Narrativa straniera Romanzi Il club delle lettere segrete
 

Il club delle lettere segrete Il club delle lettere segrete

Il club delle lettere segrete

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


È arrivato l'inverno a Porvenir, e ha portato con sé cattive notizie: l'ufficio postale sta per essere chiuso. Sms, mail e whatsapp hanno avuto la meglio persino in questo paesino arroccato tra le montagne. Sara, l'unica postina della zona, è nata e cresciuta a Porvenir e passa molto tempo con la sua vicina Rosa, un'arzilla ottantenne che farebbe qualsiasi cosa per non separarsi da lei e risparmiarle un dispiacere. Ma cosa può inventarsi Rosa per evitare che la vita di una delle persone che le stanno più a cuore venga stravolta? Forse potrebbe scrivere una lettera che rimanda da ben sessant'anni e invitare la persona che la riceverà a fare altrettanto, scrivendo a sua volta a qualcuno. Pian piano, quel piccolo gesto innescherà una catena epistolare, rimettendo in moto il lavoro di Sara e creando non poco trambusto fra gli abitanti del piccolo borgo. Perché una lettera tira l'altra, come un bacio.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il club delle lettere segrete 2018-06-12 11:10:06 Lyda
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Lyda Opinione inserita da Lyda    12 Giugno, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scrivere è terapeutico.

Se volete addentrarvi in una simpatica e soave storia di uno scambio epistolare segreto in un paesino arroccato sui monti, con l'unico nobile fine di evitare la chiusura dell'ufficio postale e il conseguente trasferimento della postina Sara, madre single con tre figli a carico e spodestata da posta elettronica, questo romanzo delizioso di Angeles Donate – autrice spagnola contemporanea - credo possa fare proprio al caso vostro.
In realtà poi nel libro troverete anche molto sull'amicizia e la virtù preziosa e intrinseca che essa apporta pure tra persone di età lontane, oltre che il valore benefico – frequente ma non scontato - del ritorno nei luoghi felici dell'infanzia; poi, se proprio vogliamo, tra le righe scoveremo pure un vago riferimento agli incontri karmici che ricongiungono e risolvono anime in difficoltà.
Per finire, le vicissitudini di una poetessa di fama mondiale in incognita nascosta in un vecchio casale del paese, la creazione del primo book-club locale e l'inizio di due belle storie d'amore, una frutto di seconde possibilità pertanto ancor più significativa di speranza.
Nei libri in genere si narrano drammi, omicidi o suicidi, amori (con la predilezione per quelli impossibili), oppure ci si avventura in passione e tradimento o anche traumi psicologici e conseguenze che ne derivano... insomma ce n'è davvero per tutti i gusti.
Qua troveremo molto di tutto questo, forse troppo (almeno a mio parere); pure una serie di citazioni famose di scrittori e poeti del passato sviolinate tramite lettere anonime spedite alla postina del paese, con un risultato che forse – alla lunga – rende l'insieme assai mieloso e quasi stucchevole.
Ma ripeto, potrebbe essere solo una mia impressione, non vogliatemene.
Di sicuro “Il club delle lettere segrete” è un'ode e un incitamento alla scrittura vecchia maniera, quella con carta e penna Bic (col calamaio è un po' azzardato...?) e senza l'artificio della posta elettronica o delle varie chat, oltre che un romanzo assai indicato per il mondo femminile in quanto la maggior parte dei personaggi sono proprio donne, femmine di ogni età che con la loro proverbiale forza sono capaci di rialzare sempre la testa, anche dopo pesanti fallimenti.
Concludendo, è la prima volta dopo tanto tempo che mi capita di non essere decisa né convinta se consigliarne o meno la lettura.
Mettiamola così, solo se non cercate storie troppo intricate (o intriganti).

Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il club delle lettere segrete 2018-04-11 17:49:47 ombraluce
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ombraluce Opinione inserita da ombraluce    11 Aprile, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA SCRITTURA PUO' TUTTO

Tre aggettivi mi vengono in mente per descrivere questo libro: particolare, divertente, commovente.
Potrei aggiungere nostalgico, ma non lo farò: la scrittrice sta infatti attenta a non demonizzare la nuova tecnologia e i suoi progressi, mostrando tutta l'utilità di una chat che intercorre fra due dei protagonisti che sono, per forza di cose, molto distanti. Ci fa sentire la bellezza di un appuntamento fisso davanti allo schermo, la preziosità dell'immediata sincerità della mail appena spedita, l'attesa fremente per la risposta e l'inquietudine per i pochi secondi che intercorrono fra una frase e l'altra........ tutto incredibilmente vero, però... però non bisogna dimenticare la magia della lettera scritta, l'incanto del foglio bianco che via via si riempie di parole che ci vengono da dentro, lo stupore un po' infantile che vive il destinatario quando si vede arrivare la busta inaspettata..... Angeles Donate con questa trama, che inizia quasi per caso dall'insolita idea di una vecchietta di mandare una lettera per salvare da trasferimento una sua grande amica, riesce a far capire l'immenso potere della comunicazione scritta fra le persone, purchè si tratti di comunicazione vera e sincera, non di parole di "business", pubblicità o altro che, purtroppo, per lo più siamo costretti a leggere in tante svariate occasioni. Il foglio bianco come catarsi emotiva, esperienza unica e irripetibile per fermare quel momento della nostra vita e condividerlo con un'altra persona. Il pretesto del trasferimento dell'amica comune (non è proprio un pretesto, ma lo diventa man mano che la scrittura consente di far chiarezza verso sé stessi) è la molla per chiarire e raccontare quello che di noi è rimasto invisibile, nascosto, chiuso dentro le facciate e le maschere di ogni giorno. Una lettera, sembra dirci la scrittrice, è molto più di una serie di informazioni: una lettera è l'anima che si esprime, è un disegno di idee, un seme di rinnovamento. E, pur nella consapevolezza dell'importanza tecnologica, come cita l'autrice nel capitolo 4, "Una mail non può contenere l'alone di una lacrima"............

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il club delle lettere segrete 2016-04-17 07:57:42 Belmi
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    17 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La solidarietà fa bene

Tutto nel piccolo paesino di Porvenir procedeva come al solito, quando all’inizio dell’inverno, la scarsa affluenza di lavoro mette a rischio la postina Sara, che per mancanza di lettere può essere trasferita in città.

Sara è una donna con tre figli a carico, abbandonata dal marito, è nata e cresciuta in quel paesino di poco più di mille anime e la partenza per la città la spaventa e la preoccupa.

La Signora Rosa è la sua vicina; non avendo avuto figli, vede Sara come qualcosa di più di una semplice amica. Questa situazione la tocca così profondamente da decidere di mettere in gioco i suoi sentimenti e di creare una catena.

“In città dicono che non ci piace scrivere e ricevere lettere. Come si permettono!”

L’idea dell'originale vecchietta consiste nello scrivere lettere senza il mittente e mantenerne il segreto, e in poche pagine mettere nero su bianco qualcosa che a uno sconosciuto è più facile raccontare. L’importante è non interrompere la catena.

Angeles Donate ci porta fra le viuzze di un paesino in cui la maggior parte delle persone si conosce, ma fino ad un certo punto. L’autrice va oltre quella facciata, mettendo a nudo i suoi personaggi e rivelandoci qualcosa d’intimo di ognuno di loro.

La scrittrice parte davvero molto bene e per metà del romanzo mi sono anch’io sentita parte di quel progetto, ma nel momento più importante, qualcosa viene a mancare. Leggendo ti rendi dell'intento della scrittrice che vorrebbe dare quel qualcosa in più, ma spesso il troppo stroppia e sul finale sei consapevole che il meglio è già passato.

È un romanzo che parla di solidarietà, amore, responsabilità e rinascita. Di chi è partito, di chi è rimasto e di chi ritorna. Una lettura che forse vedo più vicina al mondo femminile.

Per concludere vi lascio con questa frase:

“Ma invece di scrivere la terza riga, la penna si è animata di vita propria…Le dita non obbediscono più a te, ma alla penna. Corrono leggere e tu diventi un mero spettatore che può solo leggere la scia che lasciano sulla carta”.

Questo è per scusarmi, in alcuni casi le mie recensioni sono lunghe perché le dita corrono sulla tastiera senza rendermene conto. Parto sempre con l'idea che voglio essere sintetica ma poi tutto diventa indispensabile.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Hippie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I soldi sono tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mio romanzo viola profumato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orrore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fa troppo freddo per morire
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il presidente è scomparso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo Catalanotti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Tu che sei di me la miglior parte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cattiva
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Lady Las Vegas
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I formidabili Frank
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri