Narrativa straniera Romanzi Il peggiore di tutti
 

Il peggiore di tutti Il peggiore di tutti

Il peggiore di tutti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Questo romanzo è la storia tragicomica di un pentimento: il signor Bianco, insegnante in pensione, un uomo tranquillo che vive nella certezza di non aver mai fatto del male a nessuno, scivola improvvisamente in un incubo persecutorio: chi gli augura la morte? Chi lo minaccia dalle vetrine dei negozi? Chi gli manda lettere minatorie? Dal passato del signor Bianco riemerge la figura di un bambino, Jean Petofì, un compagno di scuola di origine ungherese sottoposto alle violenze psicologiche di due capobranco, sostenuti da una classe vigliaccamente succube. Miserie dell'infanzia che tornano a perseguitare il protagonista a distanza di decenni. Riuscirà il signor Bianco a farsi perdonare e a perdonarsi?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il peggiore di tutti 2008-05-28 06:00:50 NRG
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
NRG Opinione inserita da NRG    28 Mag, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il peggiore di tutti

Thriller introspettivo che affronta temi caldissimi e quanto mai attuali,come il bullismo e la discriminazione del diverso non solo perchè di altra nazionalità ma soprattutto perchè si discosta dal comune sentire.

Stile incalzante anche se, col dipanarsi della vicenda, il finale risulta alquanto prevedibile.

Il titolo è quanto mai significativo e sottolinea che, il più delle volte, il peggiore di tutti non è chi pone in essere la violenza o il sopruso e ne sopporta le conseguenze ma chi, vigliaccamente, resta a guardare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il peggiore di tutti 2008-03-10 08:36:02 Mara
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mara Opinione inserita da Mara    10 Marzo, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Noir atipico

Definirei questo libro un noir atipico,

che affronta sia il tema sempre attuale del bullismo, sia la critica quasi metafisica dello spirito di prevaricazione che è in ognuno di noi, anche nell’uomo all’apparenza più inoffensivo. Geniali e pieni di umorismo sofisticato sono i sogni del protagonista, nei quali dialoga con Dylan Dog e il suo assistente Groucho. Buona lettura:)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il peggiore di tutti 2008-01-10 09:56:49 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    10 Gennaio, 2008
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un fine noir psicologico

Sull’ultima di copertina sono riportati, fra altri elementi, gli stralci di recensioni apparse su giornali francesi, in verità tutte azzeccate, ma forse la più riuscita è quella de La Provence .

In effetti, come noir è del tutto atipico, anzi l’aspetto saliente è quello di un romanzo di introspezione, che alterna momenti di ilarità con altri di profonda malinconia, ma senza che queste apparenti contrapposizioni finiscano con lo svilirne l’intima essenza, cioè la storia di un’autentica, sofferta espiazione. La drammaticità è psicologica in un uomo che arrivato a un certo punto di una vita condotta quasi nell’anonimato comincia a ricevere strani messaggi composti da due sole parole: Pagherai, szemét!. L’ultima, che è ungherese, tradotta significa infame.

E il nostro personaggio, di nome Bianco, si arrovella sempre di più non riuscendo a capacitarsi come lui, sempre attento a non urtare mai nessuno, abbia potuto compiere qualche gesto o qualche atto che possa giustificare una simile reazione.

Procede quindi a un esame a ritroso di tutta la sua vita arrivando alla sua pubertà e all’ambiente scolastico, da cui poco a poco emergono i contorni di una vicenda di cui, a distanza di tempo, prova rimorso.

Giunge a questo risultato attraverso una serie di quadri del periodo scolare che, se da un lato possono muovere alla risata, dall’altro rivelano squallori di intensa drammaticità.

Così troviamo alunni scalcinati, altri due prepotenti e sadici, un ragazzo di origini ungheresi di sicura personalità e raffinatezza, tanto da apparire nell’ambiente un pesce fuor d’acqua, e lui, il signor Bianco, che cerca di tenersi buoni tutti, soprattutto quelli che comandano e sottopongono gli altri ad angherie, fino al punto di dare il colpo di grazia a una vittima sacrificale, proprio il magiaro.

Il ripiombare, con il ricordo, nell’abiezione del proprio comportamento ingenera il rimorso e il disperato tentativo di porre un tardivo rimedio.

Giocato esclusivamente sul filo psicologico, ma con grande abilità e senza mai che ci sia una caduta di ritmo, o che si verifichino passi improvvisi che appesantiscono la narrazione, Il peggiore di tutti è un gran bel romanzo, piacevole da leggere e che fa molto riflettere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sirene
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Mare di pietra
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La notte mento
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sirene
Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
La notte mento
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno