Narrativa straniera Romanzi Il Capitano è fuori a pranzo
 

Il Capitano è fuori a pranzo Il Capitano è fuori a pranzo

Il Capitano è fuori a pranzo

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Un diario di vita che si snoda tra l'estate del 1991 e l'inverno del 1993, poco prima che Capitan Bukowski venga meno. Il tema è la morte, attesa senza rimorsi e con irriverenza perché "la cosa terribile non è la morte, ma la vita che la gente non vive". Eppure c'è qualche rammarico: lasciare il mondo, lasciare la scrittura. Nei pensieri del suo diario di bordo, il Capitano ne ha per tutti: filosofi, poeti giornalisti, fotografi, musicisti, poliziotti e Hollywood intera. Salva la moglie che lo assiste, la musica di Mahler, il computer, medium ermetico che accudisce il flusso dei pensieri, le corse di cavalli. E le corse sembrano l'unica ragione degli anni estremi, trascorsi nell'altalenante routine tra monitor e ippodromo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il Capitano è fuori a pranzo 2012-01-09 22:49:42 Giovannino
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Giovannino Opinione inserita da Giovannino    10 Gennaio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'Ultimo Bukowski.

E’ l’ultimo libro del vecchio, e si vede. Tutta un’altra pasta. Scordatevi i vari “Storie di ordinaria follia”, “Donne”, “Panino al prosciutto”e tutti gli altri. Qui non ci sono donne, c’è poco alcool, sono rimasti solo i cavalli…e la morte. Proprio lei, la morte, quella che tutti temono e alla quale tutti cercano di sfuggire. Lui no. È impassibile, perché alla fine “la cosa terribile non è la morte, ma la vita che la gente vive e non vive”. E così questo piccolo libricino scorre via che è una meraviglia. La sua vita è piatta: mattina sveglia a mezzogiorno, poi via all’ippodromo a vedere le corse, e alla fine, la sera, si scrive. Ogni giorno così, aspettando la morte. E nel racconto dei vari giorni, scopri il Bukowski che non ti aspetti. Lo ritrovi più vecchio si, ma anche più saggio, lui stesso se ne accorge e lo dice (“le parole sono diventate più semplici ma allo stesso tempo più calde, più scure.”), e anche più riflessivo. Affronta tutti temi: dalla solita critica alla società, alla musica, alla guerra e all’economia. Cambia leggermente lo stile. Anche i racconti sono più brevi. Per il resto chi lo ha già letto ed apprezzato finirà qui per amarlo. Controverso come sempre (ama la solitudine ma non riesce a fare a meno delle corse, perché solo li riesce ad apprezzare le persone nella loro spontaneità), lunatico (anche a 65 anni rischia di fare a cazzotti per futili motivi…), ma, se possibile, ancora più profondo del solito. Con la morte, che sopraggiungerà un paio d’anni dopo, come protagonista principale di questo libro. In conclusione una vera e propria perla, che, chi ama il caro Buk,non può certo lasciarsi sfuggire.

“Nella vita ci sono migliaia di trappole e in molte ci cadono quasi tutti. L’idea, però, è di evitarne il più possibile. Serve a restare il più possibile vivi finchè non si muore…”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
per chi ama Bukowski.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Capitano è fuori a pranzo 2011-03-14 15:16:38 darkala92
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    14 Marzo, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Odore di morte

"Una volta entravo e uscivo di galera, buttavo giù porte, fracassavo finestre, bevevo ventinove giorni su trenta. Ora me ne sto seduto davanti a questo computer con la radio accesa, ad ascoltare musica classica. Stasera non sto nemmeno bevendo. Anch'io mi sono dato una regolata. Per che cosa? Voglio arrivare a ottanta, novant'anni? Non mi importa di morire... ma non quest'anno, okay?"

Per chi ha letto altri libri di Bukowski capisce subito la differenza; per chi non li ha letti, pure.
Lo zio Hank, come egli stesso ha affermato, ha cominciato a condurre una vita molto più moderata, più pacata. Comincia a sentire l'odore della cara, vecchia morte, che sebbene egli non reputi un vero nemico, sente il suo passo farsi sempre più vicino e vendicativo.

Sono un insieme di racconti che vanno dal '91 al '93 (morirà nel '94 di tubercolosi), e Bukowski, credo, avesse paura. Ebbene sì, potrà essere un'affermazione azzardata, forse sbagliata ma, secondo me, ha paura. In TUTTI i racconti, e dico tutti, accenna alla morte, al termine della sua vita, all'indifferenza che tenta di provare nei suoi confronti, ma che non riesce mai a mostrare. Ha paura. Vuol rinviare il più possibile la fine di una vita che egli ribadisce più volte essere monotona, squallida, i cui giorni vanno 'sprecati' alle corse, luogo in cui sente l'odore della merda, che però sembra essergli di conforto.

Il tema dell'artista e della letteratura/scrittura è anche fortemente trattato.
Critica la società che ha creato nuovi 'scrittori' che non debbano essere assolutamente reputati tali, poichè rappresentano dei soggetti stereotipati, modellati e perfettamente plagiati dalla società contemporanea. No alla nuova letteratura. No alla tv. No alla musica, se non quella classica. No alle convenzioni.

Un ultimo grido disperato di un uomo combattuto tra la sua voglia di vivere e la sua pessima capacità nel farlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Bibliografia di Bukowski
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri