Narrativa straniera Romanzi Il disagio della sera
 

Il disagio della sera Il disagio della sera

Il disagio della sera

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Jas ha dieci anni quando, come ogni anno, in casa Mulder fervono i preparativi per il Natale. La sua è una vita tranquilla. A scuola non va benissimo, ma dà una mano al papà con gli animali della fattoria e non vede l'ora di diventare abbastanza grande per andare a pattinare sull'altra riva del lago con il fratello Matthies. Due giorni prima della festa, però, proprio da quella sponda più lontana, Matthies non fa più ritorno. La morte prende il suo posto in casa, occupa la sedia che lui ha lasciato vuota, indossa il suo giubbotto rimasto appeso come un cimelio, e si insinua nella vita di tutti. Jas osserva impotente la vicina di casa portare via l'albero di Natale e i genitori trasformarsi nel Lupo Cattivo con la pancia piena di sassi. Al riparo nel suo giaccone, che non toglie più nemmeno per dormire, non le rimane che prepararsi al momento in cui Dio scaglierà su di loro una nuova piaga, come sente dire al papà e alla mamma durante una lite. Abbandonati a loro stessi, i tre fratelli Jas, Obbe e Hanna sondano, nel privato delle loro stanzette, il dolore e la perdita. La libertà consente loro di sperimentare, di sovvertire le regole, ma anche di parlare apertamente della morte. Sono pronti a sacrificare tutto pur di non farsi portare via da Lei.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il disagio della sera 2019-12-22 17:28:30 68
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    22 Dicembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lutto invivibile

Jas ha solo dieci anni, un’età troppo verde per decidere ed essere, un tempo di sogni e speranze, giuochi e spensieratezza, in attesa di altro. Trascorre una vita tranquilla, nella fattoria di famiglia, dando una mano ai genitori, e come ogni anno si appresta a vivere i preparativi del Natale sentendosi ancora piccola per tantissime cose.
Poi, un giorno, il fratello Matthies si reca a pattinare al di là del lago e non fa ritorno, lasciando i Mulder, una famiglia rigidamente osservante, alla propria disperazione nella certezza di una morte che nessuno sa riconoscere ed affrontare .
Da questo momento tutto cambia e Jas comincia a pensare che il vuoto sia iniziato in quel mentre, che non sia colpa della morte ma di quei due giorni di vacanze di Natale dati via ... “ chiusi nelle casseruole e nei contenitori di insalata russa “...
Vorrebbe un segno dell’ esistenza di Dio, e chiedere a Matthies se era quello il modo di abbandonarli, ma lui non tornerà. Da questo evento Jas ed i fratelli vivranno un’ altra vita. guardando la loro famiglia dall’ alto, osservando quel poco che è rimasto di loro.
Ecco un’ altro modo di considerare la vita, una condivisione con un dolore onnipresente che si manifesta e si trattiene nel proprio corpo, una crescente preoccupazione che la tiene sveglia la notte insieme alla paura che i propri genitori moriranno, seguendoli per tutto il giorno per non vederli sparire come se niente fosse, custodendoli negli angoli degli occhi, insieme alle lacrime per Matthies.
Jas è un cuore che si nasconde, che nessuno conosce sotto un giaccone rosso che non toglie mai, ma forse da quando è nata nessuno si è mai accorto di lei e l’ha amata abbastanza.
Le stagioni passano, le stalle vanno pulite in vista dell’ inverno, i figli si rinnovano, continuamente, solo i genitori hanno smesso di rinnovarsi, non fanno che ripetere parole, comportamenti, schemi e riti.
Ma c’è un bisogno di attenzioni che va mantenuto, oltre al cibo ed ai vestiti, uno smarrimento assodato e più nessuno a cui chiedere la strada. Matthies a poco a poco esce dalla testa degli altri, ma entra in quelle dei fratelli, sempre di più e più a fondo e forse Hanne ha ragione, bisogna andarsene, lontano dal paese, dalle mucche, dalla morte, da questa esistenza.
Ed allora un senso di colpa per essere sopravvissuta, per avere “ desiderato “ la morte del fratello, per essere nata lo stesso giorno di Hitler, parole che vanno ripetendosi sempre e solo nella propria testa, in un soliloquio parlante, laddove nella fattoria vige un silenzio infinito, si parla sempre di meno, le stesse visibilità invisibili, e quanto mancano le persone che si hanno di fronte tutti i giorni.
Jas pensa che ogni perdita possiede tutti i precedenti tentativi di tenere con se’ qualcosa che non si vuole perdere e che si deve lasciare andare.
Nella perdita ...” troviamo noi stessi e siamo ciò che siamo, esseri vulnerabili “..., lei stessa avvolta in una giacca di paura.
Suo fratello è morto davvero o la morte è suo fratello? Ma la morte non ha famiglia, per questo ...” cerca sempre un nuovo corpo “....
Romanzo d’ esordio di una giovane autrice olandese di grande talento, già maturo ed essenziale, spogliato di qualsiasi eccedenza, immagini forti dotate di una fisicità penetrante, per contro grido intimo di una voce addolorata, smarrita, inghiottita da un senso di morte insensato ed includente, un lutto inaffrontabile per l’ assenza di armonia domestica.
Parallelamente una ricerca d’ amore ( e di vita ) giovanile dopo il trauma della perdita di un amore, ed un percorso autodefinente che tanto avrebbe da chiedere e da mostrare, ed a cui non resta che ripiegarsi su se stesso per una voce sempre più rivolta all’ unico e possibile ascolto.

Indicazioni utili

Consigliato a chi ha letto...


Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nero come la notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caldo in inverno
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Ah l'amore l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza nuova
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'angelo di Monaco
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle voci
Valutazione Utenti
 
3.4 (4)
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'avvocato degli innocenti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri