Narrativa straniera Romanzi Il colore dei soldi
 

Il colore dei soldi Il colore dei soldi

Il colore dei soldi

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Il colore dei soldi, romanzo di Walter Tevis edito da Minimum Fax. Pubblicato nel 1984, pochi giorni prima della morte di Walter Tevis, Il colore dei soldi nasce come seguito ideale del suo primo romanzo, Lo spaccone. Vent'anni dopo l'epico incontro con Minnesota Fats, «Fast» Eddie Felson torna sui tavoli da biliardo per continuare la sua partita con la vita e con se stesso. Dopo aver tentato invano la carriera di imprenditore, Eddie capisce dolorosamente che il suo talento per la stecca è l'unico capitale di cui dispone per sopravvivere. Ma nel frattempo il mondo del biliardo professionistico è cambiato, e una nuova generazione di giocatori detta legge al panno verde. Alle prese con un ambiente del quale deve imparare a proprie spese le nuove regole, Fast Eddie si rimette in gioco, tornando a una vita fatta di competizioni, alberghi lussuosi e impersonali, sale fumose dove allenarsi e affrontare gli avversari. E dove vincere l'ultima sfida. Questo romanzo ha ispirato il film omonimo diretto da Martin Scorsese, con Paul Newman e Tom Cruise.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il colore dei soldi 2014-01-25 07:29:02 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    25 Gennaio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Soprattutto soldi

Il colore dei soldi più che una continuazione sembra un remake dello spaccone con personaggi di trent'anni più vecchi. Problemi di vista, di colesterolo, qualche acciacco e difficoltà in più nel fronteggiare i giovani squali del biliardo. Il gioco è cambiato, non più 125 ma palla 9. Ma gli ingredienti sono i soliti: talento, grinta, determinazione, fiducia in se stessi. Manca però l'ingrediente segreto, per cui questo libro è più morto degli altri come se Tevis si fosse rifiutato di fare quell'operazione indispensabile per dare vita al capolavoro cioè metterci dentro qualcosa di intimo che dia il soffio vitale al romanzo. L'unica cosa che si percepisce è questo desiderio comune a Tevis e a Eddie di soldi che attraversa tutto il romanzo. Credo che la necessità sia stata la molla che ha spinto alla scrittura un autore che si era stancato di condividere se stesso nelle sue opere. Comunque il romanzo non è assolutamente brutto, anzi è ben scritto e piacevole. Come nella regina degli scacchi e nello spaccone sappiamo già che c'è un genio, il cui talento dovrà emergere e per rendere più gustoso il trionfo saranno necessari degli ostacoli. E' come una partita a scacchi che segue uno schema con qualche variante.
EDDIE COME l'autore ormai non deve dimostrare niente se non di essere ancora migliore dei giovani. Gioca per soldi e non per respirare e per trovare il suo posto nel mondo per cui il suo trionfo è meno coinvolgente per il lettore. Anche la sua storia d'amore è meno interessante di quella con Sara del giovane EDDie dello spaccone. Arabella, donna bella, sexi, quarantenne, molto presa da se stessa e dalla propria realizzazione è un po' antipatica. Anche lei ha obiettivi senili: soldi, soldi, soldi ( e arte da commerciare). La storia d'amore è comoda, non coinvolge troppo i sentimenti, casomai solleva problemi di prestazione. Come al biliardo, anche in questo campo Eddie deve darsi da fare per segnare punto, ma questi problemi senili sono meno coinvolgenti degli slanci dell'animo ( e viceversa delle chiusure dell'animo) giovanili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo spaccone. Ma dovendo scegliere un Tevis, leggetevi gli altri.
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri