Narrativa straniera Romanzi Cairo automobile club
 

Cairo automobile club Cairo automobile club

Cairo automobile club

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Alla fine degli anni Quaranta, sotto le pale dei ventilatori del Cairo automobile club, l'Egitto dei pascià e dei monarchi amoreggia con aristocratici e diplomatici d'ogni sorta, basta che siano europei. Mentre negli spazi comuni, un esercito di servitori e impiegati venuti dall'Alto Egitto e dalla Nubia si affanna a soddisfare le esigenze dell'inflessibile El­Kwo, ciambellano del re. Tra i "soggetti": Abdelaziz Hamam, erede di una potente famiglia in rovina. Seguendo i cammini contrastati che prendono i suoi figli, scopriamo gli ultimi sussulti dell'Egitto prenasseriano: l'arroganza delle classi dominanti, la miseria dei reietti, il risveglio del sentimento nazionalistico. L'edificio si crepa ovunque, e nel microcosmo del Cairo automobile club, dove il volto nero come il carbone di un domestico aggiunge un tocco di eleganza al decoro, fremono i tempi futuri e l'esplosione rivoluzionaria che infiammerà il paese.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cairo automobile club 2017-04-30 07:13:19 enricocaramuscio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    30 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Colonialismo e voglia di rivoluzione

Anni Quaranta. I britannici occupano l'Egitto con la scusa di voler portare civiltà, progresso, modernità. Churchill parla addirittura di dovere morale, quasi stesse compiendo un vero e proprio sacrificio. In realtà, come sempre è avvenuto e ancora avviene con il colonialismo, le vere ragioni sono molto meno nobili e più utilitaristiche: depredare le risorse, soggiogare la popolazione, controllare ogni settore del paese. Cosa fanno gli egiziani? Le alte sfere, primo fra tutti il sovrano in persona, sembrano non vedere, troppo impegnati a flirtare con gli occupanti, a frequentare i salotti più prestigiosi in compagnia di notabili europei, a sedere amichevolmente allo stesso tavolo di chi usurpa la loro terra e ne disprezza la razza, la cultura, la storia. La povera gente pare per lo più inerte, impotente, rassegnata. Ma un sentimento nazionale sembra cominciare a farsi strada nel cuore e nella mente della popolazione, voglia di libertà, indipendenza e democrazia cominciano ad affacciarsi, qualcuno inizia a lavorare nell'ombra sfidando sia gli stranieri sia quella parte di egiziani che lasciano che la propria patria venga violentata. In tale clima si dipana la trama di questo bel romanzo di 'Ala Al-Aswani. L'autore è bravissimo nel gestire gli equilibri tra la spietata denuncia sociale e politica e la delicatezza di una prosa sempre pulita, armoniosa ed elegante. La storia generale del paese viene narrata attraverso gli occhi, i pensieri e le vicende di uno svariato numero di personaggi, le cui storie private appassionano il lettore e scatenano nel suo animo un insieme di sentimenti contrastanti. Tutto ruota intorno all'Automobile Club del Cairo, un microcosmo in cui convergono soggetti eterogenei che rappresentano benissimo tutte le classi sociali, le appartenenze politiche e religiose, i diversi strati culturali del Paese, gli usi, i costumi e le convenzioni. Nell'ampio mosaico di gente che popola il romanzo spiccano gli Hamam, discendenti di una ricca e prestigiosa famiglia dell'alto Egitto andata in rovina. Dal generoso ‘Abdelaziz alla dolce Ruqeya, passando per il loro egoista primogenito Said e per il tonto Mahmud. Ma le figure più importanti sono senza dubbio la bella e intelligente Saliha e il coraggioso Kamel, che incarnano la voglia di riscatto, emancipazione, progresso che pian piano si diffonde nell'animo della popolazione e che, all'inizio del decennio successivo, porterà ad una storica rivoluzione che abolirà la monarchia in favore di una Repubblica anti-imperialista e, almeno nelle intenzioni, progressista.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cairo automobile club 2014-11-04 18:24:59 annamariabalzano43
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    04 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Verso un nuovo Risorgimento

Ogni creazione letteraria, che sia frutto di immaginazione o resoconto di fatti realmente accaduti, una volta completata, assume una sua autonomia, diviene qualcosa d’altro rispetto all’autore, e i personaggi che ne sono parte si animano di vita propria, al punto che risulta difficile controllarne le azioni e i pensieri. Questo è quanto spesso si sente ripetere da scrittori che sono riusciti a creare figure destinate a imprimersi in modo duraturo nella mente dei lettori. Ed è in questo senso che va interpretato il capitolo di inizio dell’ultimo romanzo di Ala Al Aswani, che vede due tra i personaggi più importanti della storia, Kamel e Saliha fare visita all’autore, prima della pubblicazione del libro, per rivendicare il diritto a esprimere i propri pensieri e il proprio punto di vista sui fatti narrati. Da questo momento Kamel e Saliha non sono più astratte creazioni letterarie, ma concrete figure che rappresentano quella parte della società egiziana, tesa alla conquista dei valori democratici basati sul rispetto dei diritti umani e della dignità dell’individuo.
Un inizio geniale e avvincente. La rivendicazione di Kamel e Saliha a inserirsi in prima persona nel corso del romanzo spiega l’alternarsi delle due diverse tecniche narrative, espressioni di diversi punti di vista.
Il luogo in cui convergono i personaggi è l’Automobile Club del Cairo e il periodo storico è quello degli anni quaranta. L’Egitto è ancora parzialmente occupato dagli inglesi ed è governato da una monarchia corrotta e decadente. Le condizioni di vita dei dipendenti del Club sono le stesse della massa del popolo egiziano, che soffre della disuguaglianza sociale esistente tra le classi ricche e quelle povere, dove quest’ultime sono tenute in condizioni di semischiavitù. Le prevaricazioni del Camerlengo del re, il Kao, sfociano spesso in umilianti punizioni corporali. Il direttore del Club, un inglese di nome Wright è altrettanto privo di scrupoli. In questo contesto e a questi personaggi è legata la storia della famiglia di Abdelaziz Hamam. I figli sono lo specchio dell’Egitto dell’epoca, di quella parte che lotta per il progresso e l’emancipazione culturale e sociale, come Kamel e Saliha e di quella legata a interessi particolaristici ed egoistici come Sa’id e Mhamud.
Se da un lato il ruolo degli inglesi nella storia dell’Egitto è qui rappresentato in modo estremamente negativo dal personaggio di Wright, esso tuttavia si riscatta attraverso la figura di Mitzie, generosa e pronta a dare il suo contributo disinteressato al progresso e all’emancipazione del paese.
Ed è dunque attraverso le avventurose vicende che legano questi personaggi che l’autore guarda al passato, al presente e al futuro dell’Egitto: un futuro di democrazia ancora lontano, ma sempre più vicino, se l’opera di diffusione della cultura continua, con il convincimento che la democrazia debba essere una conquista di ogni popolo che la desideri, e non un valore imposto da altri. Questo appare il messaggio di Al Aswani. Per avviarsi verso un duraturo Risorgimento Arabo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini