Amuleto Amuleto

Amuleto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Da quando Conan Doyle ha dimostrato che del corpo, in un'indagine ben condotta, si può tranquillamente fare a meno, molti autori di storie poliziesche si sono divertiti a mettere i propri protagonisti in condizione di non potersi muovere. Roberto Bolaño in questo romanzo ha inventato Auxilio Lacouture. Se per via della stazza il detective di Rex Stout abbandona a fatica e malvolentieri la sua serra, Auxilio non può semplicemente uscire dai bagni della facoltà di Lettere e Filosofia di Città del Messico, dove l'esercito e i reparti antisommossa hanno appena fatto irruzione. Siamo nel settembre del 1968. Quella che Auxilio arriva pian piano a ricostruire è la «storia di un crimine atroce» che ha lasciato il segno su tutta una generazione di giovani latinoamericani.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Amuleto 2013-02-11 10:56:12 Sharma
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sharma Opinione inserita da Sharma    11 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il massacro di Tlatelolco

Settembre 1968 truppe d'assalto di Città del Messico entrano nell'Università ed arrestano tutti, dagli studenti ai professori per finire ai bidelli.
Ottobre 1968 il governo messicano in seguito alle manifestazioni e proteste studentesche che si stavano svolgendo nella capitale ordina e ottiene grazie all'esercito il massacro di oltre trecento studenti (agenzie governative smentiscono, naturalmente, affermando che erano solo circa cinquanta) a Tlatelolco (era presente anche la scrittrice/giornalista Oriana Fallaci, rimasta gravemente ferita durante gli scontri).
Sfondo storico di un'America latina martoriata, la caduta di Salvador Allende e il regime di Pinochet in Cile.
Roberto Bolano scrittore e poeta cileno partecipa attivamente alla situazione politica del sudamerica, morirà in Spagna nel 2003 a soli cinquant'anni, voci controverse raccontano episodi della sua vita e del suo attivismo politico).
Questo è un romanzo poetico che trae dalla storia e si fa con la storia. Amuleto non è un romanzo facile da leggere dove la protagonista, la voce narrante, di nome Auxilio madre di tutti i poeti messicani, ma lei è uruguaiana, non è una poetessa, non scrive ma vive per i poeti ed i letterati e si nutre di loro e per loro. Personaggio strano come tutto ciò che appartiene pagina dopo pagina a questo romanzo. Lei vive il rastrellamento dell'università nel '68 chiusa in un bagno del quarto piano nella Facoltà di Lettere assiste a tutto, vede tutto ma rimarrà chiusa lì dentro seduta su di un water terrorizzata e come unica compagnia le poesie del poeta Pedro Grafias (poeta spagnolo in esilio dopo la guerra civile), resisterà per oltre dieci giorni.
Arturo Belano è l'alter ego dello scrittore (lo si capisce anche dal cognome) a cui fa eseguire tutte le sue vicissitudini che gli sono accadute in Cile durante il golpe di Pinochet e la caduta di Allende.
Questa è una storia del terrore così viene definita nel libro, ma in realtà è la storia della marcia di studenti che vanno verso una battaglia perduta in partenza ma che si deve combattere uniti dal coraggio e dallo stesso ideale, un passo verso l'abisso. Ma quei ragazzi cantavano un canto che parlava della guerra, dell'amore verso tutti e verso tutto, del desiderio e del piacere, di un'intera generazione di latinoamericani che si è sacrificata in onore di un'idea, in onore di un credo.
Quel canto era il loro Amuleto.

“...perché la morte è il bastone dell'America latina e l'America latina non può camminare senza il suo bastone.”

Poso queste parole in loro onore!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
221
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amuleto 2012-08-03 06:53:24 amuleto
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
amuleto Opinione inserita da amuleto    03 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Y EL CANTO ES NUESTRO AMULETO

Città del Messico,1968: Auxilio Lacouture, uruguiana di mezza età alta e magra come un Quijote femminile,è l'unica a salvarsi durante la violazione dell'autonomia universitaria da parte del governo militare messicano.La donna rimane chiusa nel bagno della facoltà di lettere e filosofia della UNAM(università nazionale autonoma messicana)e qui prendono il via pensieri allucinati sul presente, sul passato e sul futuro.Un viaggio surrealista attraverso personaggi artisti che hanno dato molto al Messico e all'America Latina.Un excursus che ripercorre "una storia di crimini atroci" vissuta da milioni di latino americani.Auxilio vaga metaforicamente per le strade del Distrito Federal, incontra i giovani poeti fracassati ma sopratttutto Arturito Belano, alter ego di Bolaño ripercorrendone tutti i suoi spostamenti dal Cile al Messico durante il golpe di Pinochet.Auxilio assiste al parto della storia, una storia che solo con il potere della scrittura può essere ricordata e non lasciata nel dimenticatoio

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
i detective selvaggi, Stella distante, La letteratura nazista in America
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri