Punto critico Punto critico

Punto critico

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Durante un viaggio aereo tra Hong Kong e Denver i passeggeri si accorgono improvvisamente che non tutto sta andando per il verso giusto: il velivolo balla pericolosamente sopra il Pacifico, rischiando la catastrofe. Tre passeggeri perdono la vita, cinquantasei restano feriti, la cabina è praticamente distrutta. Dopo il drammatico atterraggio a Los Angeles inizia un'indagine per scoprire i motivi di questo comportamento anomalo. E' stato un errore dei piloti oppure un guasto meccanico? Si tratta di un difetto strutturale della carlinga o di un sabotaggio terroristico? I protagonisti di Punto critico si trovano così al centro di un drammatico intrigo, che coinvolge le multinazionali dell'aeronautica, le compagnie aree e le compagnie d'assicurazione, e qualche giornalista senza scrupoli.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Punto critico 2011-05-19 08:24:46 dmcgianluca
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
dmcgianluca Opinione inserita da dmcgianluca    19 Mag, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Così così

Così così... è questa la prima opinione che mi sono fatto già a metà libro. Un indagine insidiosa su un incidente aereo che si dipana fra mille tecnicismi che rendono la trama ben adatta al nome della sua protagonista: Singleton, monotòno.
Verso il finale la scena si anima un po', ma niente di che.

Un'altra caratteristica che ho trovato poco piacevole è l'uso sfrenato di espressioni volgari, tipica degli scrittori statunitensi. La volgarità del linguaggio è appiccicata ai personaggi più subdoli del racconto per evidenziarne la bassezza morale, ma a me piacciono i libri scritti bene e, credo, per delineare un cattivo che si rispetti, le bestemmie non danno valore aggiunto. Non sono un puritano anzi, sono praticamente ateo; solo mi piacciono gli scrittori dallo stile elegante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri