Narrativa straniera Romanzi Educazione di una canaglia
 

Educazione di una canaglia Educazione di una canaglia

Educazione di una canaglia

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Le esperienze di Edward Bunker nelle prigioni peggiori della California, per le strade di Los Angeles e nel sottobosco di Hollywood lo hanno accreditato a scrivere alcuni dei piu conturbanti ed efficaci romanzi moderni sul carcere. Con "Educazione di una canaglia" i lettori possono entrare, senza alcuna finzione narrativa, nel mondo duro e non edulcorato di Bunker. Sia che fumi uno spinello seduto sulla sedia della camera a gas, o che prenda in mano un coltello usato da un serial killer, o che nuoti tra i marmi della sfarzosa piscina Nettuno a San Simeon, California, Bunker si limita a esporre la sua mercanzia, nuda e cruda. Il risultato è agghiacciante, eppure non privo di una sua orgogliosa morale, perché è la pura verità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.6  (5)
Contenuto 
 
3.6  (5)
Piacevolezza 
 
3.4  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Educazione di una canaglia 2018-04-22 19:59:03 Mane
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mane Opinione inserita da Mane    22 Aprile, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fior di birbante

Molto autocelebrativo, Educazione di una canaglia,
da brava canaglia tradisce presto le aspettative legittimamente nutribili nei confronti di un libro che prometterebbe di portare il lettore in visita nel microcosmo dei penitenziari statunitensi.

Attraverso il racconto in prima persona dell’autore, piuttosto che immergerci nelle estreme atmosfere della condizione di reclusione, sembriamo assistere indifesi alla roboante narrazione delle gesta del prode “fior di birbante” tra vari istituti detentivi fin dalla giovane età.

“Fior di birbante” sguscia tra una grata e l’altra con fare smargiasso, uscendo sempre incredibilmente appena ammaccato dalle percosse bibliche subite, fonte inestinguibile di battute sagaci anche quando il fiato dovrebbe scarseggiare, gagliardo nei faccia a faccia, intrepido e orgoglioso, ovunque rispettato dai galeotti più terribili.

Lungi dal sindacare sul realismo, quantunque sia stato fatto appello alla licenza romanzesca, la narrazione avrebbe forse giovato di una prospettiva meno incentrata sui fatti scarni e stereotipati e di una maggior caratterizzazione dei personaggi e degli spazi.

Se però gradite sintonizzarvi sulle onde di una personalissima epica ambientata in uno scenario insolito ai classici, probabilmente coglierete con favore la lettura di queste pagine.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Educazione di una canaglia 2015-01-29 10:02:19 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    29 Gennaio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno su mille ce la fa

Nonostante la vita gli abbia più volte girato le spalle Edward Bunker non si autocommisera. Il resoconto di 18 anni di galera, scontanti in tre tranche, è compresso in questo tomo in cui la vergogna implicita per ciò che si è compiuto lascia maggiormente spazio all'indignazione nei confronti di una società emarginante. L'autore giunge ad un'esternazione malinconica, segnata da un livore composto nei confronti del sistema carcerario americano e più in generale verso un pregiudizio che non lascia scampo, soprattutto se si proviene dai sobborghi di una Los Angeles sempre pronta a fagocitare il primo sprovveduto senza alcun rimorso.
L'infanzia scivola tra genitori assenti e educatori incapaci, sino ad una distorsione sfociante nella formazione criminale del titolo, in cui il guadagno facile ha il sopravvento su tutto il resto, con l'icona della mecca Hollywoodiana a risplendere attraverso falsi miti e un'opulenza riservata a pochi.
Il contrasto è efficacemente sviluppato, quanto le vicissitudini che Bunker affronta in questa sentita autobiografia riferita senza riserve, con la violenza a dominare di continuo il racconto. La vita dietro le sbarre è pura sopravvivenza mirata ad evitare i pestaggi (dei secondini o di altri carcerati fa poca differenza), a scansare i tentativi di stupro e a rifiutare la sirena stordente delle droghe; usciti da quell'inferno in cui la dignità umana viene regolarmente calpestata non vi è spazio per alcuna redenzione.
San Quintino e Folson sono istituti penitenziari che fanno infamante curriculum, se poi si proviene da un ambiente in cui si è marchiati fin dalla nascita inseguire il riscatto diventa pura utopia.
Il sistema mira alla distruzione, fornisce ai suoi schiavi brutalità in dosi massicce, trasformando la presunta feccia in carne morta da tumularsi il più in fretta possibile. Bunker fornisce voce a chi non ne ha mai avuta, prolisso e ripetitivo quanto si vuole ma indubbiamente efficace nel materializzare la disperazione attraverso un racconto da brividi, in cui l'assenza di ogni più logica regola del vivere civile alimenta una regressione tanto mirata quanto sempre più feroce.

Eccezione che conferma la regola, Bunker, grazie all'enorme determinazione, ad una bella dose di fortuna unita a un notevole quoziente intellettivo, ha raggiunto la pacificazione divenendo apprezzato scrittore. E' stato inoltre capace di raggiungere il sogno Hollywoodiano prestandosi più volte come sceneggiatore ed attore. Il suo ruolo più celebre resta quello di Mr. Blue interpretato per Quentin Tarantino ne "Le Iene".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
Educazione di una canaglia 2010-06-22 16:49:04 Teresa
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Teresa Opinione inserita da Teresa    22 Giugno, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che brutalità..

Dopo vari tentennamenti, sono riuscita a finire in questi giorni il libro di Bunker che, più degli altri, mi ha profondamente colpita, quasi disgustata, dal sistema carcerario americano.
Più degli altri libri, questo riporta per filo e per segno la vita di Bunker, da quando, ragazzino, entrava e usciva da case di correzione, riformatori, fino alle peggiori carceri della California, San Quintino.
Aveva un'intelligenza spiccata, ma non tollerava le imposizioni e le regole. Spesso si è trovato in situazioni create da altri, ma la verità è che non riusciva a rientrare nei binari di una vita "regolare".

E' riuscito anche a spacciarsi per pazzo, a inventarsi aggressioni mai avvenute, ad acquisire così una forma di rispetto dagli altri detenuti.
Ha provato anche la droga, dagli spinelli ai buchi, ma il contrasto fortissimo che permea dalla sua storia, è che leggeva tantissimo e aveva una cultura ben al di sopra dei suoi compagni di cella.

Picchiato a sangue dai secondini, scampato alle attenzioni di detenuti gay, ha cercato di sopravvivere in qualche modo ai 17 anni di reclusione che ha scontato, leggendo e scrivendo.

Difficile condensare 500 pagine di violenza e di brutalità, difficile non accennare al fenomeno di razzismo e alle guerre tra detenuti solo per il colore della pelle, difficile non essere nauseati da tanta crudeltà.
Difficile non amare questo personaggio, che è riuscito ad emergere e a condurre l'ultimo periodo della sua vita come una persona "normale".

Un libro per certi aspetti...noioso, nella descrizione di quanto il male possa fare parte di noi e di quanto i ruoli possano invertirsi, e l'ambiguità regna tra carcerieri e carcerati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Educazione di una canaglia 2009-12-26 20:34:46 Teresa
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Teresa    26 Dicembre, 2009

Le carceri americane

Dopo vari tentennamenti, sono riuscita a finire in questi giorni il libro di Bunker che, più degli altri, mi ha profondamente colpita, quasi disgustata, dal sistema carcerario americano.

Più degli altri libri, questo riporta per filo e per segno la vita di Bunker, da quando, ragazzino, entrava e usciva da case di correzione, riformatori, fino alle peggiori carceri della California, San Quintino.

Aveva un'intelligenza spiccata, ma non tollerava le imposizioni e le regole. Spesso si è trovato in situazioni create da altri, ma la verità è che non riusciva a rientrare nei binari di una vita "regolare".



E' riuscito anche a spacciarsi per pazzo, a inventarsi aggressioni mai avvenute, ad acquisire così una forma di rispetto dagli altri detenuti.

Ha provato anche la droga, dagli spinelli ai buchi, ma il contrasto fortissimo che permea dalla sua storia, è che leggeva tantissimo e aveva una cultura ben al di sopra dei suoi compagni di cella.



Picchiato a sangue dai secondini, scampato alle attenzioni di detenuti gay, ha cercato di sopravvivere in qualche modo ai 17 anni di reclusione che ha scontato, leggendo e scrivendo.



Difficile condensare 500 pagine di violenza e di brutalità, difficile non accennare al fenomeno di razzismo e alle guerre tra detenuti solo per il colore della pelle, difficile non essere nauseati da tanta crudeltà.

Difficile non amare questo personaggio, che è riuscito ad emergere e a condurre l'ultimo periodo della sua vita come una persona "normale".



Un libro per certi aspetti...noioso, nella descrizione di quanto il male possa fare parte di noi e di quanto i ruoli possano invertirsi, e l'ambiguità regna tra carcerieri e carcerati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Educazione di una canaglia 2009-04-28 14:12:19 A.Menghini
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
A.Menghini Opinione inserita da A.Menghini    28 Aprile, 2009
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

come una revolverata

Ed.Bunker apre la porta dei peggiori sobborghi e delle peggiori prigioni d'America.

Questo è il sottomondo raccontato da chi ne ha fatto parte per due terzi della sua vita.

Si scopre la vita in carcere prima dell'avvento delle bande e delle lotte tra bianchi e neri.

La vita di un delinquente nell'america degli anni sessanta.

La vita di un ragazzo che è stato il più giovane detenuto di San Quintino.

La disperazione o l'esaltazione di un uomo a cui non è stata mai data altra scelta che il crimine o la sottomissione.

La sua vita, e credetemi, lascia il segno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa