La valle della paura La valle della paura

La valle della paura

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Fra tutti gli avversari che Sherlock Holmes ha dovuto affrontare nell'arco della sua carriera il professore Moriarty è stato sicuramente il più pericoloso. In questa avventura il terribile scienziato, nascosto dietro un'insospettabile copertura, fa sfoggio del consueto malefico talento, progettando un piano criminale che lo stesso Holmes non esita a definire geniale. Una delle avventure più complesse e avvincenti del flemmatico e infallibile detective di Baker Street.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.6  (5)
Contenuto 
 
4.2  (5)
Piacevolezza 
 
4.2  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La valle della paura 2019-05-10 16:00:25 archeomari
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    10 Mag, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

struttura narrativa vincente non si cambia

Watson sostiene che io sono il drammaturgo della vita reale. Una certa inclinazione artistica vibra sempre dentro di me ed esige una rappresentazione con una sapiente regia. Certo, caro Mac, la nostra professione sarebbe ben sordida e grigia se a volte noi non disponessimo la scena in modo da esaltare e glorificare i nostri risultati. L’accusa rozza, il colpo brutale sulla spalla; come può essere giudicato un tale denouement? Ma l’illusione rapida, l’agguato sottile, l’intelligente previsione di eventi futuri, la prova trionfante di teorie audaci non costituiscono forse tutti questi elementi l’orgoglio e la giustificazione della nostra vita di lavoro?”

Ecco una sorta di programma, di manifesto di “poetica” di Holmes, al quarto ed ultimo romanzo delle sue avventure, pubblicato nel 1915.
L’opera si divide in due come nel primo romanzo, “Uno studio in rosso”: nella prima parte c’è la presentazione e la risoluzione del caso e nella seconda l’antefatto dell’azione criminale.
Nella prima, l’azione si svolge in Inghilterra, nella seconda, ci spostiamo in America. Come per “Uno studio in rosso”, anche ne “La valle della paura”, c’è un uomo che si lega indissolubilmente ad una setta, ad un’associazione che rivela poi intenti criminali e da cui cercherà di liberarsi, con tragici risultati.
La seconda parte è piena di azione, di suspence : regolamenti di conti, riti di iniziazione alla loggia criminale, messaggi intimidatori, imprenditori di ogni sorta che pagano un “tributo” per essere lasciati in pace..insomma una vera “camorra” di altri tempi.
La risoluzione del caso poliziesco, come ho già detto, si presenta nella prima parte del romanzo e mette in risalto le geniali abilità deduttive di Sherlock Holmes.
Giunta al quarto ed ultimo romanzo dedicato al famoso “consulente”investigativo come lui stesso si definisce, posso finalmente dire che considero superiori i primi due romanzi rispetto agli ultimi due. Riconosco la qualità dello scrittore quale uno degli inventori del genere giallo/thriller, per cui lo stile riceve da me il massimo della valutazione, insieme alla piacevolezza narrativa che non delude mai e che tiene incollati sulla pagine fino alla fine, tuttavia non mi sento di dare 5 stelle al contenuto poiché mi è sembrato, nella struttura e anche nell’ambientazione, una replica de “Uno studio in rosso”.
È come se Doyle non volesse diluire la ricostruzione del caso in un romanzo, ma considerasse l’azione “poliziesca” migliore, più confacente ad un racconto, per cui fa entrare in scena Holmes solo in una piccola parte, per poi dedicare il resto del libro dando prova delle sue abilità narrative, raccontando vere e proprie storie di casi criminali accaduti in America e che costituiscono la premessa, ben raccontata, dei fatti investigati a Londra o nelle vicinanze.
Anche ne “Il mastino dei Baskerville” viene dato poco spazio alla ricostruzione di Holmes, che compare solo all’inizio e alla fine del romanzo, il resto è un dettagliatissimo resoconto del dottor Watson. Solo il romanzo “Nel segno dei quattro” la ricostruzione del detective procede di pari passo con gli eventi narrati per tutta la durata della storia.
Chissà, forse Doyle, dopo aver “usato” le combinazioni possibili ricostruzione poliziesca/antefatto storico e antefatto inserito nella narrazione della ricostruzione del detective, abbia poi deciso di passare ai racconti delle avventure di Holmes, per me dei veri gioielli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A tutti, in particolare a chi ama il genere ‘giallo’
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

La valle della paura 2014-02-01 17:23:23 ClaudiaM
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ClaudiaM Opinione inserita da ClaudiaM    01 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La valle della pura – Arthur Conan Doyle

Semplicemente fantastico! Interattivo! Dopo aver letto i primi capitoli ho chiuso il libro e ho cominciato a fare le mie ipotesi su cosa potesse essere accaduto, cercando di esaminare la situazione così come veniva presentata. Dopo di che, finite le idee, ho ripreso la lettura… il giorno dopo! Questo sta a indicare quanto mi abbia preso il romanzo. Un’intera giornata passata a ipotizzare gli eventi! Poi, a mano a mano che la storia proseguiva, eliminavo alcune supposizioni e ne aggiungevo di nuove. Insomma, davvero fantastico, forse il migliore dei quattro romanzi che ho letto, a cui segue “Il mastino di Baskerville”. Il lettore viene coinvolto a tal punto che sembra di essere lì, sulla scena del crimine, al fianco di Sherlock Holmes e John Watson.
Di tutt’altro stile è, invece, la seconda metà del romanzo: veniamo catapultati in America e ci è difficile comprendere come la vicenda narrata sia in qualche modo collegata a quella precedente, fino alla rivelazione finale con colpo di scena.
Bello davvero! Ovviamente lo consiglio a tutti! Vi innamorerete di queste storie, a tal punto da mancarvi una volta finite. Ma ci sono sempre i racconti!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a tutti, amanti del genere e non.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La valle della paura 2013-10-12 06:12:59 LittleDorrit
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    12 Ottobre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dal giallo British al thriller: poco piacevole!

Ed eccoci all'ultimo romanzo della raccolta Einaudi.
Questa volta Holmes si ritrova a dover decifrare un codice inviatogli da un tale Fred Porlock.
Il messaggio contiene un'avvertimento: Mr. Douglas, residente nel castello di Birlstone, nella regione del Sussex, è in grave pericolo.
Anche il detective MacDonald lo va a trovare per lo stesso motivo solo che non c'è più tempo di salvare nessuno: Douglas è già morto.
Insieme, quindi, decidono di intraprendere il viaggio per andare ad esaminare la scena del delitto.
Il castello ha un fossato tutt'intorno, il cadavere è orrendamente sfigurato, c'è una strana impronta di sangue sul davanzale della finestra, una moglie bellissima che vive sotto lo stesso tetto ed un simbolo misterioso sul braccio della vittima.
Qualcosa non quadra e....niente è come sembra.
Dopo una attenta analisi dei particolari in perfetto "stile Holmes", il caso viene risolto in quattro e quattr'otto con alcuni colpi di scena e con i riflettori puntati su personaggi alquanto ambigui.
Qui si chiude la prima parte del romanzo.
La seconda parte narra, invece, l'antefatto della vicenda che ha il sapore "metallico" di un thriller all'americana.
La matassa è piuttosto ingarbugliata. A complicarla ulteriormente subentrano personaggi, società segrete e una vecchia conoscenza di Holmes, il professor Moriarty, uomo dall'intelletto acuto e dalle grandi abilità criminali che rappresenterà la spina nel fianco del grande detective per tutta la sua carriera di detective.
Si chiude così il ciclo dei romanzi sulle avventure a tinte gialle di Holmes e del fidato collaboratore/biografo Watson.
Dopo un inizio entusiasmante e dalle buone premesse, che però non si sono avverate, ci ritroviamo a leggere di un caso risolto davvero troppo velocemente; non si ha il tempo di gustare l'insieme che ci si trova subito immersi in una seconda parte dove tutte le premesse sbiadiscono in favore di una storia, indubbiamente colorita ed avvincente ma che prescinde dalle avventure del detective e quindi annoia un po'.
Lo stile di Doyle è, come sempre, impeccabile anche se stavolta si è lasciato risucchiare da un modello tutto nuovo di poliziesco che non appartiene affatto al "keep and calm" inglese.
Questo romanzo mi ha convinta poco.
Ne consiglio ugualmente la lettura per rinforzare il giudizio positivo nei confronti di altre migliori avventure.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutto Holmes
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
La valle della paura 2012-08-30 18:08:47 dokusha
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
dokusha Opinione inserita da dokusha    30 Agosto, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN DISCRETO GIALLO,UN OTTIMO LIBRO

Non consiglio "La Valle della Paura" a chi cerca principalmente un grande giallo di Doyle:infatti il libro è un giallo solo a metà,dato che le investigazioni di Holmes occupano solo le prime 100 pagine,e per quanto il mistero sia abbastanza ben architettato potrebbe comunque lasciare insoddisfatti.Le restanti 100 pagine sono occupate da uno splendido racconto che vi terrà incollati fino alla fine,la quale sono certo vi sorprenderà . Di conseguenza questo libro va valutato nella sua natura ibrida,come un libro che non si offre come semplice giallo ma come racconto di una lunga vicenda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
La valle della paura 2012-03-29 17:21:50 _sectumsempra
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
_sectumsempra Opinione inserita da _sectumsempra    29 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un giallo semplice

Che peccato dare come piacevolezza 3 ad un libro di Doyle! Ma purtroppo non ci sono i mezzi voti e questa volta ho approssimato per difetto e non per eccesso.
Se sono rimasta delusa? Inutile negare che è così. L'inizio mi ha intrigato un sacco, soprattutto quando Holmes e Watson hanno decriptato il messaggio e stava continuando ad intrigarmi quando sono arrivati a Manor House, nel Sussex, per un apperentemente inspiegabile delitto, delitto che ovviamente ero certa che Holmes avrebbe risolto brillantemente, come sempre, ma non in sei piccoli capitoli!
Ebbene si, mi aspettavo un giallo più articolato nel quale mi sarei dovuta scervellare per carpirne l'assassino, invece non ne ho avuto nemmeno il tempo. Holmes capisce chi, come, quando e perchè è stato compiuto il delitto e poi l'ultima (e più lunga) parte del romanzo e occupata da una sorta di digressione storica che ci riposta indietro per capire le cause del caso, e forse è stato proprio qui che la mia attenzione ha cominciato lentamente a scemare.
Attenzione, non dico che la trama non sia "complicata", la trama è molto bella, piuttosto è il giallo, il caso, che è troppo semplice. O forse sono semplicemente le mie aspettative che erano troppo alte, dopotutto, dopo aver letto Dieci Piccoli Indiani di Agatha Christie mi aspettavo un altro giallo avvincente quanto o almeno quasi quanto quello. Comunque ci terrei a sottolineare che mi aspettavo anche di incontrare il Professor Moriarty, ma vi assicuro che lo si sente solo nominare nelle prime pagine e nell e ultime.
La mia opinione dunque non cambia: Il Mastino dei Baskerville è in assoluto il romanzo più bello di Arthur Conan Doyle

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri