Narrativa straniera Romanzi A proposito di Grace
 

A proposito di Grace A proposito di Grace

A proposito di Grace

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

David Winkler è un uomo tranquillo, un meteorologo innamorato dei paesaggi innevati della sua Alaska. A volte a David capita di avere delle visioni, nei suoi sogni vive gli eventi prima che accadano. È lì infatti che incontra, ancor prima che nella realtà, Sandy, la donna di cui si innamorerà. Quando in una premonizione vede la figlia Grace morirgli tra le braccia durante un’alluvione, David, sconvolto, non riesce a pensare ad altro che a scappare e allontanarsi dalla sua famiglia, dalla sua casa e così dal suo destino. Un lungo ed estenuante viaggio che termina ai Caraibi. Sfinito e solo, David non sa cosa ne sia stato di Grace, né se sua moglie lo perdonerà mai. Sarà l’incontro con una bambina, figlia della coppia che lo ospita, a spingerlo di nuovo a vivere e a mettersi alla ricerca delle persone che ha abbandonato.



Recensione della Redazione QLibri

 
A proposito di Grace 2016-05-03 13:16:18 annamariabalzano43
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    03 Mag, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Strena seu de nive sexangula

Amare può voler dire abbandono, può voler dire fuggire per paura, scegliere di soffrire nell’immediato con la speranza di non soffrire di più nel futuro. Eppure il prezzo di certe scelte si paga lungo il corso di tutta una vita e senza sconti. È quanto accade a David Winkler, studioso e meteorologo, dotato di una capacità di prevedere in sogno avvenimenti funesti o minacciosi.
Comincia così, con la separazione dalla moglie Sandy e dalla figlioletta Grace, che aveva visto in sogno morire per annegamento senza poter far nulla per salvarla, l’odissea di David, che lascia gli Stati Uniti per rifugiarsi in un’isoletta dei Caraibi e vivere in una dimensione diversa, a contatto con la natura, con la speranza di guarire da quella ferita profonda che si portava dietro nell’incertezza della sorte realmente toccata alle uniche persone che amava.
Al di là della trama certamente interessante, ciò che più colpisce in questo romanzo è, a mio avviso, il riferimento più o meno esplicito all’opera di un grande classico della letteratura anglosassone, T.S.Eliot. Non a caso qui, come nella Waste Land, il tema dell’acqua è dominante. Il meteorologo David concentra la sua attenzione su tutto ciò che riguarda i fenomeni atmosferici, in particolare si sofferma a descrivere il fiocco di neve, che a una lente di ingrandimento appare come una stella a sei punte. E qui si comprende la citazione in latino che ci riporta alla Congettura di Keplero. Il fiocco di neve al suo interno contiene numerosissime molecole d’acqua sempre in movimento, seppure invisibili all’occhio umano. “Hai presente un cristallo di neve, la classica stella a sei punte? Che sembra così rigida, immobile nel suo gelo? Ecco, in realtà, a un livello piccolissimo, meno di un paio di nanometro, via via che si congela, vibra da matti...i miliardi di molecole che la compongono si agitano anche se non si vede, praticamente divampano.” Acqua in movimento, dunque, acqua portatrice di vita e di rinascita come nel mese più crudele di Eliot, Aprile. Ma l’acqua proprio perché è indispensabile alla vita, proprio perché è l’elemento predominante nella composizione del corpo umano, come lo stesso David ricorda, nelle sue riflessioni, porta con sé l’inevitabilità della morte. Perché l’acqua può essere causa di distruzione e catastrofe. Ed ecco che il tema della morte per acqua, la morte che David teme per la figlia Grace prima e per la giovane Naaliyah, dopo, è lo stesso che troviamo in Eliot nei versi dedicati a Phlebas, il Fenicio: “ Una corrente sottomarina/ gli spolpò l’ossa in sussurri. Come affiorava e affondava/ passò attraverso gli stadi della maturità e della giovinezza...”
Il personaggio David, afflitto da questo dono di prevedere in sogno il futuro, dono che vive come una vera e propria condanna, non è molto diverso dal personaggio della Sibilla o di Tiresia, nell’opera di Eliot. Anche i suoi occhi, seppure non completamente offuscati, come quelli del profeta greco, sono deboli al punto da non vedere distintamente la realtà che lo circonda. E al caos che regna nella sua vita, David cercherà di porre ordine e rimedio, vivendo a stretto contatto con la natura, novello beau sauvage. Solo il suo estremo tentativo di ricostruire una sorta di nucleo familiare gli permetterà di restituire alla sua vita un significato. “Una famiglia è una storia: verità, tribolazioni, castighi. Una famiglia è tempo....non è tanto ciò che ricevi, ma ciò che riesci a tenere.”
Anche la struttura del romanzo ha un suo perché che si ricollega al fiocco di neve: come il fiocco di neve ha sei punte, così il romanzo è diviso in sei parti, ciascuna con una sua dinamica, un suo significato. L’ultima parte, come è giusto che sia, si interroga sulla morte, raggiunge una sofferta pacificazione dell’anima, chiude il cerchio del racconto e il ciclo della vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
A proposito di Grace 2019-08-01 13:30:34 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    01 Agosto, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Padri, figlie, vite.

«Gli succedeva sempre. I suoi sogni predicevano cose assurde, impossibili: stalattiti che spuntavano dal soffitto; lui che apriva una porta e trovava il bagno pieno di ghiaccio in via di scioglimento. E predicevano cose normalissime: una donna che lascia cadere una rivista; il gatto recapita un passero spezzato alla porta di servizio; una borsa cade da una cappelliera e il contenuto va in frantumi nel corridoio. Come i sogni, queste apparizioni gli tendevano l’agguato ai margini tormentati del sogno, e una volta concluse andavano quasi sempre perdute, si disgregavano in frammenti che in seguito lui non riusciva a ricomporre»

Il suo nome è David Winkler, ha cinquantanove anni e da venticinque è la prima volta che torna a casa… Se ancora così poteva definirlo quel luogo. Un tempo era stato padre, marito, idrologo; adesso non era più certo di essere alcuna di queste cose. Da Kingstown, Saint Vincent, a Cleveland, Ohio, con scalo a Miami; questo il suo tragitto, questo il lungo viaggio da percorrere per tornare a quel passato che ormai è soltanto memoria. Ma cosa è successo? Perché David se ne è andato e ha rinunciato a tutto? Per un sogno. Non un sogno qualunque, bensì una di quelle che per lui sono premonizioni e che colorano la sua dimensione onirica dall’infanzia. Dopo averla conosciuta in quel supermercato con quelle due file di denti, quella polvere che le fluttuava tra le caviglie, quella rivista e quei cereali, dopo esser fuggito – quasi come se questa fosse l’unica costante della sua vita – con lei già di lui incita, perché andarsene, perché dar così credito a quel parto poco felice della sua fantasia? Perché in quella visione è sua figlia Grace a morire mentre lui la stringe tra le braccia preda del senso di colpa per non essere riuscito a salvarla dall’acqua.
È da questi brevi assunti che ha inizio “A proposito di Grace” di Anthony Doerr autore de “Tutta la luce che non vediamo” e vincitore con quest’ultimo del Premio Pulizter 2015. Oltre che alla figura centrale del protagonista, del suo dono e delle sue paure, tema centrale dell’opera è l’acqua in tutte le sue declinazioni. Dal temporale al fiocco di neve. Con tutte le sue molecole, con tutto il suo movimento, con tutta la sua interminabile vita. Acqua a cui si somma il binomio del tempo che a sua volta è fondamentale per l’esistenza scandendone bisogni, necessità, circostanze, situazioni sino alla constatazione finale del sopraggiungere di quell’epilogo chiamato morte e di quel ciclo che si chiude.

«Cos’è il tempo? Deve per forza scorrere in sequenza – dall’inizio al mezzo alla fine – o esistono modi diversi di percepirlo? Forse il tempo può rovesciarsi, congelare e ritirarsi; forse il tempo è come l’acqua, un ciclo infinito tra stati diversi»

La paura dell’acqua porta David and andarsene, porta David a fuggire dal pericolo della perdita della sua bambina, porta David a rivivere la stessa paura prima per Grace poi per la giovane Naaliyah che in un certo senso cresce e vede sbocciare nella sua variopinta anima.
Ma il caos necessita di ordine, necessita, prima o poi, di essere domato. E così Winkler non potrà far altro che cercare di riordinare quei tasselli, di ricostruire quel nucleo familiare che potrà davvero scrivere il significato di quegli anni trascorsi troppo in fretta.
Un libro forte, introspettivo, caratterizzato da molteplici spunti di riflessione sul vivere, sopravvivere e morire, avvalorato da una penna estremamente descrittiva che rende possibile anche l’approfondimento scientifico e da un cerchio condotto da un filo indissolubile che si conclude in modo ineccepibile è “A proposito di Grace”. Un elaborato di grande interesse che lascia il segno riuscendo a farsi amare pagina dopo pagina.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri