Narrativa straniera Romanzi Ditelo a Sofia
 

Ditelo a Sofia Ditelo a Sofia

Ditelo a Sofia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Budapest, estate 1957. Sofia ha undici anni e non riesce a capire il difficile mondo dei grandi intorno a lei. Timida e impacciata, studentessa mediocre e delusione continua per sua madre, Sofia aveva un buon rapporto solo con il padre, giovane medico stroncato da un infarto. "Ditelo a Sofia" sono le sue ultime parole, che diventano per la ragazzina un'ossessione. "Ditelo a Sofia"; ma cosa? Il desiderio spasmodico di conoscere l'ultimo messaggio del padre la spinge sulle tracce dell'unico testimone che era in ambulatorio in quel momento, il terribile signor Pongraz, l'anziano usciere della sua scuola. L'uomo nasconde, dietro la rabbia, un doloroso segreto, Sofia vede gli errori degli adulti, ma non giudica e cerca qualcuno che le voglia bene per quello che è. Insieme, l'anziano scontroso e la bambina troppo sensibile, cercheranno risposta alla loro silenziosa domanda d'amore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ditelo a Sofia 2017-12-28 10:17:03 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    28 Dicembre, 2017
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sofia

«Era sicuro, ormai, che Sofi sapeva concentrarsi soltanto quando ascoltava davvero la spiegazione, quando si trovava solo lei in classe. Non riesce a comprendere servendosi degli occhi, perché tutto il resto li assorbe, ma ci si può fidare del suo udito. Non aveva mai dubitato che fosse una bambina intelligente. Che pasta ci fai? Judit aveva sbagliato anche in questo. Avrebbe dovuto chiedere a Pongracz come faceva a conoscere Sofia.»

Sofia è una bambina particolare. Figlia di un medico e di una scrittrice, è riservata, silenziosa, apparentemente lenta e calma nell’apprendimento, nel concreto solerte e rapida se concentrata. Dentro di sé nasconde un mondo, un mondo tutto da scoprire eppure non facile da comprendere. Perché Sofi ha perso il padre, così, inaspettatamente, e nell’andarsene quest’ultimo ha lasciato detto: “Ditelo a Sofia”. Ma dirle cosa? E perché? La giovane protagonista non riesce e non può darsi una spiegazione tanto che decide di mettersi alla ricerca di quelle persone che sono venute in contatto con il dottore al momento della sua dipartita per cercare di far chiarezza su questo mistero, su questo rebus irrisolto.
Ha inizio così l’avventura della piccola, un’avventura che arriverà a coinvolgere tanti altri personaggi e che porterà a ricomporre un puzzle di colori e di emozioni. Perché sin dal principio la Szabò riesce con la sua capacità creativa a delineare perfettamente uomini e donne, rendendo indimenticabile ogni alunno, professore, custode, postino, muratore, portiere, inserviente, anziano. Anche se taluni nella narrazione possono sembrare superflui, con lo scorrere della stessa, appare chiaramente come in realtà non lo siano poiché ciascuno pian piano assume un ruolo ben preciso e determinato per il chiarimento dell’arcano. La stessa Sofia finisce con l’essere dalla protagonista, una dei protagonisti, perché in questa ricerca inarrestabile incontrerà altre persone e al contempo dovrà imparare a confrontarsi con sé stessa. La sua figura assumerà contorni confusi per poi riassumerne di definiti e nuovi.Le sue paure, i suoi dubbi, i suoi gesti quieti, saranno scossi dal tumulto delle circostanze e la sua stessa figura vedrà un riscatto agli occhi di chi l’ha sempre relegata ad una condizione di inferiorità o l’ha sottovalutata.
Non solo. Riuscirà, ancora, a ritrovare quell’amore che credeva ormai perduto a seguito della morte del padre. Avendo avuto da sempre un rapporto conflittuale con questa madre che non perde occasione per denigrarla, per sottolineare ogni sua imperfezione perché incapace di comprenderla davvero per considerarla quasi un peso, la bambina farà della sua dolcezza, sensibilità e pazienza una forza (a discapito di quella timidezza e disagio verso tutte le situazioni) conquistando perfino Istvàn Pongràcz, usciere della scuola malato e dal carattere rude, aspro e collerico. Aiutandolo nella degenza ne coglierà aspetti e segreti più profondi del suo presente e del suo passato.
Il tutto è avvalorato e accompagnato da una scrittura soave, erudita, che sa adattarsi ai vari protagonisti creati. Una delle peculiarità dell’ungherese è proprio quella di riuscire ad amalgamare il proprio stile ad ogni voce presente nei diversi romanzi. Ci sentiamo Emerenc, Eszter, Etelka, Sofia, senza alcuna difficoltà.

«Il fatto è che lei le dirige verso altre cose, cose ben diversa da quelle che a te verrebbero mai in mente. Lei è ancora come una sfera, non riesci ad afferrarla perché non ha uno spigolo, per fissarla a una superficie solida, ma continua a rotolare di qua e di là. Ha un segreto, una molla nascosta, che toccata al momento giusto farà scattare un meccanismo [..]»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ditelo a Sofia 2016-02-10 18:58:14 Lady Libro
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    10 Febbraio, 2016
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tante vite da una vita

Le prime bellezze che emergono da questo libro sono il talento per la scrittura di Magda Szabò e la sua capacità di creare personaggi ben definiti e indimenticabili: ogni professore, alunno, bidello, postino, inserviente, impiegato, muratore, passante... Non ce n'è uno che non lasci il segno.
Il suddetto romanzo è infatti un affresco di anime e volti. Un cerchio che si allarga sempre di più e in cui tutto torna in un multiplo ciclo di vite. Nulla avviene per caso e tutti coloro che cercano qualcosa, finiscono sempre per trovare tutt'altro, nel bene e nel male, nel più e nel meno.
La piccola Sofia del titolo, pur essendo il fulcro da cui prende avvio la storia, è solo una dei tanti protagonisti: la sua assidua e disperata ricerca la porta più in là di quanto credesse, la costringe a confrontarsi con se stessa, le sue paure, i suoi dubbi, a riscattarsi agli occhi del mondo che la vede come una persona debole, schiva, imbranata, poco intelligente. Ma, soprattutto, la aiuta ad aprirsi con le persone, a trovare quell'amore che credeva di aver perduto per sempre con la morte dell'adorato padre, avendo un rapporto molto conflittuale con la madre, che la denigra spesso per le sue imperfezioni, incapace di capirla realmente, ritenendola quasi un peso.
Con la sua dolcezza, sensibilità e pazienza (qualità offuscate da un'immane timidezza e disagio), Sofia conquisterà e aiuterà tutti quelli che la circondano, in particolar modo Istvàn Pongràcz, temuto usciere della scuola che frequenta, andando oltre le apparenze, la rudezza e l'asprezza di quest'ultimo, cogliendo quei tragici e reconditi segreti che pochissimi sanno trovare.
Chi legge questo romanzo, si ritroverà più ricco di prima, nonché appena uscito da lago colmo di sentimenti puri e toccanti.
Da non perdere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri