Narrativa straniera Romanzi A viso scoperto
 

A viso scoperto A viso scoperto

A viso scoperto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

"A viso scoperto" è una reinterpretazione del mito di Amore e Psiche. Se la fonte della storia è dichiaratamente l'allegoria antica, il racconto risulta molto differente. Ci troviamo in un clima lontano dalle grandi civiltà classiche, in un luogo rintracciabile forse in Turchia, forse vicino al Mar Rosso, in un'epoca situabile tra la morte di Socrate e la nascita di Cristo. Un monarca brutale e incompetente regna su un rozzo palazzo e ha tre figlie: Orual, la donna guerriero dall'orribile viso, Redival e Psiche. È un mondo in attesa, in transizione, dove un vecchio ordine spirituale sta morendo e uno nuovo sta per prendere il suo posto. È il mondo in cui si apre un intricata vicenda: avvenimenti politici e militari, una carestia, un sacrificio, amori, invidie, pentimenti. Abbondano sogni e visioni, vengono aperti trabocchetti, che trasportano verso archetipi situati nel profondo. In questo libro, che Lewis stesso considera la sua migliore opera narrativa, egli ha creato dei personaggi multidimensionali, misti di bene e di male in proporzioni sempre diverse, come dei reali esseri umani.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
A viso scoperto 2020-01-13 12:04:12 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    13 Gennaio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore e Psiche

Lewis riscrive il mito di Amore e Psiche come solo un grande autore può fare. Bellissimi i personaggi delle sorellastre Orual e Istra, figlie del re di Glome. Tanto brutta la prima quanto bella e buona la seconda. Istra /Psiche viene data in sposa alla bestia figlia della dea Ungit e in teoria dovrebbe morire. Invece la bestia (che poi si rivela essere il bellissimo Amore) la sposa veramente e la porta a vivere nel suo palazzo in una valle nascosta. Il palazzo però non è visibile a occhio nudo. La sorella Orual va a cercare il suo cadavere per darle sepoltura e la trova viva e felice. Ora mentre nella versione di Apuleio l'invidia della sorella era lampante, nella versione di Lewis l'invidia deve essere ricercata da Orual dietro a tanti buoni sentimenti e buone ragioni.
Il libro è molto bello perchè non procede in modo lineare e scontato, ma porta a un percorso impervio di auto-conoscenza di Orual: buona, intelligente, onesta, coraggiosa eppure con i suoi lati ombra: gelosa, possessiva, a volte crudele. Orual per amore di verità e di giustizia scrive il suo atto di accusa contro gli dei, che poi diventa un atto di autoaccusa e un libro di esplorazione di mondi oltre questo mondo e oltre le sue certezza e muri di conoscenza. Nel mondo visibile le cose non hanno la loro forma definitiva, esiste un altro mondo più difficile da vedere. Lewis ci fa entrare in questo secondo mondo con una successione di sogni, di visioni e di intuizioni. Siamo tutti parte di un unico disegno, forse di un unicum divino. La parte finale contiene alcune delle sue intuizioni: vite in apparenza lontane collaborano a uno stesso disegno, fanno parte non solo di un unico disegno ma sono facce diverse della stessa dea. Ogni persona deve morire di parto dando alla luce il figlio di Ungit. Ognuno cioè contiene in sè sia Ungit (cattiva) che suo figlio (buono), sia il demone che il dio e deve cercare di tirare fuori la parte migliore da sè. C'è l'idea che le persone pericolose sono quelle che ci amano e che usano l'amore come una gabbia o come un laccio. Invece la vita deve essere un percorso di evoluzione e di liberazione e è infinita per la infinita capacità di sofferenza dell'uomo, sofferenza che ha una funzione salvifica e benefica. Se sopportiamo la nostra parte di sofferenza possiamo alleggerire il carico a nostra sorella Psiche e fare in modo che possa riuscire a portare a segno la sua missione che è quella di ridare a Ungit (così come a noi) la sua originaria bellezza, cancellando il male dal mondo.
Il tutto viene scritto non come un trattato filosofico, ma come una favola piena di invenzioni e con i personaggi che hanno un loro notevole spessore psicologico. Una lettura molto piacevole e stimolante. Incredibilmente Lewis racconta una favola nota in modo sorprendente dall'inizio alla fine. Le due sorelle sono due bellissimi personaggi. Orual, la donna guerriero, la donna mascherata, è un personaggio particolarmente intrigante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri