Narrativa straniera Romanzi Belle & Sebastien
 

Belle & Sebastien Belle & Sebastien

Belle & Sebastien

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Belle & Sebastien, romanzo di Nicolas Vanier edito da Sperling & Kupfer. 1943. In un villaggio sperduto nel cuore delle Alpi, dove solo i camosci e i grandi cani di montagna resistono ai rigori dell'inverno e dove le cime sembrano abbracciare le nuvole, la vita scorre dolce e tranquilla. Fino all'arrivo di due nemici che sembrano invincibili: i tedeschi e la grande Bestia, un predatore assetato di sangue che si aggira di notte depredando gli ovili. Tutti gli abitanti del villaggio sono decisi a ucciderla, tutti tranne uno. Sébastien, un ragazzo cresciuto senza genitori all'ombra dei monti, ha giurato di difenderla: per lui la Bestia è solo Belle, la splendida femmina di pastore dei Pirenei diventata un'inseparabile amica. Gli unici alleati di Sébastien sono il burbero nonno César, la bella e affettuosa panettiera Angelina e Guillaume, il giovane medico del paese, tutti uniti per eludere l'implacabile sorveglianza del tenente Peter Braun. Infatti, mentre Angelina è costretta suo malgrado a rifornire gli occupanti tedeschi, il dottor Guillaume aiuta gli ebrei a fuggire oltre confine attraverso le montagne. Il tenente Braun lo sa bene e fa di tutto per scovare i fuggiaschi e la loro guida. Finché la notte di Natale del 1943 Guillaume, ferito, non riesce a raggiungere la famiglia ebrea che lo aspetta per scappare, e Angelina, Belle e Sébastien decidono di rischiare la vita per loro. Coraggio, amore e amicizia saranno allora gli unici baluardi contro la follia della guerra.La storia di Belle e Sébastien ha già conquistato svariate generazioni: raccontata da Cécile Aubry negli anni Sessanta in una serie di libri di grandissimo successo diventati poi una popolarissima serie televisiva, negli anni Ottanta è stata ripresa nell'omonima serie di cartoni animati giapponese.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Belle & Sebastien 2013-12-23 04:21:30 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    23 Dicembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’importanza dei ricordi

“Bella e Sebastiano” di Cécile Aubry è un romanzo che negli anni Sessanta fu rappresentato in uno sceneggiato in bianco e nero, di produzione francese, e racconta la storia del piccolo Sebastiano che viene partorito in montagna in un giorno freddo e tempestoso. La mamma muore di parto e il neonato viene accolto nella famiglia del guardiacaccia Cesare.
Lo stesso giorno, in altro luogo, viene alla luce una cucciolata di pastori dei Pirenei. Tra i cuccioli, Bella (“Era ancora soltanto un cucciolo, ma già s’intuiva che sarebbe divenuta enorme e forte come la madre, tenera e dolce con chi le sarebbe stato amico, minacciosa nella collera”) è strappata alla madre e regalata a un commerciante. Dopo una lunga serie di peripezie e abbandoni, Bella ormai cresciuta (“La sua pelliccia… l’avviluppava in un vello soffice, spesso, lungo, brillante come quello d’un orso polare, macchiato soltanto dall’impronta del suo naso e dalle due lunghe linee che le circondavano gli occhi”) si abbandona all’istinto (“Non sapevano che, nella sofferenza della prigionia, l’animale ritrovava l’astuzia dei suoi selvaggi antenati”) e si rifugia sulle montagne (“Bella, ascoltando il richiamo delle alte montagne che avevano cullato la sua razza, fuggì verso i rifugi che esse potevano offrirle”).

Sebastiano, all’età di sei anni, affronta insieme a Cesare e ai figli Gianni e Angelina “i dispiaceri cui va incontro una onesta famiglia quando adotta un bambino di origine ignota” e l’ostilità dei coetanei (“Ecco Sebastiano!... il Gi-tano!”).
Il bambino spesso fugge dalla cascina ove vive con chi l’ha accolto, affronta la montagna (“per rimanere solo, a valle del salto del Lupo quando il torrente, uscito dalla gola, diventa più calmo. E’ là che Sebastiano aveva costruito due mulini…”) e arriva sino al “rifugio di pietre secche, là dove s’alzava da quasi sette anni la grande croce funebre”.
Intanto Cesare continua a offrire protezione e comprensione al bambino (“Che sarebbe diventato Sebastiano se non lo si aiutava a rassomigliare un poco agli altri?”).

La montagna al confine italo-francese (“Là, alla fine del Petit Défilé, c’è la frontiera”) è neve, bosco di abeti, torrente Gordolasque e covo di animali (“Entrambi avrebbero atteso il passaggio della volpe”).
“Il sole faceva scintillare le cime della Demoiselle e del Baou e, fra di esse, la cresta a forma di falce dove passava la frontiera”.
Lì, sulla montagna Sebastiano incontra Belle (“L’animale doveva ancora percorrere molta strada prima di ritrovare l’amore per l’uomo”) e, vincendo la diffidenza iniziale, stringe un’amicizia indissolubile con il cane bianco. Un legame che sarà più forte di ogni contrasto (“Doveva salvare Bella ed era solo. Negli altri non aveva fiducia: nessuno l’aveva avvertito” che gli uomini del canile sarebbero venuti a catturare Bella), di ogni pregiudizio, di ogni insidia della montagna (“Perciò bisogna andare nel Grand Défilé! Perché loro ne hanno paura. Tutti.”).

Questa storia giaceva sepolta nella mia memoria di bambino ed è riaffiorata grazie a una discussione intervenuta proprio qui, a q-libri. Con la lettura del testo (poi ho anche reperito sul web il cofanetto con il vecchio sceneggiato in francese) ho potuto riscoprire e riassaporare alcuni ricordi e suggestioni che giacevano sotto strati di anni e di esperienze. Anche per questo, il commento vuole essere il mio modo personale per augurare a tutti i q-amici e alla redazione un felice Natale.

“Nevicò tutta la notte. Poi spuntò il giorno di Natale…”

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...libri per l'infanzia e libri per la gioventù. A chi è a caccia di ricordi.
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri