Narrativa straniera Romanzi Il palazzo delle illusioni
 

Il palazzo delle illusioni Il palazzo delle illusioni

Il palazzo delle illusioni

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Si può sfuggire al Destino? Si può deviare il corso scritto della Storia? Questo si chiede Panchaali, la più bella principessa che il Bharat abbia mai visto; questo desidera sopra ogni cosa, perché gli spiriti evocati dal saggio Vyasa hanno predetto grande gloria per il suo nome, ma anche grande infamia. Nel lungo e tortuoso cammino della vita, da bambina a fanciulla a madre e moglie leggendaria, Panchaali scoprirà che ci sono ragioni più alte di quelle del cuore, e aiutata da un dio e dalla saggezza della sua terra capirà a poco a poco cosa si nasconde veramente dietro al gioco illusorio della vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il palazzo delle illusioni 2013-06-24 19:59:53 calzina
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
calzina Opinione inserita da calzina    24 Giugno, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

C’era una volta...

...una principessa indiana di nome Draupadi.
Sono da sempre affascinata da quella straordinaria e poliedrica nazione che è l’India. Il suo popolo, i suoi colori, le sue tradizioni (e opposizioni) , i suoi riti e i suoi odori talmente diversi dai nostri hanno da sempre avuto su di me quel fascino “orientale” cui non posso resistere.
E poi c’è il Taj Mahal. Un’opera architettonica che da sempre mi affascina per la sua straordinaria bellezza e per il fatto che essa rappresenti una “imponente” espressione di amore. Essa infatti fu fatta costruire, per ordine dal sovrano Shah Jahan, alla morte della moglie preferita Arjumand Banu Begum. Il Taj Mahal, infatti, non è altro che un mausoleo, eretto per custodire meravigliosamente le spoglie della persona amata.
Il titolo di questo romanzo che rimanda un ai meravigliosi palazzi indiani e la sua trama che intreccia mito e leggenda non potevano mancare tra le mie lettura.
L’autrice di questo romanzo ha voluto riscrivere, secondo la propria immaginazione, parte delle vicende narrate dal Mahabarata, un’antica opera indiana che narra la vita e le vicende di eroi e dei indiani.
Il racconto di queste vicende viene fatto attraverso gli occhi di una donna, di una principessa, Draupadi. Come scrive la stessa autrice la scelta di una voce narrante femminile è stata fatta per dare forza e dignità alle donne che proprio nel vecchio poema sono relegate a figure secondarie. In questo romanzo invece, la principessa è la “regina” incontrastata di ogni vicenda. Attorno a lei ruotano tutte le vicende e lei stessa si rende fautrice del destino di tanti uomini. Sicuramente l’autrice ha voluto dare estrema forza a questa figura femminile, attribuendole una serie di libertà che, purtroppo, tutt’ora in India molte donne non hanno. Risulta infatti preponderante in questo contesto la forza estrema di questa principessa.
Draupadi sposerà cinque uomini, cinque fratelli, ma il suo cuore apparterrà per sempre a Karna e perfino il dio- uomo Krishna giocherà un ruolo importantissimo nella sua vita. Ogni vicenda di questo romanzo intreccia prepotentemente realtà a fantasia, mito e leggenda.
Lo stesso titolo di questa opera porta il nome di ciò che è racchiuso in questo romanzo; un’illusione. La continua difficoltà a cernere fantasia a realtà. Rendere la favola una possibile realtà, un’illusione che coglie solo chi racchiude ancora dentro di se la forza e la capacità di sognare.
L’amore svolge un ruolo fondamentale in tutta la vicenda. Ma come un buon film di Bollywood ha avvertito la pesantezza di questo romanzo. Credo sia tipico della tradizione indiana costruire opere (a vasto raggio) importanti, che esplorino fin nei più piccoli meandri ogni particolare (il Taj Mahal ne è la dimostrazione lampante). Ma la pesantezza di questo romanzo non è stata tanto nella sua lunghezza di pagine(in fondo sono poco più di 300), ma nel fatto che molti concetti vengono ripetuti tantissime volte mentre altri vengono appena sfiorati. Purtroppo perfino i tanti nomi dei personaggi che tessono questa vicenda sono difficili da ricordare, anche sicuramente per il fatto che i nomi stranieri sono sempre per me più difficili da memorizzare.
Nel complesso non mi sento di sconsigliare questo romanzo anche perché assai pregno perfino di filosofia e teologia induista. L’unico accorgimento è quello di cominciare la lettura con lo “spirito” giusto e calma interiore….giusto per rimanere in tema. Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri