Narrativa straniera Romanzi Fiume di terra
 

Fiume di terra Fiume di terra

Fiume di terra

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Visto con gli occhi di un bambino, questo è il romanzo dei monti Appalachi: uno struggente ricordo di un mondo freddo e feroce, mai privo però di speranza. Così come Steinbeck in Furore, uscito solo pochi mesi prima, Stili narra le vicissitudini di una famiglia che cerca di sopravvivere coltivando la terra e lavorando nelle miniere di carbone del Kentucky orientale. E lo fa con la delicatezza di un poeta. Vent'anni prima che l'America se ne accorgesse, "Fiume di terrra" fotografa un'esistenza in cui dominano la fame e il freddo. Studiato e celebrato negli Stati Uniti, questo non è il catalogo di cause e possibili rimedi alla miseria redatto da un sociologo, ma la rappresentazione in forma di romanzo delle condizioni di esseri umani che accettano la povertà senza accuse o giudizi o dita puntate.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fiume di terra 2018-09-12 15:12:47 68
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
68 Opinione inserita da 68    12 Settembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Disperazione e grazia

“ Fiume di terra “ è uno splendido romanzo, di indubbia bellezza poetica, intensità emozionale, realistica e minuziosa illustrazione del reale che, come un dipinto, tratteggia un microcosmo immerso nella ferocia ed impalpabile sofferenza della sopravvivenza, accettandone indissolubilmente bene e male integrati nella struttura del racconto.
Pubblicato dalla stessa casa editrice nel 1940, ad un anno di distanza dal più celebre “ Furore “ di Steinbeck, scritto da James Still, romanziere e poeta ai più sconosciuto, solo oggi è edito in Italia.
Tratta il tema dell’ odissea ( come in “ Furore “ ) e della lotta per la sopravvivenza di un’ umile famiglia nomade che vive alle pendici dei Monti Appalachi vista attraverso gli occhi di un bimbo di sette anni, costretta a dividersi tra il duro lavoro nelle miniere ed i piccoli appezzamenti di terreno coltivati per mera sussistenza.
Un mondo affamato affacciato su disperazione e morte, ma anche consapevolezza, sottile ironia e lotta affannosa tra momenti di pura poesia e cupi affreschi del reale.
Immagini suoni, luci, colori, ombre, musica che Still riesce con maestria a miscelare ed evocare grazie alla forza ed alla espressività delle parole ed alla magia letteraria, con una obiettività e neutralità estranei a qualsiasi soggettivazione.
I fatti parlano, un mondo che respira semplicità, in cui si continua a sperare che le miniere non rimarranno chiuse per sempre e non si desidera che ritagliarsi un piccolo angolo dove stare per sempre, in cui si vorrebbe che i propri figli sapessero leggere, scrivere e fare di conto, in cui i profumi si spandono nell’ aria e per la casa e divengono più vasti della fame stessa.
Un angolo popolato di violenza, disperazione, fame, freddo, reale come la vita, dove ogni cosa e’ parte di un tutto e fa la propria parte, le stagioni scandiscono il tempo, le foreste si innalzano verso il cielo, una donna siede davanti al fuoco, la nebbia rimane appesa ovunque, la morte entra ed esce dalle case, le risate risuonano come una sorta di pianto, le ragnatele divengono fili di ghiaccio nel sole del mattino, il suono metallico di un’ ascia rimbomba da lontano rimbalzando sulla terra, si rimane in ascolto dei rumori del tempo, la pioggia continua a cadere nella lunghezza di giorni lenti e la nebbia rimane appesa ovunque.
C’è un ragazzino che ascolta e che sente gli anni come un enorme fardello sugli occhi gonfi, ed un giorno non vorrebbe essere un semplice minatore che scava buchi neri nella terra, chissà se la sua sorte è già stata scritta, ma ci sono delle cose troppo grandi che non ha ancora visto e di cui non ha ancora sentito parlare.
Indubbiamente un romanzo sulla condizione umana, tanto crudo quanto obiettivo, includente lirismo e soave voce naturalistica. Un autore sorprendentemente profondo e maturo, di una completezza fattiva ed estetica, con tocchi di pura grazia e grande qualità letteraria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che trema
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Isola di neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri