Shining Shining

Shining

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


L'Overlook, uno strano e imponente albergo che domina le alte montagne del Colorado, è stato teatro di numerosi delitti e suicidi e sembra aver assorbito forze maligne che vanno al di là di ogni comprensione umana e si manifestano soprattutto d'inverno quando l'albergo chiude e resta isolato per la neve. Uno scrittore fallito, Jack Torrance, con la moglie Wendy e il figlio Danny di cinque anni, accetta di fare il guardiano invernale all'Overlook ed è allora che le forze del male si scatenano. Dinanzi a Danny, che è dotato di potere extrasensoriale, lo shine, si materializzano gli orribili fatti accaduti nelle stanze dell'albergo, ma se il bambino si oppone con forza a insidie e presenze, il padre ne rimane vittima.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 18

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.4  (18)
Contenuto 
 
4.3  (18)
Piacevolezza 
 
4.3  (18)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Shining 2017-12-31 09:09:48 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    31 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Danny vs mostri 1 a 0

Jack Torrance è un trentenne alcolizzato, tendente a diventare violento, vicino non solo a toccare il fondo, ma a iniziare a scavare per andare più in basso. Sembra la descrizione perfetta del soggetto di cui si potrebbe facilmente approfittare un malintenzionato. Così non sembra, almeno all'inizio, quando un amico ricco lo raccomanda come guardiano per l'Overlook hotel, un albergo di lusso sui monti del Colorado. Il mastodonte, durante la stazione fredda viene letteralmente sommerso dalla neve e necessita la presenza di qualcuno che limiti i danni dei rigori invernali. Proprio qui accompagnato dalla moglie Wendy e dal figlio Danny, Jack decide di provare a risalire la china. Lontano dall'alcool, dallo stress e dalle critiche dei conoscenti, niente gli impedirà di scrivere il suo romanzo e di ripulire la sua immagine. Ma con una moglie che fatica a fidarsi ancora di lui e con un figlio dotato della "luccicanza": un potere che lo rende capace di leggere nella mente degli altri, la cosa non è semplice. E si farà ancora più difficile quando le entità che abitano nell'albergo si risvegliano, adocchiano una preda facile come Jack e decidono di servirsene per appropriarsi del potere di suo figlio. Questa sorta di vampiri giocano scorretto: usano la paura, le debolezze delle loro vittime. Mentono, lusingano e fanno vane promesse proprio come il più navigato dei truffatori. Hanno però sottovalutato le risorse infinite di un bambino di cinque anni ancora capace di credere nelle promesse degli adulti.
Un classico dell'orrore, capace di far sussultare il lettore con immagini sicuramente irreali e impossibili, ma comunque tanto nitide da essere credibili. Si tratta di un volume uscito per la prima volta nel 1977 e che quindi ha uno stile che ricorda molto i thriller del passato, che io di solito preferisco a quelli attuali. Peccato aver visto prima di leggere il libro la trasposizione cinematografica di KubriK che ha tolto un po' di tensione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Shining 2017-12-03 14:15:44 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    03 Dicembre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

All'Overlook le cose continuavano a esistere

Shining – Stephen King 1977

Shining è una bellissima storia padre-figlio.
Centro e perno di tutta la vicenda. Sì, è vero che c’è un bambino di cinque anni che “irradia”, un papà dai mille talenti (alcuni oscuri) tutti da dimostrare, un edificio che certamente è stato costruito con i mattoni della Hill House di Shirley Jackson e che ha poi generato il Demone-Casa di Terre Desolate, un estintore, delle siepi, un… qualcosa in una vasca da bagno e il tutto è scritto da King. Il King del 1977.
Però quello che conta davvero sono Jack e Danny.
Danny che vuole indubbiamente bene alla mamma, ma “era il bambino di suo padre” e Jack che non “irradia” come suo figlio, ma ha certamente un’intelligenza spiccata che diventa una maledizione. Jack si accorge presto della malvagità del luogo e per qualche motivo inizialmente pensa di poterne aver ragione, poi pensa di poterla sfruttare. La forza malvagia dell’Overlook gli permetterà di ottenere la gloria che merita, scriverà di questo, forse è stato scelto per questo. "Forse l'Overlook, da quel grosso e bislacco Samuel Johnson che era, aveva scelto lui perché fosse il suo Boswell." Jack Torrance che diventa il biografo dell’orrore.
E del legame feroce fra orrore e scrittura King ci parlerà ancora fra qualche anno attraverso Paul Sheldon.
Ma poi Jack scopre che non è così. Non è lui ad essere stato scelto. È Danny.
Perché Jack “Era quello vulnerabile, quello che avrebbe potuto essere piegato e distorto fino a quando qualcosa si sarebbe rotto." Ed è quello che succede. L’Overlook si impossessa di Jack, per avere Danny.
E Jack lotta.
Prima per sé e per la sua gloria e per l’Overlook. Poi per il suo bambino.
Non racconto oltre, perché libro e film si sono già allontanati parecchio, a questo punto.
E continueranno a farlo, quindi non spoileriamo.
(Però non è il freddo ad uccidere Jack).
Perché c’è soprattutto da raccontare come King scrive questa storia. In primis non trattando il lettore come un deficiente, ma come un essere senziente, disseminando il testo di piccole contraddizioni, aggiustamenti (l’ha posizionato indietro, il timer? Certo che no. No. Però lo avrei fatto. Oh sì. Ma solo un po’. Per il suo bene.) senza metterci sopra un’insegna a caratteri cubitali che si illumina ad intermittenza, per fartelo notare.
C’è un orrore che sta a pari con IT, certe pagine di Terre Desolate e viene superato solo – scoperto adesso – dal Miglio Verde. È un orrore classico, fatto di siepi che diventano animali mostruosi che si muovono tanto lentamente che tu lo sai che si muovono, ma riesci a dirti che l’hai immaginato, fino a quando non sono troppo vicini, passi vischiosi dietro una porta chiusa, oggetti quotidiani che somigliano proprio… o diventano proprio. Altro.
Sensazioni e impressioni minacciose mescolate con minacce vere e concrete.
Ci sono dialoghi “a piani multipli” mentali, a distanza e reali fra i personaggi e le loro proiezioni. Fra i personaggi e l’Overlook. Attraverso la mente, lo shining, le parole. Uno per tutti quello finale, struggente e bellissimo fra Jack e Danny, con cui prendo congedo.
“Il volto di fronte a lui mutò. Il corpo fu percorso da un lieve tremito; poi le mani insanguinate si aprirono come artigli spezzati. La mazza ne scivolò e cadde con fragore sul tappeto. E fu tutto. Ma a un tratto, davanti a lui c'era il suo papà, e lo guardava col volto atteggiato a un'espressione di sofferenza mortale, e con una pena così profonda che il cuore di Danny se ne sentì come infiammato in un'espressione di commozione intenerita.
"Dottore," disse Jack Torrance. "Scappa. Presto. E ricorda che ti ho voluto tanto bene."
"No," disse Danny.
"Oh, Danny, per l'amor di Dio..."
"No," disse Danny. Prese una delle mani insanguinate di suo padre e la baciò.
"È finita. Quasi."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2017-10-23 17:24:42 Valerio91
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    23 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Overlook Hell

Credo di poter dire che il nome di Stephen King, in questo ultimo biennio, sia in uno dei suoi momenti di più grande auge. Ebbene sì, perché dopo la serie tv ispirata a 22/11/'63, dopo lo strano adattamento cinematografico de La Torre Nera e quello interessante del suo grande capolavoro che ha come protagonista Pennywise il Clown ballerino, Stephen King sta trovando nuovi proseliti che grazie a queste innumerevoli proposte fatte alle masse si avvicinano anche alle sue opere cartacee.
Io ero già un tuo estimatore, caro Stephen, ma non posso nascondere che il tuo "Shining" ho iniziato a leggerlo proprio perché, sull'onda di questi successi sullo schermo, il 31 Ottobre e il 2 Novembre verrà riproposto l'adattamento di Stanley Kubrick che ha come protagonista quel Jack Nicholson al massimo del suo splendore. Ho già prenotato il biglietto, ma non avendo mai visto nemmeno il tanto acclamato film, potevo mai presentarmi in sala senza aver letto la tua fatica che ha partorito quello che tutti acclamano come un capolavoro del cinema?
Avevo poco più di due settimane per leggere "Shining", ma come mi capita sempre col caro Stephen, ho finito ben prima. Scorrevole e intrigante come sempre, ho divorato anche "Shining", anche se ad essere sincero non lo considero accostabile ad altri capolavori che hanno avuto adattamenti meno acclamati. Sì, perché quello che adoro di questo autore è la capacità di emozionare, e devo dire che nonostante la storia dell'Overlook Hotel e della famiglia Torrance sia misteriosa e intrigante, non colpisce emotivamente nel profondo. E' comunque una lettura piacevole e interessante, assolutamente un must soprattuto per gli estimatori del Re.

Jack Torrance è angustiato da problemi finanziari che minacciano la stabilità della sua famiglia, composta da lui, sua moglie Wendy, e suo figlio Danny. Da sempre afflitto da problemi di alcool che hanno messo in serio pericolo il suo matrimonio, decide di smettere di bere, ma nonostante questo si ritroverà a fare una stupidaggine che gli farà perdere il posto di lavoro. Il suo status di disoccupato lo costringe ad accettare una proposta di impiego, quella di guardiano invernale dell'Overlook Hotel, luogo controverso su una montagna nel Maine, completamente isolato nella stagione delle nevi. Lui e la sua famiglia dovranno passare mesi e mesi da soli, in quel luogo che nelle sue stanze nasconde qualcosa di strano, etereo, mortifero. Lo sa bene il piccolo Danny che, aiutato dal dono dello "Shining", o aura, è in grado leggere nei pensieri delle persone e di penetrare a fondo nelle cose, vedere le disgrazie passate e ancor peggio quelle future, che a quanto pare coinvolgono lui e la sua famiglia in prima persona. Nella mente di Danny, è chiaro che quell'albergo nasconde segreti tenebrosi che possono portare soltanto guai. Morte. E l'Overlook sembra avere una strana influenza su suo padre Jack, che vedrà pian piano riaffiorare i demoni che lo hanno sempre afflitto e che credeva di aver sepolto.
Cosa nasconderà la stanza 217, dalla quale il cuoco Dick Hallorann(anche lui dotato di un pizzico di "aura") ha detto al piccolo Danny di stare alla larga? Quali tragedie nasconde il passato oscuro dell'Overlook Hotel? Cosa ne sarà di Danny e della sua famiglia?
Scopritelo in questa lettura, in cui il re dell'orrore e della paura ci catapulterà in un luogo di follia e morte in cui siamo orribilmente soli, insieme alla famiglia Torrance.
Inutile dire che non vedo l'ora di vedere il film, anche se lo stesso King non ne è un grande estimatore.

"Comunque, tutti noi abbiamo in corpo una certa dose di schizofrenia."

Trovi utile questa opinione? 
151
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2017-05-24 09:01:11 Il Nido Del Gufo
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Il Nido Del Gufo Opinione inserita da Il Nido Del Gufo    24 Mag, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Aura, Luccicanza, Scintillio... Insomma, la Paura.

Molto si è letto e scritto qui sul difficile rapporto di questo libro con il capolavoro di Stanley Kubrick, alternando giudizi positivi o negativi sulla realizzazione cinematografica in sé e per sé e nel rapporto con l’opera.
Cercherò invece di attenermi semplicemente a quello che ho letto. L’impressione immediata, già dalle prime pagine, è quella di trovarsi davanti a un narratore di grande talento. Mi sembra che in King ci sia una capacità innata di muovere le corde più profonde del lettore, facendolo immedesimare in tutto e per tutto con i suoi personaggi. Il climax di follia che avvolge l’ignaro e misero Jack si dipana in una struttura perfetta, che tiene incollati alla pagina.
Molto credibile (molto più che nel film) il personaggio di Wendy, meno piagnucolona e inerme di fronte all’albergo e all’esplosione degli orrori che contiene. Winnifred (il suo vero nome) è una donna sì poco risoluta e un po’ impaurita (dal passato, dal marito, da sua madre), ma al tempo stesso protettiva ed efficace nel combattere le forze oscure dell’Overlook aiutando il piccolo Danny (vero protagonista della storia, insieme all’albergo, ovviamente).
La prosa è incalzante, ritmata e ottimamente tradotta per Bompiani. Unica pecca, la traduzione vera e propria della parola Shining. La precedente edizione (film compreso) traduce questa parola (che non ha traduzione letterale in italiano) con il cacofonico e un po’ improbabile “Luccicanza”. Lo Shining, per inciso, è la dote di Danny e del cuoco Hallorann, possessori entrambi di strane capacità extrasensoriali, che gli permettono di vedere passato e futuro e anche di leggere un po’ nel pensiero degli altri.
Nell’edizione appena pubblicata invece la si chiama “Aura”, con un chiaro riferimento, più che alla parola in sé e per sé, alla dote che essa comporta. Francamente (non essendo esperto di traduzioni) non avrei nemmeno io saputo come muovermi. Certo “Luccicanza” è sicuramente peggiore (ai limiti del cacofonico) di “Aura”; ma nei miei limiti e dopo aver letto il libro credo che “Scintillio” fosse forse la parola più adatta. Ma cosa penso io poco importa.
Cosa SO è che questo libro è sicuramente una pietra miliare per coloro come me appassionati di letteratura del terrore, e che King è certamente il degno erede di Poe e Lovecraft. Leggetelo, lasciatevi trascinare dall’orrore e poi cercate una via d’uscita.
Se ci riuscite.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...o vuole leggere un Horror degno di questo nome, senza ragazze mezze nude che scappano dal matto armato di motosega dentro una casetta di campagna grande come la A14.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2016-06-08 14:38:55 Elisabetta.N
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    08 Giugno, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SHINING

Leggi Shining e andare a sciare in un tranquillo paese di montagna non ti sembra più una grande idea..
Leggi Shining e senti il freddo delle neve che ti penetra nelle ossa.
Non avevo mai letto Shining e ammetto di essere una delle poche persone al mondo a non aver visto il film. Questo però è stato un vantaggio perchè ho potuto assaporare il romanzo dalla prima all'ultima pagina, scoprendo a poco a poco l'intera vicenda, anche se a volte la curiosità era talmente alta che mi giravo verso mio marito chiedendo "ma alla fine muore?"

Shining è uno di quei romanzi da leggere di giorno perchè di notte causerebbe continui sussulti ad ogni piccolo scricchiolio della casa. è un romanzo che ti fa dubitare della tua realtà e pensare che magari esitano davvero spiriti sospesi.
Il luogo suggestivo così finamente descritto non fa che ampliare tutte queste sensazioni, non per niente shining si riferisce proprio al riverbero della luce sulla neve che ti abbaglia e causa miraggi..

Adoro Stephen King e il suo stile unico, la sua capacità di mixare il reale con l'irreale, senza stonatura, e l'abilità nel creare personaggi così completi che sembra di conoscerli da una vita.

Bellissimo libro!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2016-04-28 10:44:28 cuspide84
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    28 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SHINING

Dopo tanto tempo mi accingo finalmente a leggere questo libro che le critiche dicono essere uno dei migliori libri di Stephen King.

Non mi soffermerò molto sulla trama, perchè immagino la maggior parte di voi abbia già letto quest'opera o ne abbia visto il fim con il grande Jack Nicholson.

La famiglia Torrance parte per l'Overlook Hotel, un vecchio albergo in cui pare abbiano soggiornato personaggi famosi e loschi individui, un luogo in cui i fantasmi del passato hanno preso ormai il sopravvento e dove le stranezze iniziano ad essere all'ordine del giorno, checché ne dicano i più.

Jack, Wendy e il piccolo Danny dovranno affrontare un lungo inverno, in attesa della primavera e del periodo di riapertura della struttura; Jack, incaricato del ruolo di custode, ha accettato questo lavoro perchè ormai in estreme difficoltà economiche...

ma riuscirà a vincere il suo vuoto interiore che piano piano sembra lo stia risucchiando sempre più?
In un crescendo di suspense affronteremo questo fredda stagione nevosa insieme alla famiglia Torrance, insieme al piccolo Danny e alle sue visioni premonitrici, insieme a Tony, alle apparizioni che infestano l'albergo e insieme alle siepi a forma di animali che arricchiscono il parco antistante l'Overlook Hotel.

Un libro che tiene il lettore incollato alle pagine fino alla fine, un libro per lo più semplice, ma ricco di colpi di genio che tengono sempre sulle spine, fino alla conclusione finale, dove il male viene sconfitto per l'ennesima volta... o almeno fino al prossimo libro del maestro del terrore!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2014-12-29 20:09:14 PICCOLO P.
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
PICCOLO P. Opinione inserita da PICCOLO P.    29 Dicembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

FILM O LIBRO?

Come raramente mi accade, ho affrontato questo capolavoro di King facendo il percorso inverso rispetto al canone usuale: avevo visto il film tempo fa ed ho letto il libro adesso. Un libro sicuramente avvincente per come lentamente avviluppa la sua trama attorno al protagonista principale, l'Overlook Hotel. Questo sfarzoso edificio sorge arroccato in uno dei luoghi più desolati delle montagne rocciose e si rivelerà essere non solo un semplice hotel, ma quasi una piega nello spazio-tempo dalla quale si viene attratti, deformati ed infine inglobati in eternità. Ogni volta che sulla scena irrompeva Jack Torrance, non potevo fare a meno di immaginare Jack Nicholson nella sua memorabile interpretazione e questo, a mio giudizio, significa che stavolta l'attore ha superato il suo alter ego letterario. Ci sono parecchie differenze tra le due trasposizioni, ma non mi hanno infastidito, dato che il filone logico del film ha dovuto seguire la filosofia di Stanley Kubrick, genio sicuramente all'altezza di Stephen King.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2014-04-22 14:26:58 F.Angeli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
F.Angeli Opinione inserita da F.Angeli    22 Aprile, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

(!!!ALLA LARGA DALLA STANZA 237!!!)

Che si intende per shining? Si scopre subito sin dalle prime pagine, non è nient'altro che una sorta di potere che possiede uno dei protagonisti del libro, il piccolo Danny. La famiglia Torrance per questioni di lavoro dovrà abitare per diversi mesi all'Overlook Hotel, situato in una zona isolata e nevosa, tanto che durante la stagione invernale chiude ed assume un custode per gestirlo.

La storia ha un lento avvio, in quanto inizialmente King si focalizza sulla psiche dei personaggi e sul loro passato, e con un modo piuttosto insolito: Stephen King riporta i pensieri dei personaggi in modo inusuale, ad esempio andando a capo in maniera da troncare la frase e mettendo ciò che viene dopo tra parentesi o in corsivo, oppure fa precedere le frasi da punti esclamativi, più o meno come fanno gli spagnoli, ad esempio
(!!!la caldaia quella dannata caldaia!!!)
All'inizio può sembrare inappropriato questo stile, ma andando avanti con la lettura si percepiscono le circostanze in cui viene usato questo artificio e si apprezza.
Sorge comunque un dubbio per quelli che vogliono provare ad acquistare un libro horror: fa paura?
Gli effetti che generano un libro sono diversi da quelli che generano la visione di un film. Comunque dipende: se si legge quando si è soli di notte prima di andare a dormire di certo non concilierà i bei sogni, si è abbastanza suggestionati dall'atmosfera; le sensazioni "sgradevoli" si sentono comunque dopo la lettura, e poi dipende anche dalla sensibilità della persona, ovvio che se si ha l'idea di farlo leggere a un bambino di dieci anni
(?perché un corvo assomiglia a una scrivania?)
avrà incubi per un mese, a meno che non sia Danny Torrance assieme al suo amico Tony!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2014-02-15 13:25:50 C.U.B.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    15 Febbraio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per colpa di June

Io che di King ho letto quasi tutto, pilotata da un'abominevole dose di terrore verso uno dei suoi titoli piu' noti, per anni ho accuratamente evitato questo romanzo. Poi per colpa di June...

"Vespe. Tre vespe."
Un uomo e la sua famiglia. Jack Torrance, l'ex alcolista e scittore, l'insegnante cacciato per avere aggredito uno studente.
" REDRUM"
Wendy e Danny, la giovane moglie ed il figlioletto di cinque anni .
" ( La chiami pazzia ) "
Danny un ragazzino speciale, dono o condanna egli riesce a vedere oltre la soglia di ogni comune mortale.
 "Roque...battuta...roque...battuta...REDRUM "
Jack e l'Overlook, un imponente albergo dislocato tra le montagne del Colorado, un magnifico edifico storico e un passato oscuro nel grembo dell'orca assassina. Soli e isolati dal resto del mondo.
" ( Perche' sei qui ?) "
"Vedo spuntare una luna funesta
Sta per spuntare una luna funesta"

Vedete, questo libro e' incredibile. Forse non il piu' spaventoso ma inquietante, estremamente inquietante. Irradia ininterrottamente una suspance avvincente, irresistibile, non ricordavo il tempo di provare un formicolio aggressivo ad ogni occasione in cui venivo interrotta durante la lettura. Il ritmo incalzante e sorprendente e' un guazzabuglio dove prolificano presagi e sorprese, affogato in una penna senza eguali : come sa scrivere un certo genere di narrativa mr. King... difficile trovare di meglio.
Se ritenete di riuscire a vivere senza respirare, forse potrete affrontare il volume senza annaspare, ogni qualvolta tratterrete troppo a lungo il fiato.
Ed ora inforcate i vostri migliori occhiali da lettura e lasciate perdere il bagaglio: siete in viaggio verso l'Overlook e non avete bisogno di altro.
Buona fortuna, buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
350
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2014-01-24 23:51:16 Ale:D
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ale:D Opinione inserita da Ale:D    25 Gennaio, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se "Shining" fosse stato solo una "Splendida festa

La storia di come questo libro mi arrivò tra le mani inizia in una deliziosa villa di campagna da mettere in vendita. Centinaia e centinaia di libri correvano il rischio di finire tra la carta straccia. Ho portato a casa bracciate di libri quel giorno, la maggior parte dei quali erano scadenti storie d'amore, e tra questi ho trovato un'edizione del 1978 di un libro chiamato "Una splendida festa di morte". Titolo estremamente scontanto, che non ho fatto altro che associare a vecchi temi mal riusciti ai quali avevo affibbiato i titoli più rivoltanti e banali di questo mondo, non avendo trovato nulla di meglio. Se un giorno un clown di nome Pennywise non mi avesse fermato per strada per offrirmi un palloncino ed un libro chiamato "IT", a quest'ora "Una splendida festa di morte" riposerebbe tra le file di libri ingialliti che Dio solo sa se leggerò mai. Come ormai avrete capito "Shining" e "Una splendida festa di morte" sono lo stesso libro, e vi consiglio dal più profondo del cuore di prenderlo tra le mani. Non abbiate timore che avendo già visto il film vi siate rovinati la lettura: al contrario, il libro vi aprirà le porte dorate del meraviglioso Overlook Hotel, dove le feste durano in eterno e il pericolo galleggia in vasche d'avorio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2014-01-08 08:17:54 Pupottina
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    08 Gennaio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non prenotate all’Overlook Hotel

Con le scene del film sempre impresse nella mente, insieme al sorriso accattivante e diabolico di Jack Nicholson (perfetto e corrispondente al personaggio letterario), ho intrapreso la lettura di SHINING di Stephen King, sapendo dell’atteso seguito, di prossima pubblicazione, il Doctor Sleep.
Con Stephen King e i suoi romanzi ho un rapporto di amore odio, nel senso che in alcuni capitoli mi prende molto ed in altri riesce ad annoiarmi, arrestando la lettura, tanto che è da un po’ che non ne leggevo uno.
Ho optato per SHINING e non mi ha delusa. Anzi. In questo libro, che è un escalation di efferatezze deliranti, King ha saputo mantenere costante la mia attenzione e, nonostante conoscessi già la storia grazie al famoso film, il romanzo ha aggiunto di particolari salienti e di dettagli psicologici interessanti, che hanno riempito di significati e spiegazioni scene che conoscevo, ma per le quali una maggiore comprensione ne ha accresciuto l’effetto terrificante.
Raccontare la storia della famiglia che si trasferisce nell’Overlook Hotel, indagando il passato dei personaggi e le caratteristiche comportamentali dei tre, è qualcosa che il film non ha saputo ben spiegare, ma ha solo accennato. Comprenderne le motivazioni psicologiche che portano alla follia Jack Torrence, è stato illuminante. Tra i tre personaggi, sono Jack e Danny i più interessanti. Tra i personaggi minori, quelli da tenere d’occhio sono Hallorann e il dottore che visita il bambino dopo il trasferimento all’Overlook Hotel.
Molte scene, anche iniziali, non fanno che accrescere le aspettative del lettore che sente, insieme ai personaggi, che la tranquillità è soltanto apparente e la follia potrebbe esplodere da un momento all’altro. Il totale isolamento dei personaggi è un espediente formidabile per indagare la psiche di individui già instabili e provati da varie esperienze traumatiche, cui si aggiunge l’ignoto del buio.
Non c’è dubbio che gli effetti maggiori, nei suoi romanzi, Stephen King li ottiene quando unisce una qualsiasi forma di poteri paranormali alla follia, naturalmente in una location infestata da fantasmi, proprio come quella dell’Overlook Hotel, imponente, stupendo nella visione paesaggistica, ma anche denso di mistero e terribilmente spettrale. Le ghost story unite al delirio folle rappresentano, per me, il massimo della paura incontrollabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altri libri di Stephen King o di Dan Simmons
Trovi utile questa opinione? 
320
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2013-10-14 12:11:31 McLennon
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
McLennon Opinione inserita da McLennon    14 Ottobre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un incubo in crescendo..

Sono pochi i libri capaci di catapultarci in un certo contesto e di farci vivere le esperienze narrate come se noi stessi facessimo parte della trama...uno di questi è certamente Shining del "Maestro" dell'horror.
Sì, perchè il tasso di suspance e di "partecipazione" del lettore in questo romanzo si attesta su livelli vertiginosi: si viene catapultati all'interno della scena quasi fossimo noi i registi del "film" a cui stiamo assistendo durante la lettura.
La narrazione è un percorso nei meandri delle tenebre, un continuo scendere nell'oscurità della mente umana condito da un crescendo di follia, scaturita dai fantasmi che albergano all'Overlook Hotel e dal male che - tematica classica del repertorio di King - cerca ogni occasione e ogni strumento possibile per manifestarsi.
Pilastro fondamentale della storia è l'aura, il luccichio (peccato che il termine non traduca appieno il significato della controparte inglese del titolo) posseduto dal piccolo Danny, figlio di Jack e Wendy Torrance, ossia la sua capacità di percezione e di lettura del pensiero e degli avvenimenti del futuro.
Lo stile dell'autore cattura dalla prima riga e ha una capacità incredibile di trasmettere nel lettore le stesse tonalità macabre e oscure che permeano le vicende narrate: il livello a mio parere è eccelso e dotato di una modernità disarmante pensando che ci troviamo davanti a un'opera del 1977 - un esempio: gli intemezzi fra parentesi posti all'improvviso a indicare i flashback o i deliri dei personaggi ...
Il libro differisce in diversi aspetti rispetto al capolavoro cinematografico del maestro Kubrick soprattuto nel finale assolutamente diverso da quello del film e sinceramente ho apprezzato più la versione letteraria di quella su grande schermo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2013-09-03 12:36:25 90Peppe90
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
90Peppe90 Opinione inserita da 90Peppe90    03 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Jack suona il... roque

Dopo aver letto questo romanzo, ho spazzato via tutte le critiche di cui avevo sentito parlare prima di immergermi nella lettura. Sì, perché a quanto pare sono in moltissimi a credere che il successo di questo romanzo sia stato portato esclusivamente dall'omonimo film di Kubrick e che l'opera di King non è poi questo gran capolavoro (come affermato dallo stesso regista).
Premetto che io ho guardato prima il film, apprezzandolo molto. Davvero un horror (che supera le barriere stesse di questo genere) ben realizzato. Ma mi è piaciuto più il romanzo. Sì, perché il Re va ad immergerci nella vita quotidiana, in tutti i piccoli (e grandi) difetti psicologici dei protagonisti, va a scavare nel loro passato, ci presenta delle vere e proprie persone, come le avessimo conosciute di persona.
Come sempre, tantissime le metafore (più o meno nascoste, la "dualità" della mazza da roque, ad esempio...), che caratterizzano tutto il romanzo. Ottima la presentazione della psicologia di Jack che va, via via a deteriorarsi (anche se non è mai stata perfettamente intatta, come ci fa capire King), le paure e la forza di un bambino - Danny - fuori dal normale, le ansie e preoccupazioni di Wendy, invischiata nel continuo rapporto odio/amore con Jack.
Romanzo assolutamente consigliato, per chi ancora non lo avesse letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Horror, King...
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2012-06-02 18:48:28 Yoshi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Yoshi Opinione inserita da Yoshi    02 Giugno, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Shining

Oltre la sufficienza per questo libro che per molto tempo mi ha terrorizato ma che ho avuto il coraggio di leggere.
Lo stile di S.King, l'ho trovato come nella maggior parte dei suoi libri, scorrevole anche se devo dire che è stato oltre modo decrittivo ma è un fatto trascurabile.
Anche io, come qualcuno ha detto sulle recensioni precedenti alla mia, avendo visto prima il film mentre leggevo mi sono raffigurata i personaggi che tutti conosciamo e chi meglio di loro possono incarnare quei personaggi??
Sono rimasta male quando ho scoperto che dalla metà in poi molte cose scritte nel libro non c'erano nel film e il finale è completamente diverso ma si sa ch nel film tutto è più veloce e c'è meno tempo per spiegare.
I personaggi del libro sembrando semplici persone, con una vita normale e senza troppi scheletri nell'armadio e così sarà per due membri della famiglia.
In quanto a Jack è un mix tra bene e male che cerca fino alla fine di tenere a freno il maligno.
Se poi ci mettiamo in mezzo l'albergo che è stato teatro di omicidi e suicidi e altre cose losche, sapete come va a finire no???
Le descrizioni, i fatti, le scene che inquietano come per esempio quella del bar o quella dell'idrante e tante altre mi hanno tenuta incollata al libro fino alla fine e suscitato vari incubi notturni. Ma è inevitabile.
Arriverete fino alla fine solo per avere il piacere di scoprire se andrà tutto bene e se ci sarà il "e vissero tutti felici e contenti" oppure un finale alla king della serie "lascio a voi la scelta del finale" tenendoci in sospeso come capita spesso nei suoi libri.
Mi è piaciuto molto, non è uno dei migliori, ma uno dei classic di S. King che DEVE essere letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2010-05-25 16:44:39 faye valentine
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
faye valentine Opinione inserita da faye valentine    25 Mag, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

luccicante follia

Non essendo un'amante di King, mi sono accostata a quest'opera più per fama che per reale interesse per l'autore: ho trovato un libro inquietante, angosciante come pochi, claustrofobico e imprevedibile. Sicuramente un buon horror (ottima la trasposizione di Kubrik) che però mi ha lasciata un po' smarrita nel finale.. non che l'abbia trovato deludente, però mi aspettavo sicuramente di più da un libro che "ha fatto storia".
Belle le atmosfere glaciali del Colorado, il labirintico Overlook Hotel, l'inquietante personaggio di Danny. Ho amato forse più di tutti Wendy, madre e moglie, unica àncora alla normalità in un mondo dove tutto ne è al di fuori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi cerca un buon horror
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2010-05-14 19:23:35 gio gio 2
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gio gio 2 Opinione inserita da gio gio 2    14 Mag, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un classico dell'horror

Il libro che ha reso il re del brivido il grande King...Atmosfera da brivido...il padre di una famiglia,uno scrittore in crisi,parte con moglie e figlio di 5 anni in un albergo deserto disperso tra le montagne del Colorado...da li...brividi a non finire...oscure presenze che si impossessano della mente dello scrittore...ma grazie alle capacita' telepatiche del bambino...leggetelo! Davvero avvincente,un classico nel suo genere...anche se ormai di thriller ne avrete gia' letti mille e nulla ormai vi sorprendere...vi terra' comunque con il fiato sospeso...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2010-04-21 14:40:26 Ginseng666
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    21 Aprile, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Oscure presenze...

Ho rispolverato questo libro in biblioteca e devo dire che mi ha emozionato: la storia di una famiglia che si trasferisce in un albergo sopra le colline.
L'uomo, uno scrittore fallito, accetta di fare il custode e vi conduce la moglie ed il figlio di cinque anni con dei poteri soprannaturali.
In questo luogo sono avvenuti fatti di sangue e scaturiscono oscure presenze che mettono in pericolo la stabilità della famiglia che vi abita.
Molto attinente al libro è anche la trasposizione cinematografica che ha riscosso un grande successo da parte del pubblico.
Un finale tragico suggella una mia personale convinzione: i luoghi che hanno ospitato omicidi, suicidi e fatti sanguinosi non dovrebbero essere abitati, in essi vive ancora il pianto angoscioso delle vittime...e lo spirito malvagio dei carnefici...
Meglio evitare.
Stephen King comunque rimane un grande maestro del brivido, capace di individuare e far rivivere i nostri incubi e le nostre paure più profonde.
Da leggere.
Agli amanti del genere thriller.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Agli amanti del thriller...
Trovi utile questa opinione? 
63
Segnala questa recensione ad un moderatore
Shining 2010-01-18 14:41:40 piero70
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
piero70 Opinione inserita da piero70    18 Gennaio, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pauroso

Lo ammetto: ho letto il libro dopo aver visto il film di Kubrick e non ho potuto fare a meno di visualizzare i protagonisti con i grandissimi interpreti del film.
Ciononostante non credo mi sia piaciuto solo per questo.
I passaggi del bambino in triciclo nei corridoi dell'overlook.
La pazzia del protagonista che piano piano esplode.
Il terrore che esce dalle pagine del libro e sembra cercare di portarti dentro.
Siamo di fornte a un capolavoro del genere.
Il libro che mi ha fatto amare King.
Assolutamente da leggere

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dove c'è fumo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte mi è vicina
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La famiglia Aubrey
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.7 (3)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri