Narrativa straniera Romanzi Donna per caso
 

Donna per caso Donna per caso

Donna per caso

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Per Maria non c'è nulla di certo. La sua vita è una sequenza di episodi accidentali. L'amicizia di chi la circonda non la smuove, e non la smuovono neppure le reiterate offerte di matrimonio da parte di Ronny, innamorato devoto. Le piace vivere dentro i confini che certamente sente come il suo mondo ma che altrettanto sicuramente sa non essere prodotto di una "sua" precisa volontà. Si laurea, si sposa, ha un figlio e continua a non capire come di quegli eventi si possa dire "la mia vita". Esiste un grimaldello capace di far saltare l'apparente freddezza esistenziale di Maria? O tutto è destinato a finire com'è cominciato, vale a dire "per caso"? "Donna per caso" è il primo romanzo di Jonathan Coe.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Donna per caso 2021-03-08 10:54:31 annamariabalzano43
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    08 Marzo, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Emancipazione e solitudine

“Donna per caso” fu il primo romanzo di Jonathan Coe e certamente non è tra i suoi migliori, anche se alcuni temi li ritroveremo successivamente nelle opere che lo hanno reso celebre.
La protagonista è Maria e la scelta di un personaggio femminile non è casuale per gli argomenti delicati che l’autore si accinge ad affrontare: l’emancipazione femminile, la libertà individuale e la solitudine.
Maria diviene un simbolo di ciò che nel tempo la donna ha sempre giustamente rivendicato per sé, il diritto di fare le proprie scelte senza soggiacere ad alcun condizionamento. Ed è così che Maria si allontana da casa per completare i suoi studi, conosce il piacere di una vita da single, lontano tuttavia dagli affetti familiari e, nel suo affanno di costruirsi una vita indipendente, trascura l’amore, allontana da sé le amicizie, penalizza e mortifica quasi il suo aspetto avvenente per privilegiare la tendenza all’indifferenza e al cinismo. Persino l’amore per un figlio, che sembra quasi un incidente nella sua vita, viene superato dall’esigenza di soffrire il meno possibile. È un cammino progressivo verso un isolamento totale. Maria si ritrova prigioniera di una anaffettività che non aveva previsto e della quale non aveva saputo valutare gli effetti negativi.
Il messaggio chiaro e forte che si può cogliere da questa storia di sostanziale infelicità e solitudine consiste nel non trascurare in nessun caso la sfera affettiva, perché non possono esistere né libertà né felicità se non si accetta di vivere in un contesto sociale umano che comporti alcune scelte e parziali rinunce che implichino un coinvolgimento consapevole dei propri sentimenti e una presa di coscienza delle proprie responsabilità. Un romanzo amaro, ma per certi versi, illuminante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Donna per caso 2017-06-03 22:07:06 68
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    04 Giugno, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Destino già scritto o piacevole ragionevolezza?

Il romanzo d' esordio di Jonathan Coe ( 1987 ), lontano per trama e complessità dai testi più noti, eleva il caso, elemento indefinito ed insondabile presente anche in opere successive, a protagonista del racconto.
La storia di una persona qualsiasi, sulla soglia della femminilità, una lei, Maria, raccontata nell' incedere dei suoi anni migliori da un narratore esterno onnisciente, da subito ne definisce tratti e peculiarità.
La nostra protagonista, con un futuro radioso tutto da scrivere ( frequenterà Oxford ), corteggiata, amata, invidiata, vive nel fluire ripetuto dei giorni un progressivo e tormentato distacco da un reale da sempre disconosciuto, accentuando tratti di una involuzione personale ed affettiva, di disagio sociale, isolamento, anaffettività, ripiegandosi in una vita non vita, in un' assenza emozionale e partecipativa con i contorni della depressione.
Scorrono gli anni, le esperienze, la scuola, le amicizie, gli amori, i tradimenti, il matrimonio, i figli, la famiglia, gli affetti, le separazioni, la maturità, nell' incedere e sedimentarsi di giorni sempre più cupi, ovattati, con sterili attimi di felicità, trascorsi per lo più in uno stato di indifferenza e noncuranza.
La sua e' una vita insoddisfacente inserita in una socialità che non le appartiene e da cui cerca di allontanarsi, lei che non ha mai brillato per umorismo, simpatia, empatia.
È uno stato di emarginazione vissuto anche in mezzo alla folla, tra volti amichevoli, nugoli di corteggiatori ed oggi, dopo una vita trascorsa alla mercé di forze insondabili, gli accadimenti sembrano sempre riguardare qualcun' altra.
Potremmo anche considerare che il caso, questa entità onnipresente ed indirizzante i nostri destini, con Maria non sia mai stato troppo clemente, oppure che il suo senso di solitudine ed infelicita' rifletta aspettative troppo elevate, o semplicemente che ci siano poche persone obiettivamente amabili ed amorevoli.
In questo progressivo distacco, fisico ed emotivo, in cui la casualità, con un certo disincanto e pessimistica ragionevolezza, e' di casa, emerge anche una critica ad un concetto di socialità e socializzazione superficiale, scontato, banale, che lei ha da sempre allontanato, a cliché maschili e maschilisti che la fanno inorridire, ad un universo femminile frivolo e civettuolo, intessuto di apparenza, invidia, visibilità, egoismo, ad un conservatorismo famigliare barricato su rigide posizioni di facciata e su una integerrima e falsa ritualità.
Maria odia lo sterile cicaleccio, ama il silenzio delle parole non necessarie che considera l' inizio, non la fine, della comprensione.
Il proprio malinconico incedere all' apparenza inspiegabile, sospeso tra fatalismo ed introspezione, si veste di pacata ragionevolezza e saggezza a sondare la complessità di vita e relazioni, scrutando e sfidando " normalità " ed " apparenza ".
Trattasi di una donna profonda, un' invenzione narrativa anche simbolica inserita in una continua interazione narratore-lettore, chiedendosi e chiedendoci senso ed indirizzo della trama.
In fondo questo è il suo mondo, tra svaniti ricordi e volti invecchiati, lo sguardo rivolto al paesaggio, priva di qualsiasi emozione di sorta e con un unico desiderio, l' essere lasciata sola, in pace, invisibile, indifferente, calma, persa nei propri pensieri, accarezzata e sospinta da un destino inafferrabile.
Non il Coe più apprezzato ed apprezzabile, nel testo il respiro di una certa asciuttezza dialogica, una costruzione non memorabile, personaggi un po' acerbi, pochi guizzi narrativi, ma alcune tematiche ( per lo più intimiste ) già rappresentate.
Certamente una lettura da affrontare e digerire non pretendendo ciò che non c'è, di certo il Coe noto ed ammagliante brilla altrove in un futuro ancora da scrivere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri