Quasi tenebra Quasi tenebra

Quasi tenebra

Letteratura straniera

Autore

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Quasi tenebra, romanzo di J.R. Ward edito da Rizzoli. Nella città di Caldwell ci sono uomini che hanno sacrificato il cuore e l’anima a un’entità malvagia, l’Omega. In cambio hanno ottenuto l’eterna giovinezza e una missione: sterminare tutti i vampiri che da secoli popolano la città. Per difendersi dalla voglia di morte dei lesser, i vampiri più forti e coraggiosi si sono riuniti nella Confraternita del Pugnale Nero. Mary ha trent’anni, è umana e non sa nulla della guerra che insanguina Caldwell. Quasi tenebra è il secondo romanzo della serie la Confraternita del Pugnale Nero.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.4  (5)
Contenuto 
 
4.0  (5)
Piacevolezza 
 
4.4  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quasi tenebra 2014-05-12 06:42:39 Minuscola
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Minuscola Opinione inserita da Minuscola    12 Mag, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Belli e dannati

Sicuramente son libri scritti bene e veloci. La confraternita lotta e vince quasi sempre per il bene, per "pulire il mondo!" Ma quello che aleggia in tuti i libri, è la storia d'amore che va a configurarsi e compiersi.
Ne ho già letti 4 e devo dire che questo secondo è quello che mi è piaciuto di più fino adesso anche se a volte li trovo noiosi.
Trovo banale il fatto che "una femmina va in calore" e tutti sentono il suo odore e devono per forza accoppiarsi! Ma sono animali o uomini? Forse bestie. Bah!
Inolte in questo libro la donna è stata graziata da quelle che sono le forze maggiori le Vergini che tutto possono decidere. Era molto malata e prossima alla morte, ma è stata salvata...fosse così facile!
Insomma la Ward mi sembra che a volte scivoli nel banale ! D'accordo è impossibile e (forse) non vero questo tipo di modo, ma non deve essere banale!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

Quasi tenebra 2013-03-21 20:13:43 Rizzolini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rizzolini Opinione inserita da Rizzolini    21 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un crescendo di emozioni e...dimensioni!

Complimenti alla ward!
questo è solo il secondo romanzo, quindi non è ancora detta l'ultima, ma per ora sono molto soddisfatta di questa saga!!
Moine varie a parte, passiamo a uno sguardo più analitico:
dal punto di vista della trama c'è sicuramente un miglioramento rispetto al primo romanzo; se nel primo la storia racconta praticamente solo di Wrath e Beth, in questo romanzo incominciano a stuzzicare anche le storie degli altri vampirelli accendendo la curiosità del lettore.
I protagonisti in questo romanzo sono molto teneri e la loro storia fa decisamente commuovere in alcuni punti!
ovviamente in questa saga si fa sentire molto il lato erotico mischiato al comico perchè se già Wrath era ben dotato, Rhage ha dimensioni da record a quanto pare!! Con queste descrizioni molto particolareggiate a cui si aggiungono i moti di stupore da parte della compagna, l'effetto esilarante è assicurato!!
Conclusione? Meyer e Smith, insieme ai loro vampirelli, scompaiono in confronto alla Ward e alla sua confraternita!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
i romanzi della Ward e le storie vampiresche in genere...
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Quasi tenebra 2012-07-22 13:02:30 rondinella
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
rondinella Opinione inserita da rondinella    22 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La fine del vampiro dongiovanni

Dai, posso crederci ancora! Nei vampiri intendo!
Certo, ci troviamo di fronte a succhiasangue molto alternativi, ma meritano davvero un occhio di riguardo. E ve lo dice una che aveva smesso di sperarci...

Dopo l'unione tra il Re cieco e la neo-vampira Beth è la volta del grande amore tra Rhage, dongiovanni d.o.c. (e nemmeno per sua scelta!) e Mary, un'umana dolce, altruista e a cui la vita sta chiedendo un amaro conto. Ma quando Mary finisce per caso nel quartier generale della Confraternita, è amore, ops, passione a prima vista. Un'unione contro ogni legge che richiederà un certo prezzo a entrambi... fino ad un finale inaspettato.

Dico subito che la sottoscritta non è tipo da romanzi d'amore, eppure questa saga mi ha affascinata. Ok, non è un capolavoro della letteratura, ma che importa? La Ward riesce a tenerti incollata alle sue pagine neanche ci avesse spalmato chili di attack.
La storia d'amore in se è molto carina, anche se forse sarebbe stata ancora più dolce se invece di approfondire tanto a livello fisico ci fosse stata una parentesi in più anche sul piano emotivo. Ma insomma, chi conosce già la Ward sa com'è, per chi non la conosce... sarà un piacere leggere ciò che scrive!
I suoi personaggi poi sono eccezionali, ognuno con la propria peculiarità che lo rende originale e pieni di carattere. Ti viene voglia di continuare la saga solo per vedere cosa andranno a combinare. E la cosa più carina secondo me è che sono ben delineati anche i personaggi non protagonisti (sarà per questo che ho un debole per la coppietta in fratellanza Butch e Vishous:quei due insieme sono simpaticissimi!).
Rispetto al primo volume manca un po' d'azione, ma in compenso la Ward -cosa apprezzatissima-ha lavorato un po' di più sul piano psicologico del nemico, cosicché adesso il 'male' risulta un po' meno 'astratto', guadagnando in empatia e coinvolgimento.
Unica nota dolente: mi ero preparata ad un finale che mi avrebbe lasciata k.o e invece alla fine se n'è venuto fuori con una soluzione che mi è sembrata un po' semplicistica... a quanto pare io e la Ward abbiamo gli stessi gusti in termini di The End...

Cos'altro aggiungere... una storia che si rileggerebbe volentieri. Scorrevole, emozionante, simpatica, con un pizzico di suspance e tante sfaccettature interessanti.
Lo stile è fluido, si legge che un piacere, le descrizioni sono ottime, ci si ritrova facilmente a ridere da soli o con le guance un po' arrossate ;)
E poi ogni capitolo è qualcosa di nuovo!
Consigliato a tutti, per evadere un po' con ironia e leggerezza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Quasi tenebra 2012-05-07 18:26:58 Lady Libro
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    07 Mag, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amor ch'a nullo amato amar perdona

Non volevo smettere di leggerlo. Quando smettevo non riuscivo a rimanere concentrata su tutto il resto: la mia testa era perennemente tra quelle pagine che continuavano a chiamarmi. Trovavo ogni momento opportuno e inopportuno per leggerlo, pur di restare sempre bloccata in quel mondo e dimenticare la realtà finchè mi era possibile. Il risultato è che l'ho divorato e quando l'ho terminato non ho potuto fare a meno di deprimermi.
Ed è tutta colpa di quella divina maga della Ward che mi ha fatto un incantesimo: spalmandomi della colla sui bulbi oculari, mi ha afferrato la testa incollandomela a questa stupenda saga da cui non riesco più a staccarmi. E la ringrazierò in eterno per questo. Perchè la Ward crede in quello che scrive, ama quello che scrive e si vede. Si sente. Come una dea perfetta e suprema ha creato un universo che, sebbene non esista, non potrebbe più essere reale di così, ha creato personaggi a cui ha dato vita regalando loro un'anima, una personalità che permette di amarli, odiarli e diventare parte del lettore. Nei suoi libri non esistono il male e il bene assoluti, ed è sufficiente questo a rendere reale ciò che non lo è, a far adorare tutto quanto.
La sensazione concreta di trovarsi in un vero e proprio mondo, la si percepisce grazie alla narrazione delle azioni di ogni singolo personaggio, sia buono che cattivo, e quindi il protagonista non è mai uno solo e il senso dell'insieme è semplicemente perfetto.

Questo secondo libro della saga mi è piaciuto molto di più del primo, per il semplice fatto che qui ho avvertito più passione, più sentimento, nonchè più ostacoli che rafforzano un'unione anzichè dividerla. C'è meno azione qui, ma è un dettaglio assolutamente trascurabilissimo e qui per la prima volta vediamo che un lesser non è così brutto come lo si dipinge e che un po'di umanità gli è rimasta.
Ma la cosa veramente meravigliosa di questo libro è la coppia protagonista: Mary e Rhage, un vampiro e un'umana. Un amore proibito quanto impossibile.
Lui, bellissimo sciupafemmine irascibile e superficiale, qui rivela tutta la sua dolcezza e sensibilità quando s'innamora di questa donna apparentemente fragile, delicata e malata di leucemia, ma in possesso di un'incredibile volontà d'animo e forza spirituale.
Rhage capisce subito che lei non è come le altre donne che ha incontrato, che è una persona speciale e profonda in grado di farlo sentire bene e in pace con se stesso e da quel momento non potrà più rinunciare a lei, affrontando ogni genere di pericolo mortale pur di proteggerla e averla sempre al suo fianco.
Mary, essendo così insicura e non avendo alcuna fiducia in sè, all'inizio non capisce come un uomo stupendo come lui, che può avere tutto il mondo ai suoi piedi, possa amare un tipo anonimo e non proprio bella come lei e perciò per lungo tempo sarà fermamente intenzionata a non innamorarsi di lui, fin quando finalmente riuscirà ad avvertire i forti sentimenti del suo Rhage, e allora la passione sarà totale e intensa...
La malattia di Mary, la mortalità e la vecchiaia umana, l'immortalità di un vampiro, il dolore fisico e spirituale, la terribile maledizione di Rhage, il sacrificio e l'impossibilità della loro relazione, i nemici e i pericoli in agguato sono solo alcuni dei tanti ostacoli che i due innamorati dovranno affrontare per poter stare insieme...

La storia è talmente intensa e coinvolgente che in parecchi punti ho pianto come una cretina, attirando lo sguardo preoccupato di coloro che mi stavano vicino o mi osservavano. Ma non mi sono affatto vergognata di questo. Non esagero dicendo che ho passato alcuni dei giorni più belli della mia vita leggendolo.
Avrei una grandissima voglia di rileggerlo, anche se molto probabilmente le emozioni della prima volta non si ripetono tanto facilmente, e lo reputo uno dei più bei libri che mi siano mai capitati tra le mani. Tra l'altro, il finale è in parte aperto, quindi la voglia di leggere il seguito è immensa...
E pensare che fino a qualche tempo fa odiavo i vampiri con tutta me stessa!
Mai dire mai.

Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Quasi tenebra 2010-11-24 17:07:20 Claire
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Claire Opinione inserita da Claire    24 Novembre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

2° Capitolo della Serie ""La Confraternita del Pug

Una storia d'amore, maledizioni e sofferenza il tutto farcito da tanto sesso...Ma parliamo un pò dei 2 personaggi principali : Mary è una donna forte, determinata e soprattutto ferita dalla vita. Ha dovuto affrontare situazioni molto difficili come la morte della madre dopo lunga e penosa malattia e inoltre ha dovuto affrontare tutto da sola una malattia orribile come la leucemia che l'ha segnata nel corpo e nell'anima e l'incontro con il magnifico Vampiro Rhage la mette a dura prova, primo perchè non riesce a capire come quell'uomo così virile, bellissimo che potrebbe avere tutte le donne ai piedi si interessa proprio ad una ragazza scialba come lei....e poi perchè quando si innamora di lui in quel breve lasso di tempo di felicità il tutto viene rovinato dal ritorno della leucemia....Rhage dal canto suo è attratto terribilemente da Mary, credo che la veda un pò come un'ancora di salvezza, perchè lei è l'unica che lo faccia sentire in pace. Di tutti i fratelli Rhage è quello a detta di tutti "Superficiale" ma l'incontro con Mary lo cambia in qualche maniera o forse lo rende più cosciente della fragilità della vita e dell'importanza dei legami.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri