Narrativa straniera Romanzi Addio all'estate
 

Addio all'estate Addio all'estate

Addio all'estate

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

1929: l'estate si rifiuta di finire e l'inizio dell'ottobre si rivela inaspettatamente caldo. Ma nel villaggio di Green Town, Illinois, è scoppiata la guerra civile. Si tratta del conflitto vecchio come il mondo che oppone i giovani agli anziani e che ha come posta il controllo sull'orologio che spinge inesorabilmente avanti le vite di tutti. Il tredicenne Douglas Spoulding e la sua schiera di amici e coetanei decidono che non vogliono invecchiare. Per loro gli anziani sono un'altra razza, sono degli alieni, sono il Male e i giovani rischiano di essere soltanto degli schiavi ai loro ordini. I ragazzi e gli abitanti anziani della cittadina si dichiarano guerra ed uno degli anziani resta ucciso in uno dei primi scontri. L'ottantunenne Calvin Quatermain organizza il contrattacco e comincia un lungo e duro confronto che oppone le declinanti forze della vecchiaia all'entusiasmo e alla scanzonata determinazione della gioventù. "Addio all'estate" è l'ideale seguito di "L'estate incantata" scritto esattamente 50 anni fa, ed è il fastoso coronamento della carriera di scrittore di Bradbury: un romanzo al centro del quale c'è il più dolce e impossibile dei sogni umani, ossia la ribellione davanti all'invecchiamento e alla morte.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Addio all'estate 2020-07-08 15:07:26 Valerio91
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    08 Luglio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giovani VS. Vecchi

"Addio all'estate" è l'ultimo libro scritto da Ray Bradbury, il punto conclusivo di una splendida carriera e di una vita vissuta sempre con approccio e visioni ottimistiche; sempre alla ricerca della magia e della poesia che si annida in ogni angolo della realtà. Di questo modo di vedere le cose, “L’estate incantata" è forse il più fulgido esempio: un libro che ho amato alla follia e che probabilmente resterà stabilmente tra quelli più belli che abbia mai letto. Non c'è da stupirsi, dunque, se le mie aspettative per "Addio all'estate" fossero molto alte. Questo romanzo, infatti, non solo è ambientato anch'esso a Green Town ed è popolato dagli stessi personaggi, ma pare che in origine fosse destinato a essere la parte conclusiva de “L’estate Incantata", che tuttavia l’editore decise di tagliare perché il romanzo risultava troppo lungo. Maledetti editori. Quel finale è rimasto tuttavia nella memoria di Bradbury, che nel corso della sua vita lo ha arricchito e limato fino a farlo diventare il romanzo con cui concludere il suo meraviglioso ciclo di storie.
Tuttavia, è forse questo il problema di "Addio all'estate": racconta poco, e non fatico a credere che chi non abbia letto “L’estate incantata" possa esserne rimasto deluso: perché a parte qualche guizzo puramente bradburiano c'è poco altro. Sono certo che, come parte integrante del suo “predecessore” avrebbe acquistato più potenza, e forse nello stato attuale delle cose la scelta migliore è quella di leggere i romanzi uno dopo l’altro, come due parti di un’unica entità.
Nonostante la sua potenza risulti attenuata, questo romanzo è comunque degno di essere apprezzato. L’addio all'estate secondo Bradbury, infatti, non è altro che l'addio all'infanzia; il passaggio di un bambino dall’infanzia alla pubertà. Cosi come l'estate in cui è narrata la storia pare non volersene andare, così i nostri protagonisti ingaggiano una vera e propria guerra contro lo scorrere del tempo: cercano disperatamente un modo per non crescere e per non intraprendere la strada di quei vecchi che non comprendono. Ci proveranno in tutti i modi, anche i più assurdi, finendo addirittura per distruggere il responsabile di quell'inesorabile scorrere del tempo: la torre dell'orologio. Ma il tempo non si può fermare: spesso bisogna lasciare che il fiume della vita scorra, senza sprecare energie a combattere la corrente. Allo scorrere della vita bisogna lasciarsi andare, perché seppure serbiamo nel cuore il desiderio dell'infinito, dibatterci non solo non ci permetterà di ottenerlo, ma finirà per impedirci di godere anche di quel poco tempo che ci è stato concesso.

“Imparare a cedere qualcosa dovrebbe venire prima che imparare a stringerla. La vita dev’essere toccata, non strangolata. Qualche volta bisogna rilassarsi, lasciarla andare; in altri momenti bisogna avanzare con lei. Come con le barche: tu tieni il motore acceso e manovri con la corrente, poi a un certo punto senti avvicinarsi il rombo di una cascata. Allora non ti resta che rassettare la barca, metterti il cappello e la cravatta migliori e fumare una sigaretta fino al momento del gran salto.”

Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri