo di origini sudamericane, figlio di uno dei quartieri più disastrati della capitale, finito in prigione per spaccio di cocaina dopo essere stato tradito dai suoi datori di lavoro. Ha aspettato a lungo il momento giusto per evadere, pianificando meticolosamente la fuga, e ora è fuori grazie a una spettacolare evasione. Ma non ha mai pensato sul serio a cosa fare una volta libero. È solo, non può nemmeno contattare la sorella, l'unica persona alla quale è affezionato, e ha un disperato bisogno di soldi. Johan Westlund, per tutti JW, è un giovane studente di economia, sempre vestito alla moda e instancabile frequentatore dei migliori locali di Stoccolma. Quello che però i suoi ricchi compagni di bagordi non sanno è che JW in realtà è uno spiantato ragazzo di campagna, che lavora di notte come tassista abusivo per pagarsi i lussi e far parte del jet set. Ma quanto potrà durare la sua farsa? Tre criminali dall'inquietante inventiva, disposti a tutto pur di riuscire a fare il salto. È il traffico di cocaina a farli conoscere e a metterli sulla stessa rotta, ma anche a catapultarli nella sfera di interesse di Radovan, il capo della malavita slava, che pochi hanno visto di persona ma che governa i destini della droga a Stoccolma, e di chiunque ne faccia smercio... Dando vita a tre personaggi indimenticabili, Jens Lapidus racconta come nessun altro prima di lui il mondo criminale di Stoccolma offrendoci, allo stesso tempo, il migliore e più sconcertante spaccato delle nuove mafie nell'Europa delle migrazioni.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (4)
Contenuto 
 
3.3  (4)
Piacevolezza 
 
3.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La traiettoria della neve 2011-05-09 09:27:52 il_caimano
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
il_caimano Opinione inserita da il_caimano    09 Mag, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

COOL!

Non male questo giallo thriller svedese, acquistato in promozione a pochi eurini, e nonostante la lunghezza una bella sorpresa!
Punti di forza:
1) il racconto per compartimenti stagni (ognuno col suo punto di vista) ha l'indiscutibile vantaggio di rendere tutto più semplice, anche, come in questo caso, quando si racconta un plot ricco di sottotrame;
2) il contesto sociale e umano, che si focalizza in particolare sull'insieme di rituali d'onore delle popolazioni slave (in questo mi ricorda anche "Educazione siberiana" di Nicolaij Lilin) e sulla vita agiata di certa upper class svedese (JW non è un nipotino nordico di Patrick Bateman?);
3) una bella suspence, che praticamente non ha cedimenti per tutta la lunghezza del racconto, e che beneficia del fatto che non ci sono inutili digressioni, ma tutto il racconto è incentrato sui 3 protagonisti.

Punti di debolezza:

1) l'ambientazione: Lapidus si sforza di conferire una connotazione geografica e sociale citando spessissimo i quartieri, le strade, le singole vie di Stoccolma, ma il rischio di una descrizione quasi folkloristica e campanilistica è dietro l'angolo.
2) il titolo secondo me è fuorviante e poco congruo rispetto al racconto, visto che molte scene sono descritte durante la stagione estiva.
3) alla fine del libro ci si chiede quanto di vero o di verosimile ci sia nel suo racconto. A giudicare sulla base del libro Stoccolma è una città che manco il peggior Bronx degli anni '70....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
La traiettoria della neve 2011-03-21 13:17:18 cesare giardini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    21 Marzo, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo privo di personaggi positivi

Jens Lapidus, avvocato e scrittore svedese trentasettenne ci introduce con questo prolisso romanzo (più di cinquecento pagine) nell’oscuro e losco mondo dei traffici illeciti, cocaina e prostitute di basso e alto rango, in una Stoccolma lugubre e segnata da lotte di bande criminali, locali, slave, arabe, per il dominio sulle mille risorse della malavita ed il riciclaggio di fiumi di denaro sporco. Si muovono stringendo alleanze e facendosi una concorrenza spietata personaggi ben delineati, il cui scopo essenziale è l’accumulo di ricchezza e l’eliminazione di pericolosi rivali. Dopo un inizio lento e a tratti noioso, il romanzo prende quota, si fa avvincente : la guerra tra boss della droga coinvolge svariati strati sociali, dall’immigrato arabo all’evaso sudamericano, dagli slavi spietati reduci da guerre fratricide a rampolli locali di buona famiglia bramosi di agiatezze e di denaro facile. Tra le pecche, da segnalare lunghi brani di interrogatori e resoconti tratti da cartelle giudiziarie (se ne poteva fare a meno) ed un finale sbrigativo e a tratti inverosimile , come se lo scrittore non sapesse come concludere la lunga e intricata vicenda. Un buon romanzo, comunque, che apre spiragli su un mondo oscuro e nascosto, privo di speranze e di personaggi positivi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi "dark"
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La traiettoria della neve 2011-03-16 11:04:36 faye valentine
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
faye valentine Opinione inserita da faye valentine    16 Marzo, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il ragazzo che giocava con la neve...

Il titolo di questo romanzo mi ha incuriosita fin dalla prima volta in cui lo vidi, poi lessi la recensione di Sabrina su Qlibri e decisi di acquistarlo: non era esattamente il genere che avevo voglia di affrontare in questo periodo, però, non avendo io mai nessun tipo di preclusione per genere di letture, mi ci sono comunque buttata a capofitto e l'ho trovato decisamente un'ottima scelta.
L'alternanza delle vicende dei tre protagonisti, sempre con capitoli con la stessa cadenza permette di considerarlo una sorta di "fiction", a cui presto ci si affeziona, e, nonostante le vicende narrate siano abbastanza intricate, credo che proprio questa scelta stilistica, apparentemente ripetitiva, renda la lettura più semplice e notevolmente scorrevole. Trovo sia difficile appassionarsi a un personaggio piuttosto che a un altro: nonostante qualche valore di fondo (la famiglia, la paternità), sono tutti personaggi negativi, chi più chi meno. Inizialmente ho trovato più interessanti le vicende dell'arrivista JW, uno spacciatore fashion-victim che a tratti mi ha fatto pure sorridere per la sua superficialità. I tre protagonisti, ma anche i personaggi che ruotano loro attorno e che hanno comunque ruoli di grande rilevanza, sono ben delineati e non appesantiti troppo dai soliti chichès riguardanti narcotraffico e mafia. Mrado, Jorge e JW alternano le loro azioni e i loro pensieri per più di 600 pagine, senza annoiare mai, tenendo sempre gli occhi del lettore incollati, e dando vita ad un romanzo appassionante ma interessantissimo anche dal punto di vista sociale. Promosso a pieni voti Jens Lapidus!
La traiettoria della neve fa parte di una trilogia (sicuramente leggerò il successivo, dal titolo Mai far cazzate), ma è leggibilissimo come romanzo a sé stante. Lo stile scandinavo, definito generalmente freddo e gelido da tanta critica, non è riproposto in questo romanzo: ho trovato piuttosto uno stile secco e aspro, ma anche molto frizzante e giovane e sicuramente adatto a dipanare una vicenda dai contenuti così crudi e violenti. Visto l'argomento trattato ho trovato qualche assonanza con il secondo romanzo larssoniano, La ragazza che giocava con il fuoco: l'argomento che sottende la vicenda di Mikael e Lisbeth, e che passa apparentemente in secondo piano rispetto agli sviluppi della storia dei due, qui è sviscerato nel suo profondo ed affrontato con uno stile diverso e accattivante. Quindi, se volete inoltrarvi nel lato criminale dell'affascinante Stoccolma, accomodatevi pure...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La ragazza che giocava con il fuoco (Stieg Larsson)
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La traiettoria della neve 2010-09-06 15:40:39 sabrinat2601
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
sabrinat2601 Opinione inserita da sabrinat2601    06 Settembre, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dalle stelle alle stalle...e viceversa

Intrigante excursus sulla malavita scandinava.
I protagonisti di questo freddo thriller non sono i classici eroi impavidi immolati sull'altare della giustizia e del bene comune, tutt'altro: Mrado, JK e Jorge sono tre malviventi che vivono di menzogne, violenza e spaccio.
Il primo è un picchiatore slavo ed amorevole padre, il secondo un evaso cileno con alti valori famigliari e il terzo un giovane di umili origini che vende l'anima al diavolo per entrare nel mondo luccicante dei VIP.
La voglia di primeggiare, la smania per il potere, la vendetta e i soldi facili fa incontrare e scontrare i nostri tre protagonisti fino a quando...
La penisola scandinava ha portato alla luce un altro buon autore.
Consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Letteratura scandinava..
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri