Narrativa straniera Romanzi Cielo di sabbia
 

Cielo di sabbia Cielo di sabbia

Cielo di sabbia

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Oklahoma, anni Trenta. Jack ha appena finito di seppellire entrambi i genitori e si aggira tra le rovine della sua casa, distrutta da una delle tempeste di sabbia che sconvolgono lo Stato, quando viene raggiunto da Jane e suo fratello Tony. Anche loro hanno perso tutto quello che avevano, e vagano in un mondo senza vita, nel quale ogni cosa, dalle piante al cibo, è sommersa sotto uno strato di polvere rossa. Ai tre ragazzi non rimane che rubare una macchina e partire alla volta del Texas orientale, nella speranza di trovare pace e un'occasione per ricominciare a vivere. Ma la strada fino in Texas, tra rapinatori e vagabondi, cavallette e alligatori, deliziose vedove e spietati sfruttatori, si rivelerà lunga e tortuosa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.7  (6)
Contenuto 
 
3.5  (6)
Piacevolezza 
 
4.0  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cielo di sabbia 2015-05-14 10:34:41 Rebel Luck
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Rebel Luck Opinione inserita da Rebel Luck    14 Mag, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Texano, non ha più, gli occhi di ghiaccio.

Compitino senza infamia e senza lode.

Compitino senza infamia e senza lode per il buon Lansdale, leggibile e poco più.
Raccontino troppo infantile e con pochi spunti interessanti.

Dopo aver letto "Freddo a luglio", ero rimasto piacevolmente colpito da questo scrittore, quindi la lettura di questa opera era partita con ben altre aspettative...

L'ambientazione è fantastica: il Texas orientale degli anni trenta, immerso in tremende tempeste di sabbia, stormi di cavallette e caldo assassino.
Ma gli spunti positivi sono davvero pochi altri.
I personaggi principali sono tre orfanelli Jack, Jane e Tony.
La voce narrante è quella di Jack, ragazzino preadolescente poco istruito che ragiona ancora troppo da bambino, e questa secondo me è una scelta davvero sbagliata, questo dona al libro il sapore di un romanzo per ragazzi, ma che non è adatto ai ragazzi...
L'avventura, se così si può chiamare, si snoda tra personaggi sempre troppo stigmatizzati e sempre poco credibili, i cattivi sono davvero cattivissimi ed i buoni sono davvero troppo buoni.

Colpo di coda nelle ultime pagine, con un finale divertente, ed un personaggio "Strangler" finalmente interessante, un lottatore che lavora in un luna park, un bugiardo, ladro, ma buono.

Ripeto: mi aspettavo di più.
Consigliato a chi sotto l'ombrellone non sa più cosa leggere, e ha bisogno di una lettura poco impegnativa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi sotto l'ombrellone non sa più cosa leggere, e ha bisogno di una lettura poco impegnativa.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cielo di sabbia 2011-10-27 13:27:35 rivendell
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
rivendell Opinione inserita da rivendell    27 Ottobre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"My Oklahoma home..."

"...is blown away" come si narra nella canzone facente parte della tradizione folk americana (vedi anche Springsteen & The Seeger session band).
Episodio, a mio parere, inferiore per il nostro Lansdale, non all'altezza, ad esempio, di "In fondo alla palude".
Il romanzo è molto scorrevole e si legge tutto d'un fiato, a tratti divertente, i personaggi, tutti adolescenti, sono ben rappresentati.
I dialoghi, nella traduzione italiana, rendono molto bene l'idea di aver a che fare con tre ragazzini.
Peccato che i personaggi di contorno, la trama e il finale siano veramente banali e prevedibili! Mentre lo leggi sai già cosa capiterà nelle pagine successive!
Sottotono come "Devil red" l'ultimo della serie Hap & Leonard, confido, comunque, nel ritorno ai livelli qualitativi dei romanzi precedenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cielo di sabbia 2011-08-30 06:41:22 gracy
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    30 Agosto, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dalla serie “Papermoon”

Camaleontico e seduttore Lansdale non finisce di sorprendere con la sua scrittura sottile e con le sue storie irresistibili, complice la traduzione di Luca Conti che è perfetta. Il cielo è tinto di sabbia insidiosa, di cavallette, del torrido caldo e dall’Oklahoma, tre giovani orfanelli Jack, Jane e Tony, fuggiti nel Texas orientale con la speranza di trovare il quieto vivere, devono fronteggiare tante insidie. Siamo negli anni trenta, il conflitto sociale e la Depressione sono i temi che tra un evento e l’altro affiorano prorompenti ed a raccontarli è la voce narrante di Jack; l’innocenza infantile è del piccolo Tony e l’ironia a volte spietata è di Jane. Avendo amato “La sottile linea scura” e “In fondo alla palude”, influenzati per molti aspetti dal “Il buio oltre la siepe”, “Cielo di sabbia” l’ho trovato un po’ “sottotono”, perché fin troppo prevedibile e incapace di emozionare fino in fondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cielo di sabbia 2011-08-08 21:09:29 andrea70
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    08 Agosto, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' tornato !

La precedente fatica letteraria di Lansdale avente per protagonisti Hap e Leonard mi era sembrata un tantino sotto lo standard di questo autore che apprezzo tantissimo .
Qui Lansdale torna ai livelli che gli sono consoni, perchè torna "a casa" , nel Texas, nell'America anni trenta, tra la grande depressione ed il razzismo, l'adolescenza e il difficile cammino per diventare adulti; quando Lansdale impugna la penna per narrarci di questi luoghi e temi a lui cari sembra tarsformarla in una piccola bacchetta magica.
La polvere rossa o di altri colori (bellissima la digressione del giovane Jack su questo argomento) te la senti addosso, nella gola, tra i vestiti, ti manca il respiro come se fossi in quell'inferno di polvere e aridità tanto è efficace la descrizione dell'autore.
I personaggi non sono mai banali: Jane è tratteggiata come solo un grande scrittore "ispirato" sa fare, ma anche gli altri protagonisti più o meno importanti hanno "vita" , in qualche modo ti colpiscono e si fanno ricordare.
Lansdale racconta vari aspetti della difficile vita di quegli anni attraverso le avventure dei tre ragazzi in cammino verso una meta che non è davvero un luogo preciso ma il compimento della costruzione della loro persona: saranno uomini, saranno donne , che troveranno la loro strada o continueranno a cercarla con lo stesso ardore di quando erano ragazzi.
Solo lo Stephen King di It o di Stagioni Diverse aveva la stessa naturalezza e lo stesso talento leggero nel descrivere l'adolescenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cielo di sabbia 2011-07-27 16:08:33 marco 70
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da marco 70    27 Luglio, 2011

Un romanziere così americano e così universale

Oklahoma anni 30. Alla crisi economica che ha colpito con durezza la società americana, si aggiunge in Oklahoma una spaventosa tempesta di sabbia che distrugge non solo i raccolti ma anche vite umane. Jack, Jane e il fratello Tony, i cui genitori, in circostanze diverse, sono morti a causa della tempesta, fuggono verso il Texas, il luogo dell'anima di Joe Lansdale, in cerca di una salvezza. Incontreranno un'umanità molto varia (gangsters spietati, rapinatori dal cuore tenero, sceriffi crudeli, vedove samaritane), una natura selvaggia e ostile (alligatori affamati, sciami di cavallette). Lo stile, come sempre nei romanza di Lansdale, incisivo, incalzante. L'autore riesce a passare con abilita da dramma alla commedia. Il personaggio di Jane è magnifico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama i romanzi di formazione ambientati nell'America profonda
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cielo di sabbia 2011-07-10 08:50:16 libreriasemola
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
libreriasemola Opinione inserita da libreriasemola    10 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un grande romanzo, l'epopea americana di un ragazz

Joe Lansdale è uno dei nostri scrittori preferiti.
Incontrato una settimana fa al BullOne pub, in occasione del Piacenza Blues Festival, abbiamo avuto modo di scambiare due parole sulla sua ultima fatica.
Protagonista del libro è Jack, orfano già alla prima pagina, che lascerà la sua casa nell’Oklahoma flagellato dalla siccità, ed insieme a due amici cercherà miglior fortuna ad ovest, negli Stati Uniti piegati dalla Grande Depressione.
L’adolescenza, il viaggio, il male, la perdita dell’innocenza sono alcuni dei temi di questo romanzo, che strizza l’occhio alle famiglie in viaggio di Steinbeck, ai luna park di Bradbury, ai vagabondi di Kerouac...
“Cielo di sabbia” è senz’altro un romanzo maturo, completo, appagante; meno pulp di opere precedenti, non deluderà i fan di Lansdale grazie al consueto humour nero, e piacerà anche a chi dell’autore texano non ha mai letto nulla.
Einaudi, euro 17

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lansdale, Bradbury, King, Steibeck, Faulkner, Hemingway... per tutti i fan di letteratura americana!
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore