Narrativa straniera Romanzi Adesso basta parlare d'amore
 

Adesso basta parlare d'amore Adesso basta parlare d'amore

Adesso basta parlare d'amore

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Adesso basta parlare d'amore, romanzo di Hervé Le Tellier edito da Mondadori. Come si forma una coppia? Quanto a lungo può durare e quando finisce un grande amore? Come possono due coppie, quindi quattro persone, dare vita a combinazioni diverse? Con il suo humor e la sua straordinaria padronanza della parola e dei meccanismi della narrazione, Hervé Le Tellier ci mette di fronte a interrogativi che segnano la vita di tutti. Uno psichiatra, Thomas Le Gall, ha un'avventura con Louise, avvocato sposata con Romain. Anna Stein è medico, come Stan, suo marito. Incontrerà Yves Janvier, che è uno scrittore e lascerà Ariane. Thomas è lo psichiatra di Anna e si interessa a Yves di cui lei gli parla... Non è una banale commedia quella che ci viene raccontata nel seguire questo cast di mogli, mariti e amanti che riscoprono il colpo di fulmine quando la loro vita sembrava essersi definitivamente assestata, e che si trovano all'improvviso costretti a cercare di riconciliare valori e passioni, affetti e libertà. "Il desiderio non accetta spiegazioni semplici" osserva Le Tellier. "Quando non sai dove andare, non importa che strada prendi." Sai soltanto, si potrebbe aggiungere, che il prezzo da pagare sarà comunque alto. Il risultato è un romanzo di sofisticata eleganza e intelligenza che ne ha per tutti, che fa riflettere e al tempo stesso fa sorgere il sorriso sulle labbra. Un romanzo sull'attrazione, la responsabilità e l'amore, scritto con divertita ironia, ma anche con intensa e profonda conoscenza dell'animo umano da uno degli scrittori più originali di Francia.

Hervé Le Tellier è nato a Parigi nel 1957. Scrittore, matematico e gastronomo, ha iniziato la sua carriera come giornalista scientifico e nel 1992 è entrato a far parte dell'Oulipo (l'Ouvroir de Littérature Potentielle fondato da Raymond Queneau nel 1960 e che ha avuto tra i suoi membri Italo Calvino e Georges Perec). Autore noto e stimato in Francia, ha al suo attivo alcune raccolte di poesie e di racconti, e diversi romanzi (alcuni dei quali tradotti anche all'estero).

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Adesso basta parlare d'amore 2014-05-10 08:47:54 mia77
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
mia77 Opinione inserita da mia77    10 Mag, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Adesso basta parlare d'amore di Hervé Le Tellier

Mi è piaciuto questo romanzo: carino, elegante e interessante è l’analisi dei sentimenti dei protagonisti.
Due coppie, ormai rodate (entrambe con due figli), hanno un “colpo di fulmine” che le mette di fronte a un bivio, a un’inevitabile scelta che non riguarderà solo loro, ma anche le loro famiglie.
A volte pensiamo di aver raggiunto la pace e la tranquillità che cercavamo e, anche se talvolta vorremmo che qualcosa di eccitante sconvolgesse le nostre giornate, accettiamo la nostra vita tranquilla e sicura. Ma l’amore che credevamo eterno, diventa abitudine e sicurezza, non c’è più il batticuore, la voglia di stare con l’altro, di dividere con lui le nostre giornate e le nostre vite.
A questo punto, può accadere qualcosa che fa cadere le nostre certezze e che scombussola completamente la nostra vita. In quel caso troviamo la forza di rimettere tutto in discussione, cercando di ferire il meno possibile le persone che amiamo (con conseguenze talvolta molto spiacevoli). Questo è quello che accade in questo romanzo, che ci fa riflettere sull’amore e sulle sue diverse sfumature.
Carino anche il libricino, contenuto all’interno del romanzo “I quaranta racconti di Anna Stein”.
Che questo sia il romanzo di domino abkhazo che Yves Janvier (uno dei 4 protagonisti principali) voleva scrivere? La cosa certa è che, seguendo il consiglio di Anna, Yves mette nel titolo la parola Amore, perché è un libro che parla d’amore.
Le espressioni o le frasi che mi sono piaciute:
“Ma Anna lo ha catturato, abbagliato e Yves non lotta, vuole esporsi a quell’estasi, vuole conoscere di nuovo la vertigine della caduta che non sperava più di provare”;
“Quell’uomo non le deve niente. Non l’ha attesa per vivere, e l’estraneità di un passato d’uomo di cui lei non fa parte, la aspira come un vortice”;
“Quello che ci attira negli altri sono le loro fragilità, la falla nella loro corazza. L’amore nasce dall’imperfezione che si percepisce, dall’incrinatura in cui si insinua”;
“L’indomani di un terremoto è una sera come le altre”;
“Yves veniva da un altro mondo, parallelo, esotico. L’universo di lui aveva così pochi contatti col suo, che tutto si riduceva a una semplice infedeltà coniugale”;
Da “I quaranta racconti di Anna Stein”:
“Ti guardo poco perché ho troppa voglia di guardarti. Non voglio che la mia avidità tradisca il mio desiderio nascente”;
“Ho dei ricordi di te in cui tu non ci sei, ricordi di noi due di cui non puoi sapere niente. In cui tu sei così presente in me che la tua assenza è quasi impercettibile… Il giorno prima, ti ho tenuta tra le braccia per la prima volta, e già mi hai invaso”;
“Io non parlo e neanche tu., sento soltanto, a tratti, il tuo respiro. Il tuo respiro mi sconvolge più di qualsiasi parola detta”
“Non ho dubbi che, come me, anche tu ti riempia di questo silenzio in cui siamo insieme, in previsione di uno più lungo, ancora da venire, in cui non lo saremo più”.
Carino, ne consiglio la lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri