Narrativa straniera Romanzi Il museo dell'innocenza
 

Il museo dell'innocenza Il museo dell'innocenza

Il museo dell'innocenza

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Negli anni Settanta, in una Istanbul divisa tra la voglia di aprirsi al lusso dell'Occidente e quella di rinchiudersi nelle tradizioni più conservatrici, Kemal si piega alle leggi turche e rinuncia alla storia d'amore con la cugina Füsun. La sua vita si sgretola e, per rimetterne insieme i pezzi, l'uomo decide di collezionare gli oggetti appartenuti all'amata ormai perduta. Solo per poterli guardare, annusare, toccare. Alla fine, quando la sua esistenza subirà una nuova e dolorosa svolta, quegli oggetti diventeranno il «Museo dell'innocenza», la testimonianza eterna del suo amore per Füsun.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il museo dell'innocenza 2017-10-29 22:39:10 Laura V.
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    30 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Felicità mancate

“In realtà, nessuno si rende conto di vivere l’istante più felice della propria vita nell’attimo in cui lo sta vivendo”

Non ho contato quante volte compaia, ma ho il sospetto che la parola “felicità” sia quella che ricorra più spesso in questo romanzo.
Eppure Kemal, il protagonista, finisce per avere una vita tutt’altro che felice. Non che non l’abbia mai conosciuta, la felicità, solo che non ha saputo riconoscerla quando gli si è presentata. O forse, più semplicemente, non ha voluto vederla, preso com’era dalla sua vita di allora che credeva perfetta con il fidanzamento ufficiale alle porte, nell’ambito dell’alta società di Istanbul, e la travolgente passione erotica, clandestina e tutt’altro che da alta società, vissuta in parallelo.
Pamuk, abilmente, attraverso la vicenda di Kemal e Füsun, fa emergere le contraddizioni di una società, quella turca, che, come diceva sempre un mio vecchio professore, non può fare a meno di tenere la testa in Europa e il corpo in Asia, e non soltanto geograficamente; una società combattuta fra tradizione e innovazione, che ama dichiarasi “moderna ed europea”, ma dove, in effetti, la verginità di una ragazza continua ad avere il suo peso. Vero negli anni Settanta, quando inizia la storia narrata dall’autore, vero ancora oggi, altrimenti il Partito Islamico non sarebbe saldamente al potere da oltre un decennio e ciò la dice lunga sulla mentalità sempre in auge.
Bel romanzo, occasione di riflessione sul senso della tanto ricercata felicità, sullo sfondo di una Istanbul immortalata nei suoi viali, vecchie stradine, piazze e giardini, percorsa a piedi, o in un'auto che corre per non far tardi, e malinconicamente ammirata dai locali alla moda sul Bosforo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il museo dell'innocenza 2012-01-10 17:19:06 roberto mercaldo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
roberto mercaldo Opinione inserita da roberto mercaldo    10 Gennaio, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore, adorazione e disincanto: metafora della vit

Una vicenda appassionante sul tema dell'amore, assurto a unica ragione di vita del brillante borghese Kemal. La morale, la convenienza, il quieto vivere e i valori saldi di una famiglia agiata travolti e cancellati da una passione più forte del tempo. L'amore di Kemal per Fusun è anche devastazione, rottura degli schemi, schiavitù, passione senza confini. L'autore disegna con la brillantezza che gli è consueta una società benpensante che fa da sfondo alla vicenda "estrema" di questi due cuori. Suggestiva la trama, visto che la passione porta i due protagonisti prima sulla strada di un eros raffinato e intenso, poi su un piano puramente ideale, giacchè è solo Kemal a provare i tormenti di un sentimento estatico e struggente che lo porta ad amare con una forza superiore alla ragionevolezza e all'opportunità. Quando finalmente i due amanti si ritrovano, la magia non è rimasta inalterata e la tragica fine della bella Fusun porterà Kemal verso l'unica strada possibile: amarla ancora, a dispetto delle leggi del tempo e dello spazio, attraverso un "Museo dell'innocenza", fatto di tutti gli oggetti sottratti dalla casa dell'amata e di ogni cartolina, sigaretta, effige, oggetto che ricordi quell'amore capace di travalicare le regole del buonsenso. Nell'ostinazione Kemal ricorda il Florentino Ariza de "L'amore ai tempi del colera", ma qui non c'è il lieto fine, sebbene il protagonista riesca in qualche modo a perpetuare l'adorazione per la bella fanciulla anche dopo la sua dipartita. Un romanzo per tutti quelli che amano e per tutti coloro che credono alla forza di una passione vera, tenace, indomita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
L'amore ai tempi del colera
Trovi utile questa opinione? 
113
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
Il miele e l'amarezza
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello