Narrativa straniera Romanzi Come il vento tra i mandorli
 

Come il vento tra i mandorli Come il vento tra i mandorli

Come il vento tra i mandorli

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Come il vento tra i mandorli, romanzo di Michelle Cohen Corasanti edito da Feltrinelli. Palestina, metà degli anni Cinquanta. Mentre il conflitto arabo-israeliano infiamma. Ichmad, dodici anni, un talento non comune per la matematica e un'ammirazione sconfinata per Albert Einstein, suo grande mito, scopre per la prima volta la violenza e la paura. La sua famiglia viene costretta dall'esercito israeliano ad abbandonare la casa e tutti i propri averi per trasferirsi in un fazzoletto di terra rallegrato soltanto da una pianta di mandorlo, unica fonte di sostentamento e ristoro. Ma i problemi non sono finiti: quando il padre di Ichmad viene imprigionato con l'accusa di aver nascosto delle armi per i rivoluzionari, spetta al primogenito il compito di prendersi cura della madre e dei numerosi fratelli. Ichmad deve trovare un lavoro, e in fretta, per combattere un nuovo, subdolo nemico: la fame. Suo unico conforto, il mandorlo in fondo al giardino, dai cui rami può spiare il moshav limitrofo e vedere bambine e bambini giocare felici, un mondo tanto difficile da comprendere quanto affascinante. Quando, anno dopo anno, ingiustizia dopo ingiustizia, i suoi fratelli soccombono all'odio verso Israele, Ichmad lotta per dare un senso a ciò che lo circonda. Usando il suo talento e la sua intelligenza, vince una borsa di studio per l'università dove può iniziare a costruirsi una vita migliore. La storia fa il suo corso. Mentre Ichmad, ormai adulto, riesce a emigrare negli Stati Uniti dove finalmente ricomincia a sognare.

Michelle Cohen Corasanti ha una laurea in Studi sul Medio Oriente conseguita presso l’Università ebraica di Gerusalemme e un master a Harvard. Inoltre, è avvocato specializzato in diritto internazionale e in diritti civili. Ebrea americana, ha vissuto per sette anni in Israele, poi in Francia, Spagna, Egitto e Inghilterra, e attualmente abita a New York con la sua famiglia. Ha fondato The almond tree project, un’associazione che promuove il dialogo tra israeliani e palestinesi tramite letteratura, musica e teatro. Con Feltrinelli ha pubblicato Come il vento tra i mandorli (2014).



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Come il vento tra i mandorli 2014-07-09 20:52:57 catcarlo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    09 Luglio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

The almond tree

Il romanzo è uscito in Italia con il titolo di ‘Come il vento tra i mandorli’, il che tradisce un po’ le premesse da cui è nato: ‘The almond tree’ è anche un’associazione che lavora alla pace fra arabi e israeliani fondata dall’autrice, avvocato statunitense di origine ebraica che si è votata alla causa dopo una lunga permanenza in Israele. Il libro rappresenta il suo esordio letterario e, al netto di alcuni difetti e di qualche necessità di limatura, è una buona storia che, pur raccontata in modo lineare, è capace spesso di emozionare sforzandosi nel frattempo di portare al centro la questione palestinese . Per farlo, ecco allora l’immaginaria autobiografia – che somma romanzo di formazione e classica ‘success story’ a stelle e strisce - di Ichmad, ragazzino arabo dal precoce talento matematico che, malgrado le difficoltà, riesce a sfruttare le sue doti per arrivare ai vertici mondiali della fisica. Il desiderio di far passare il racconto per i momenti cruciali in Medio Oriente negli ultimi sessant’anni costringe il povero Ichmad a passare attraverso una serie impressionante di sfighe (fratelli che cadono come mosche, padre imprigionato per decenni, lavori manuali malpagati, amori della sua vita che svaniscono improvvisi), ma contro simili avversità egli rimane forte magari nascondendosi dietro le sue elucubrazioni matematiche e, comunque, avendo la capacità di annodare un rapporto duraturo con un vecchio nemico. In tutto questo, il protagonista finisce per dare l’impressione di un certo egoismo, visto che fa tutto per sè e per la propria famiglia d’origine, ma tralasciando il suo popolo, come gli rinfaccia puntualmente il fratello Abbas. Questo suo essere una figura contraddittoria (si veda anche come il giovane ‘illuminato’ tratta la moglie Yasmina) è però un pregio in un romanzo in cui le figure troppo caratterizzate non sono poche: il padre è una specie di santo, la madre una cocciuta tradizionalista, il fratello ovviamente arrabbiato e gli Israeliani, specie quelli in divisa, dei trucidi figuri che forse era meglio la Gestapo. Come già accennato, tutto questo si svolge sullo sfondo della difficile situazione degli arabi di Palestina che l’autrice si sforza di mettere in evidenza specie a beneficio del distratto Occidente, ben sapendo che un romanzo può più di cento saggi, con la speranza che l’amicizia, nata dalla reciproca conoscenza, tra Ichmad e Menachem (che di cognome fa Sharon, tanto per esser chiari) possa servire in qualche modo da esempio. Ciò non toglie che, talvolta, la raffigurazione di quel tormentato angolo di mondo assomigli alla visita che un realizzato Ichmad – ormai ricco cittadino statunitense – fa a Gaza strozzata dalle imposizioni isreaeliane (e dal Muro): anche se le scene dell’occupazione violenta non mancano, la sensazione di un certo paternalismo non è evitabile e risulta particolarmente evidente nel confronto tra il Palestinese buono (Ichmad) e quello cattivo (Abbas).
N.B.: Ho ricevuto una copia gratuita di questo libro come Anteprima Omaggio su Goodreads.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Come il vento tra i mandorli 2014-06-30 13:25:13 maria.luperini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
maria.luperini Opinione inserita da maria.luperini    30 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La giustizia e il sogno

Questo è un libro che parla di israeliani e di palestinesi, fin dall'alba del loro dolore. Ne parla un'israeliana dalla parte della pace, che in quanto a rinunce non porta meno dolore della guerra. Il protagonista è un bambino palestinese che, a causa della violenza dei soldati che obbediscono alla politica del governo e della rabbia dei terroristi che sono stati anche suoi amici, perde tutto quello che può perdere un essere umano: l'agiatezza, la possiblità di studiare, due sorelline uccise e un fratello che si abbandona alla vendetta, il padre condannato innocente, la casa. In questo niente che ha, aleggia l'insegnamento del padre ("non si può vivere di rabbia") e così Ichmad si assume la responsabilità di capofamiglia a dodici anni, lavora anzi che studiare, raccoglie e guida la madre e i fratelli più piccoli attorno all'albero di mandorlo che da posto di vedetta è diventato casa presso cui sdraiarsi al coprifuoco. La ricerca tenace della pace parte da qui, da questo apparente nulla. E si nutre del talento e dei sogni di questo ragazzino, che riesce a insegnarci la vita anche dove la vita sembra non potersi più vivere. Il libro è scritto in uno stile giornalistico che non lascia spazio a sentimentalismi e raggiunge sicuramente lo scopo di far riflettere sugli anni che hanno cambiato il corso della storia nel mediterraneo. Più in generale, su come si possa non farsi snaturare dalla violenza se si cede all'amore per la propria gente e, in ultima analisi, per se stessi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il cacciatore di aquiloni
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri