Narrativa straniera Romanzi Il dono di Toni Morrison
 

Il dono di Toni Morrison Il dono di Toni Morrison

Il dono di Toni Morrison

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Florens è una ragazzina con le mani da serva e i piedi di una vera signora. Le piacciono le scarpe dei grandi, ama la madre e vive in una squallida capanna. E figlia di una schiava, e forse del padrone. E il suo destino è segnato, perché alla fine del Seicento in America un africano non può essere libero. Ma un giorno alla fattoria arriva un commerciante del nord, un uomo dagli occhi buoni, per riscuotere un debito: il padrone non ha denaro, e gli offre una schiava. In un attimo, la madre di Florens decide di dargli l'amatissima figlia. Da quel giorno Florens cercherà di colmare il vuoto dell'affetto materno, senza sapere che quel gesto è stato in realtà il più grande dono della sua vita.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il dono di Toni Morrison 2013-09-22 03:46:51 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    22 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perché l’hai fatto?

Florens ha "le mani di una schiava e i piedi di una signora portoghese", ama sua madre e vive in una povera capanna fino all’età di sei anni.

"Proprio allora la bambina emerse da dietro le spalle della madre. Ai piedi portava un paio di scarpe da donna troppo grandi per lei. Forse fu quel senso di sfrenata libertà, quella ritrovata sventatezza unita alla vista delle gambette che spuntavano come due rami di rovo dalle scarpe rotte e sfondate, che lo spinse a ridere. Una risata sonora, a pieni polmoni, per il ridicolo, l’irritazione senza speranza di quella visita."

Figlia di una schiava e probabilmente del tiranno latifondista portoghese, Florens deve affrontare un’esperienza traumatica: quella della separazione dalla madre. Senza capirne il perché. Quando nella fattoria della piantagione del Maryland giunge Jacob, commerciante anglo-olandese che deve riscuotere il suo debito, il padrone portoghese propone uno scambio: pagherà il suo debito cedendo una schiava. La madre di colore, che rappresenta l’indennizzo da offrire, intuisce la bontà d’animo dello straniero creditore e allora convince il forestiero a prendersi Florens. Così offre all’ignara figlioletta il suo dono: la possibilità di un futuro migliore.
Da questo momento Florens si prodigherà per lenire l’esperienza dell'incomprensibile abbandono materno cercando l’amore degli altri nella sua nuova vita: la serva Lina; la padrona Rebekka; Sorrow, una strana ragazza che ha trascorso l'infanzia in mare; il fabbro africano che vive libero esercitando l’artigianato.

Toni Morrison, premio Nobel per la Letteratura nel 1993, racconta in modo diretto, senza antefatti e spiegazioni, lasciando parlare i suoi personaggi.
La polifonia narrativa e il policentrismo delle voci, l’ambientazione nel 1690, l’espressione diretta di pensiero e mentalità infantili, immature o incolte rendono piuttosto difficoltosa e, in alcuni punti inaccessibile, la comprensione del testo.
La bellezza della storia e la particolarità della scrittura possono tuttavia giustificare qualche smagliatura nel nostro desiderio di lettori di tutto penetrare: a volte, ma mi rendo conto che è una mia caratteristica personale, io trovo bella e musicale anche qualche frase insondabile; qui vi sono interi paragrafi che risultano tali.
Nell’opera si coglie la profondità dei sentimenti artistici dell’autrice, mentre i temi - talvolta soltanto delineati – propongono di riflettere sulla storia della libertà, che poi ha il suo contraltare nella storia dell’egemonia occidentale.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
... La capanna dello zio Tom
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il copista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove crollano i sogni
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cerchi nell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri