Narrativa straniera Romanzi E' passato tanto tempo
 

E' passato tanto tempo E' passato tanto tempo

E' passato tanto tempo

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Daniel Ahearn vive un’esistenza silenziosa in una cittadina della costa del New England. Quarant’anni prima, a seguito di un suo sconcertante impulso violento, la figlia Susan gli è stata strappata dalle braccia dalla polizia. Susan ora è una donna che soffre del trauma di una notte che non ricorda e lotta per trovare una stabilità, per trovare la forza di amare un uomo e creare finalmente qualcosa. Lois, la nonna materna che l’ha cresciuta, cerca di ritrovare pace nel suo negozio antiquario, in una pittoresca cittadina della Florida, ma non riesce a sfuggire alla sua stessa rabbia, all’amarezza e alla paura. Catartico, intenso e pieno di quell’empatia e di quelle annotazioni di carattere per le quali Dubus è celebrato negli Stati Uniti come in Italia, È passato tanto tempo esplora come le ferite del passato disegnino ciò che siamo diventati e indaga i limiti del riscatto e del perdono.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
E' passato tanto tempo 2019-05-01 19:08:31 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    01 Mag, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dissolvenza e rinascita

C’è un presente di sofferenza, non esente da colpe, tremendamente complesso nell’immagine funesta di un passato tuttora vivido. Una famiglia spezzata da un evento atroce di cui continua a raccogliere i cocci, divisa da carcere, dolore, insensatezza, ingabbiata in una verità non vera ed in una solitudine obbligata, l’oggi maschera di una assenza definitiva.
Tre protagonisti, anime sole accomunate da una confessione espiatoria, dallo shock di una scoperta inattesa, da un desiderio di vendetta non ancora sopito.
Susan ha vissuto da sempre con Lois, la nonna materna, la madre Linda strappatale precocemente, il padre Daniel inadatto al suo accudimento, una infanzia tra la fuga e l’ esilio ed in cui “ noni “ ha sempre deciso ogni cosa.
Oggi insegna e sta cercando di scrivere una autobiografia, molte le cose su cui fare chiarezza, in primis quell’ oscuro senso di se’. Ha un marito grande, calmo e gentile, un musicologo, da sempre ha amato la letteratura più di se’ stessa, sempre e solo libri, sentendosi il fantasma prosciugato della ragazza che era.
La accompagnano un matrimonio che crede finito, una scia di scritti abbandonati, una vita vissuta come una vagabonda, gravidanze interrotte e relazioni finite, con un “ nemico “ innominabile, estraniamento ed alienazione.
Daniel è un sessantenne che ha finito di scontare la propria pena, non è più il giovane Danny imbevuto di un male invisibile, oggi sa di avere causato solo sofferenza, in primis alle due donne che ha amato.
Inabissatosi nelle ombre del passato, tra un presente di attesa ed un futuro inesorabilmente già scritto, insegue un incontro espiatorio, con se’ una eredità da trasmettere.
Lois e’ una ottantenne che ha perso la propria giovane figlia ( Linda ), da anni possiede una bottega di antiquariato e si circonda di tante belle cose fatte dai morti, esiliata in un luogo dove non avere più paura.
Tre vite ed una solitudine, sentimento cui ci si abitua per scelta e necessità da quando tutto è stato improvvisamente e definitivamente interrotto, spezzato, ma le vecchie storie non finiscono ed in qualche modo si continua a portarle dentro.
Il viaggio verso casa continua, tra sbalzi metatemporali, ricostruzioni possibili, spiegazioni improbabili, un viaggio dentro l’ ignoto e dentro se’ stessi, sollecitando la memoria, rimpiangendo le proprie manchevolezze, impossibilitati a cancellare l’ incancellabile.
Una resa dei conti inevitabile, dei sopravvissuti che non gioiranno per una giustizia personale tardiva ed ai quali non resterà che un vuoto incolmabile, ma c’è un futuro ad attenderli nel solco della brevità di una vita che dovrebbe essere accudimento reciproco.
Un romanzo sorprendentemente profondo e ben scritto, con tratti di prolissità, ma anche di reale e vivida armonia di dialoghi e personaggi, una trama che ricostruisce e svela un fatto di cronaca nera, strascichi di un evento che sconvolgerà, più o meno coscientemente, le vite dei sopravvissuti, vittime e carnefici.
Un tipico viaggio nella provincia americana e nelle viscere di una mente malata e redenta, anni oscuri e latenti, abbandonandosi all’ anestesia dolente di un evento funesto, un viaggio funesto nel cuore di una delle tante famiglie dissolte, unita e legittimata da un semplice legame di sangue, ma famiglia è e significa laddove accudimento ed amore si nutrono e crescono....

.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri