Evacuazione Evacuazione

Evacuazione

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


In una Tel Aviv assediata dalla guerra, l'esercito dirama alla popolazione l'ordine di abbandonare la città. Ma, all'ultimo minuto, l'anziano Saba decide di scendere dall'autobus su cui era stato fatto salire per l'evacuazione, trascinando con sé il giovane nipote Naor e la fidanzata Yaël. I tre iniziano così un pellegrinaggio clandestino nel cuore di una metropoli deserta, giocando a inventare da capo un'innocenza perduta, venata di idealismo e resistenza. Sotto la costante pressione del pericolo e della morte, Saba, il vecchio dai desideri ormai obliati, Naor, il giovane studente di cinema con gli occhi spalancati sul mondo, e Yaël, l'artista dalle idee forti e intatte, vivranno un'esperienza capace di unirli oltre le differenze delle loro generazioni, dentro alla paradossale bellezza che resiste alla guerra.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Evacuazione 2019-04-11 10:07:14 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    11 Aprile, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tel Aviv

«Non per paura di mettergli fretta, ah questo no! Ma perché ci faceva bene ascoltarlo. Sentirlo proclamare che gli scrittori parlano troppo della morte. Gustare la sua vodka insipida. E dimenticare pure noi la guerra.»

Tel Aviv, la guerra, un ordine di diramazione di evacuazione dall’esercito alla popolazione. Due uomini e una donna. Il più anziano si chiama Saba e una volta salito sull’autobus è colto da un istinto irrefrenabile, da mille pensieri. Non può far altro che scendere. Gli altri due sono Naor, il giovane nipote dell’uomo, studente di cinema con gli occhi aperti sul mondo, e Yael, l’artista dalle forti e intatte idee, sua fidanzata. Alla discesa del vecchio, a loro volta lo seguono. È qui che ha inizio il pellegrinaggio clandestino in quella che è ormai una metropoli deserta dove il ricordo vive, il pensiero scorre, gli scheletri si riaffacciano inesorabili.

«Noi camminavamo. Lui volava. Per Yael e me rimanere a Tel Aviv abbandonata equivale a fare un atto di resistenza. Aggrapparsi. Tenere duro. Mentre per Saba si trattava di mollare la presa. Di staccare la spina.»

Destini che si intrecciano, desolazione, riflessioni in quella che è una città in totale riscoperta, dai connotati post-apocalittici e dalle sfumature drammatiche.
L’opera si dipana con facilità tra le mani del lettore che in poche ore giunge al suo completamento grazie ad uno stile narrativo fluente, chiaro e poco impegnativo. I capitoli sono corti, caratterizzati, talvolta, da brevi paragrafi all’interno dei quali viene lasciato spazio al pensiero, allo spirito, all’intelletto. Ed è così, che semplicemente, il componimento prende forma ricostruendosi tassello dopo tassello, delineando quella che è la realtà storica e quella delle vite di ciascun protagonista.
È un volume che tocca tante tematiche e che per questo è difficile da inquadrare. Al suo interno sono presenti tanto l’avventura quanto storie di guerra, quanto riflessioni politiche e sociali in un mix di narrazione intimista che ha quale obiettivo quello di narrarci dell’Israele di oggi e del vivere in questa, pur tuttavia, senza mai davvero riuscire a farsi afferrare. La morale, il vero contenuto dell’elaborato, il suo più profondo significato, non giunge alla conclusione della lettura quanto successivamente e cioè quando il lettore torna ad interrogarvisi, torna a riflettervi, torna a cercare quelle risposte e quei perché tuttavia inafferrabili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
I tredici passi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divino amore
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il sussurro del mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri