Hotel Baalbek Hotel Baalbek

Hotel Baalbek

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Hotel Baalbek, romanzo di Fred Wander edito da Einaudi. Marsiglia 1942: una città meravigliosa e corrotta, dominata dalla violenza, pervasa da oscuri traffici, immersa in un clima allo stesso tempo di esaltazione e di paralisi, una città in cui confluiscono migliaia di ebrei provenienti da ogni parte d'Europa, nella speranza di trovare un modo per fuggire Oltreoceano, per sottrarsi alla mortale presa della Gestapo. Uno dei punti di raccolta dei fuoriusciti è il Baalbek, un albergo di infima categoria, nei cui corridoi si susseguono le voci: è vero che i tedeschi stanno occupando anche il resto della Francia? e che la Deventer, una nave piena di profughi, è affondata? Nel foyer si discute animatamente, si gesticola, si prendono coraggiose decisioni; nelle misere camere qualcuno si ama, altri si inventano un mestiere, altri ancora, ormai decisi a mettere fine alla loro vita, sistemano meticolosamente ogni pendenza. Fra gli ospiti di questo straordinario e fatale caravanserraglio c'è un giovane timido, innamorato contemporaneamente di due bellissime donne, Katja e Lily, innamorato della vita che ancora non conosce davvero. È lui, uno dei pochi sopravvissuti, a raccontare decenni più tardi di queste esistenze sull'orlo dell'abisso, a narrare le vicende di Jablonsky, di Sascha, di Jossip, del musicologo David Stern e della sua bionda moglie, della piccola Judith, così giovane e così seducente. È lui a rievocare, con grande immediatezza, un mondo che allora non riusciva ancora a immaginare con quale violenza e crudeltà sarebbe stato investito dalla storia.

Nato a Vienna nel 1917 da genitori ebrei (e morto nel luglio del 2006), Fritz Rosenblatt emigrò in Francia nel 1938, dove venne internato allo scoppio della guerra e quindi deportato in vari campi di concentramento, fra cui Auschwitz e Buchenwald. Tornato in Austria dopo la liberazione assunse il nome Fred Wander; nel 1958 si stabilì nella Repubblica Democratica Tedesca che lasciò all'inizio degli anni Ottanta. È autore di romanzi, racconti, drammi e resoconti di viaggi. Il settimo pozzo è il suo primo libro pubblicato in Italia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Hotel Baalbek 2011-01-29 11:20:16 Jan
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Jan Opinione inserita da Jan    29 Gennaio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Meglio il settimo pozo.

No, Fred Wander non mi ha colpito con questo romanzo.
Magnifiche le visioni portuali ed angiportuali della Marsiglia anni '40...ma dal classico e fumoso esilio di mare mi aspettavo di più.
Un po' come le taverne di Remarque ne "La notte di Lisbona", o le fumerie di oppio nella Amsterdam di Camus in "La caduta" o ancora,sopra tutti, il confessionale di vite passate della bassa Tangeri di "La città della fortuna", del grande Wiesel.
No, qui, al contrario del"Settimo pozzo" (il suo capolavoro),Wander si fossilizza sui tipi psicologici che attendono l'arrivo dei tedeschi come un Armageddon nell'hotel Baalbek...confino dei confini.
Romanzo di genere, appunto, non da Wander.
Lo consiglio tuttavia a chi non ha mai letto libri con questa panoramica interiore riflessa sulle acque del mare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
Il miele e l'amarezza
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello