Figlio di Dio Figlio di Dio

Figlio di Dio

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Laster Ballard è un uomo violento, dal passato difficile. Avendo perso ogni cosa, vive nell'abbandono e da sempre sfida e aggredisce i cittadini del suo paese, East Tennesee. Al punto che viene incarcerato, con l'accusa di violenza carnale. Quando si scopre che non è colpevole, gli viene concessa la libertà, il permesso di vagare a piacere, razziando e depredando la popolazione con le sue strane voglie.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Figlio di Dio 2016-10-07 04:49:00 68
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    07 Ottobre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Male assoluto e metafora del quotidiano.

Lester Ballard è piccolo, sporco, ha la barba lunga, nelle sue vene scorre sangue di sassoni e celti, si muove nella natura selvaggia con impacciata ferocia, quasi fosse una fiera. Ma in realtà non è altro che un figlio di Dio come tutti noi, forse.
La sua è una progressiva discesa agli inferi, senza ritorno, abbandonando quel residuo di civiltà che gli era appartenuto, deluso e ghettizzato, in un isolamento progressivo e simbiosi con gli elementi naturali, dopo avere perso il poco che aveva. Si occultera' in una tetra caverna, costretto a cacciare per nutrirsi ed a vivere di espedienti.
Sarà l'inizio di una serie di inspiegabili e feroci delitti, mimetizzatosi nell' orrore da lui stesso creato, senza un briciolo di " umanità " ne' un significato se non quella ferocia e quel " male " che sgorga improvviso da dentro ma che è da sempre parte di se' e del mondo.
Ballard si farà predatore seriale, implacabile, mimetico, trasformista, necrofilo, calato dalla montagna come un lupo affamato, di rabbia, solitudine, vendetta, morte.
Il contorno, in quel sud rurale del Tennessee dove persino il paesaggio è feroce e la neve copiosa rivela progressivamente combattimenti e scene di morte, è una comunità che si nutre anch' essa di violenza e di eccessi, talmente " normali " da divenire quotidianità.
La linearità descrittiva si fa circolarita', concatenazione violenta, la nausea compagna di viaggio, l' assenza di compassione respiro profondo ed una fusione, di protagonisti, vicende, descrizioni, paesaggio, si trasforma in apocalisse.
Il male esiste, in noi e tra noi, l' autore si astiene da qualsiasi giudizio, costruisce una narrazione a più voci, piccoli pezzi di storia narrati dai singoli abitanti della comunità, un racconto asciutto, dettagliato, un puzzle infernale, e quella caverna che sa di indagine psicologica, rifugio, museo degli orrori, scatola della memoria.
La voce che parla a Ballard non è un demone, ma un vecchio io perduto che torna di tanto in tanto in nome della ragione mentre la sua ombra scivola scura e mutevole, pronta a colpire.
Non resta che l'azione, cruda, cruenta, inspiegabile ed il senso sta nel non chiedersi quale esso sia, a travolgere e racchiudere tutto, in primis noi lettori, scioccati da tanto furore ma ammagliati da cotanta forza espressiva, da un respiro trattenuto e sospeso, travolti da una discesa agli inferi in un precipizio psichico e fisico, risucchiati dall' io del protagonista, nelle viscere della terra, mentre le storie dell' inverno trascorso tornano alla luce come se il tempo riavvolgesse e restituisse un passato nefasto.
Questo romanzo non è considerato all' apice della produzione di McCarthy, tuttavia la sua forza espressiva e i tratti definenti sono indiscutibili, personalmente ho amato quella discesa agli inferi che mi ha ricordato il Kurtz Konradiano, in quella vita di orrore vestita, metaforicamente simbolo di un Male più grande e terribilmente vicino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Figlio di Dio 2014-10-22 20:53:04 Valerio91
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    22 Ottobre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Figli di Dio senza Dio

Credevo che dopo le mie prime avventure con i romanzi di Cormac McCarthy, difficilmente sarei rimasto stupito di fronte alla sua crudezza. Mi sbagliavo. Dei suoi romanzi che ho letto, probabilmente “Figlio di Dio” è il più crudo di tutti. Ma come a volte alcune persone ci piacciono per la loro schiettezza, così McCarthy mi piace per questa sua peculiarità: è vero, è reale, seppur deve sbatterti le cose in faccia senza mezzi termini. Ebbene, in questo romanzo avrete a che fare con un vero e proprio mostro, Lester Ballard. Egli è un figlio di Dio, come lo siamo tutti, ma che ha strappato il suo Creatore da dentro di sé, lasciandone nient’altro che minuscoli brandelli. Non conosce morale, non conosce decenza, è schiavo dei suoi istinti. E' un assassino, un vile che trascina sé stesso sempre più nell’oblio, sempre più giù, sempre più a fondo, e sembra quasi che un fondo non ci sia.
Ballard non ha vergogna di sé, egli è senza cognizione del “male”, perché ha estirpato il “bene” dalla sua anima e quindi un metro di paragone non c’è. La differenza per lui non esiste, perché non esistono minuendo e sottraendo. Non può pesare le sue azioni, non può dar loro un valore, non può ispezionare la purezza della sua anima.
Tra le pagine di questo libro lo osserviamo portare avanti la sua maledizione (perché di vita certo non si può parlare), ed è come guardare un animale in gabbia mentre stermina coloro con cui convive e, una volta finito, vederlo strappare a morsi le sue stesse membra. Staremmo fermi lì, a guardarlo, sapendo di non poterlo fermare.
Perchè in fondo siamo tutti figli di Dio, ma alcuni, a volte, nascono con dentro tutt’altro.
Questa è la crudezza di McCarthy e, sapete cosa? Mi piace. Diamine, se mi piace.

“Non sapeva nuotare, ma chi sarebbe riuscito mai ad annegarlo? Sembrava che la rabbia lo tenesse a galla. Come se l’ordine naturale delle cose venisse meno. Guardatelo. Indubbiamente sono altri uomini, uomini come voi, a sostenerlo. Ha popolato la sponda di uomini che lo chiamano. Una razza che alleva gli storpi e i folli, che vuole nella propria storia il sangue infetto di queste creature, e lo avrà. Ma quello che vogliono adesso è la vita di quest’uomo. Lui li ha sentiti cercarlo nella notte con lanterne e grida di esecrazione. Com’è possibile allora che resista? Perchè le acque del torrente non lo prendono?”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Cormac McCarthy.
Il collezionista di ossa.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Figlio di Dio 2010-08-09 14:22:12 ferrarideandre
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ferrarideandre Opinione inserita da ferrarideandre    09 Agosto, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

C'è violenza e violenza

Recensione a Cornac Mc Carthy
Figlio di Dio (1973), Torino, Einaudi 2000-2008.
di Alberto Ferrari

C’è un mondo dove gli uomini non riconoscono la legge perché vivono secondo regole primitive e hanno già un gran da fare a misurarsi con una natura ostile. Intendiamoci la legge c’è, ma è terribilmente insufficiente per quel mondo. Siamo nella contea di Sevier, Tennessee, allorché le gesta di Lester Ballard, un poveraccio che si trasforma in killer seriale, stanno passando di bocca in bocca, chiamate a raccolta dalla voce narrante di questo secco romanzo di Cormac Mc Carthy, dove, come al solito, la solitudine dell’uomo nei grandi spazi, la violenza inaudita dei rapporti umani ci vengono restituite con la solita precisione analitica, sulla quale noi lettori affascinati siamo costretti a riflettere.
Che cos’ha di diverso Lester Ballard da quei padri che abusano delle figlie, oppure da quegli altri gaglioffi che, dai tempi del Ku-klux-klan, agiscono in bande a danno di vittime facili, oppure fanno razzie di fucili sfruttando l’alluvione che colpirà la città di Sevierville? Proprio niente. Per assurdo, anche Lester è un figlio di Dio, come commenta una delle tante voci narranti. Senonché la solitudine tremenda in cui Lester anno dopo anno scivola fino alla pazzia ha qualcosa di grandioso. Il Narratore, tirando le fila dei racconti, scorge nella capacità di resistere alle avversità della natura di quest’uomo qualcosa di sublime che ha il sapore dello sberleffo verso gli Dei che tutto determinano. Attraversa un torrente impetuoso senza saper nuotare brandendo il fucile verso il cielo come un eroe da illustrazione, oppure curvo sotto il peso del materasso zuppo, ma riesce a mettersi in salvo. Trascorre un inverno in una caverna, costretto a strisciare nel fango per uscire ed entrare dalla strettoia dell’ingresso, bestemmiando Dio per il freddo e la fame, dopo che la baracca in cui viveva ha preso fuoco durante una tormenta di neve, ma riesce a sopravvivere. La sua consolazione sarà l’amore rubato ai cadaveri di donna che ha appena ammazzato. Alle orecchie di queste donne sussurra tutto quello che non è mai riuscito a dire a nessuna perché nessuna è mai andata con lui. E quando non riuscirà più a trascinare i cadaveri come faceva con il materasso e con gli enormi pupazzi di peluche, trofeo del tiro a segno, perché i tutori della legge lo stanno accerchiando, cercherà nella interiorizzazione simbolica la continuità della passione amorosa. Ballard si aggirerà per le montagne come un animale ferito, vestito degli sgargianti abiti femminili delle sue vittime. Nella disgustosa maschera di rossetto, cenere e fango della sua faccia folle si perpetua la bestemmia umana contro una divinità che, alla fine, sta a guardare, come noi lettori, con gli occhi rossi per lo stupore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri che fanno riflettere
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai