Narrativa straniera Romanzi Il valzer lento delle tartarughe
 

Il valzer lento delle tartarughe Il valzer lento delle tartarughe

Il valzer lento delle tartarughe

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Sapere se davvero un coccodrillo dagli occhi gialli ha divorato oppure no suo marito Antoine, scomparso in Kenya, per Joséphine non è più importante. Grazie ai soldi guadagnati con le vendite del suo best seller, ha lasciato Courbevoie, nella banlieue parigina, per un appartamento chic nell’elegante quartiere di Passy. Invece sua sorella Iris, che aveva tentato di attribuirsi la scrittura del romanzo, ha finito con il pagare la follia del proprio inganno in una clinica per malati di depressione. Ormai libera, Joséphine sembra alla ricerca del grande amore. Veglia sulla figlia minore Zoé, adolescente ribelle e tormentata, e assiste al successo dell’ambiziosa primogenita Hortense, che a Londra si lancia nella carriera di stilista. Fino al giorno in cui una serie di omicidi distrugge la serenità borghese del suo quartiere e lei stessa sfugge per poco a un’aggressione...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.4  (5)
Contenuto 
 
3.0  (5)
Piacevolezza 
 
3.8  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il valzer lento delle tartarughe 2018-02-27 22:22:09 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    28 Febbraio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delitti, maledizioni e qualche tartaruga

È dai tempi della trilogia originale di “Star Wars” che il secondo capitolo di una serie viene generalmente collegato ad una svolta noir della trama. La trilogia di Jósephine non fa eccezione alla regola, infatti questo romanzo accantona i toni un po’ frivoli e da commedia de “Gli occhi gialli dei coccodrilli” per inoltrarsi in un’atmosfera più cupa e densa di misteri degni di un thriller.
La storia riprende alcuni mesi dopo la fine del primo volume, ma gli smemorati non si preoccupino: all’inizio è presente un ampio recap di quanto accaduto in precedenza.
Seppur incentrata un paio di volte in un unico tempo e luogo, la trama è quasi sempre spezzettata in tre storyline principali, connesse ad altrettanti protagonisti: un filone segue la storia del personaggio principale, Jósephine, un secondo la figlia di questa, Hortense, e l’ultimo la famiglia del patrigno di Jo, Marcel. Da queste tre si dipanano poi un ricco gruppo di sottotrame che fanno capolino grazie ai POV dei personaggi secondari: il focus per Jo è la risoluzione di una misteriosa serie di delitti, e alla sua storia si collegano la figlia Zoé con le sue prime pene d’amore o la sorella Iris, alla ricerca del vero amore; parimenti troviamo l’evoluzione del personaggio di Hortense, specie in relazione al suo sogno di diventare un’affermata stilista, contornata dalla storia di Gary, mentre per Marcel sono presenti collegamenti al piccolo Junior e alla ex-moglie Henriette.
Accantonando per un attimo la sostanziosa trama, si può considerare l’intera trilogia come un unico percorso di crescita e maturazione per la protagonista, ma anche come un terzetto di volumi da leggere separatamente volendo, in quanto nel finale non vengono lasciate incognite in sospeso e il romanzo è fondamentalmente autoconclusivo.
Rimanendo sempre cardine delle vicende, in questo secondo romanzo, Jo cede molto spazio ai comprimari, e personalmente ho davvero apprezzato i POV di alcuni personaggi negativi perché questo espediente permette di conoscere almeno in parte le loro ragioni.
La Pancol sceglie di osare e di mostrare al lettore il lato più oscuro dei personaggi buoni, ma anche le debolezze ed i sentimenti degli antagonisti. In linea generale comunque, la serie acquista molti nuovi personaggi che vanno ad arricchire la narrazione, mentre sono decisamente meno coloro che escono di scena.
Per quanto riguarda Jo, il mio giudizio è parecchio altalenante, perché si sono alternati momenti in cui la sua evoluzione sembrava regredita agli albori del primo romanzo, ed altri dove prevaleva la sua neonata fiducia in se stessa; in generale, credo che sia una protagonista con la quale è più facile empatizzare se si è come lei madri.
Nel precedente capitolo, i coccodrilli avevano un ruolo fondamentale, tanto da poter essere considerati dei veri e propri personaggi. Lo stesso non si può dire delle tartarughe per questo volume: sono davvero pochi i riferimenti ad esse nella narrazione e fanno una comparsa tardiva e limitata nella storia. In modo analogo, la città di Londra, anticipata nella copertina, è lo sfondo solo di un numero limitato di scene e non rimpiazza mai Parigi come principale anticipazione.
L’elemento che maggiormente mi ha irritato è stata l’introduzione di parecchi elementi magici e fantastici in una storia che era partita con premesse in sostanze realistiche. Bocciato anche l’inserimento di molti (troppi!) VIP reali.
Ho apprezzato invece l’eccellente lavoro di ricerca svolto dalla Pancol sulla storia del XII secolo, così da rendere più credibile il personaggio di Jo. Positivo anche il finale in cui vengono risolti i vari misteri in modo attendo e senza lasciare tasselli fuori posto.
Lo stile di scrittura è grosso modo invariato da “Gli occhi gialli dei coccodrilli” ed è caratterizzato da un intreccio tra la narrazione in terza persona e i pensieri in prima; credo sia proprio questo a rendere le riflessioni dei personaggi tanto interessanti ed accurate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il valzer lento delle tartarughe 2017-08-24 07:21:31 MATIK
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    24 Agosto, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il valzer lento delle tartarughe.

"La vita, a volte, è così complicata, e a volte è così semplice. E' difficile capirci qualcosa."
Questo libro è il secondo volume della trilogia di Katherine Pancol.
Il testo è incentrato su Joséphine ricercatrice storica e scrittrice, che in questa nuova avventura si trova coinvolta in una serie di omicidi.
Intorno a Joséphine gravitano numerosi personaggi già conosciuti nel precedente volume ed altri che fanno la loro comparsa qui. La donna dopo aver scritto un libro di successo mondiale si trasferisce in un elegante palazzo di Parigi, che diventa il teatro di alcuni dei delitti.
Joséphine pensa che la nuova casa sia troppo grande per lei e per la figlia Zoe. La figlia maggiore Hortense, infatti ora vive a Londra. Eppure Joséphine trova il modo di rendere confortevole e colorata l’abitazione. Naturalmente l’appartamento è dotato di un balcone, dove la proprietaria può osservare il cielo e colloquiare con le stelle.
Le vicende dei diversi personaggi si snodano parallele a quelle della protagonista. Prendono molto spazio le storie di Hortense e di Marcel l’ ex patrigno di Joséphine.
Hortense combatte con i denti per raggiungere l’ambita meta di essere una delle poche alunne che superano l’anno di prova in una famosa ed elitaria scuola di moda. La ragazza si ritrova coinvolta in un traffico di malaffare e ne subisce le conseguenze, senza peraltro lasciarsi abbattere dalla situazione. E’ forte e coraggiosa, una che va dritta per la sua strada. L’unica cosa che le sfugge di mano è l’Amore, dove la sua intelligenza e determinazione non sono sufficienti a far quadrare i conti.
Marcel passa un periodo tremendo; sua moglie Josiane cade in depressione post parto, ma proprio grazie all’intervento magico del figlio Junior riuscirà a non buttarsi giù del tutto e a superare la crisi.
L’esistenza di Joséphine, in questo secondo volume, continua ad essere correlata a quella di sua sorella Iris. Le due donne dopo un brusco distacco, si riavvicinano e forse per la prima volta si comprendono in modo definitivo.
La vita sentimentale di Joséphine cambia radicalmente; il bel Luca di cui si era precedentemente invaghita, si imbruttisce ai suoi occhi o meglio mostra la sua vera personalità, che non è certo da fotografare.
Joséphine può così riconoscere l’uomo che veramente ama.
Il narratore è una voce esterna, che come un direttore d’orchestra dirige le varie storie, creando una melodia ritmata e piacevole, come quella di un valzer.
I personaggi sono ben articolati, gli aggettivi soppesati e il linguaggio ricercato.
Tutto il libro scorre agilmente ed il finale (da brivido) scivola velocemente, trasformando questo secondo volume della trilogia, da romanzo dei sentimenti a giallo con suspance.
Chiuso il libro alla seicentesima pagina, avevo un bel sorriso stampato in faccia e la voglia di porre un bacio sulla copertina…l’ho fatto!
Ed presto inizierò: “Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì”, per poter fare un resoconto completo dell’opera!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
per chi ama questa saga...
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il valzer lento delle tartarughe 2012-10-18 13:38:54 antonelladimartino
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    18 Ottobre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Calvo come una pista di pattinaggio per pidocchi

Pestaggi, omicidi, rivelazioni, abbandoni, ritorni di fiamma, depressioni, fattucchiere, malocchi, doppie personalità, morti che tornano, bambini angelici e madri diaboliche: un bel crogiolo di rosa, giallo e noir. Non manca niente, nemmeno l’amore impossibile ma possibile in famiglia, nel rispetto del più autentico stile soap. Per mantenere vive l’azione e l’attenzione, l’autrice farcisce il suo (buon) polpettone di ingredienti dai sapori forti, che soddisfano il palato, ma rischiano di irritare le mucose.

Il punto debole di questo romanzo? L’eccesso. Leggendolo mi è tornato in mente il mondo fantastico di Pennac: la stessa vivacità, la stessa sarabanda di trovate. Sfortunatamente, alle nostre tartarughe manca la fantasia bizzarra che sdogana l’eccesso e la mancanza di verosimiglianza.

Eppure, il romanzo funziona. Il punto forte? Le digressioni sull’epoca medioevale, gustose e istruttive. E poi c’è il ritmo veloce, avvincente, senza cadute di tensione: l’eccesso ci trascina a scartare una sorpresa dopo l’altra. E i personaggi? Ben costruiti, ben visibili, spiccano a colori vivaci sullo sfondo, non fanno grinze. E infine, le metafore: originali, talvolta spassose.

Per finire, servo in tavola un paragone culinario: questo romanzo non è da gustare lentamente come un piatto sublime di alta cucina, ma è da sbranare come una pietanza saporita, non priva di contenuti nutrienti, ma ricca soprattutto di spezie e profumi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Daniel Pennac, la stessa autrice.
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il valzer lento delle tartarughe 2012-03-25 12:38:40 Ally79
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    25 Marzo, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una tartaruga per amica.

Secondo libro della trilogia della Pancol che segue Gli occhi gialli dei coccodrilli.
L’autrice si conferma a mio modesto parere davvero brava.
La sera tornando a casa e iniziando la lettura mi sembrava quasi di recarmi a trovare un vecchio gruppo di amici,bere una birra insieme a loro e domandargli curiosamente di raccontarmi cosa stavano combinando.
In effetti ritengo sia proprio questo il talento dell’autrice:senza vezzi stilistici e senza grandi pretese letterarie riesce a tratteggiare una storia in cui ci sentiamo coinvolti.
Ciò non dipende tanto da un discorso di immedesimazione (che pur non manca) quanto piuttosto dalla sua straordinaria capacità di tratteggiare personaggi talmente reali da lasciarci affezionare a loro.
In questo secondo volume li ritroviamo di nuovo tutti all’esatto momento in cui li avevamo lasciati e li accompagniamo in un altro pezzo della loro vita.
Tra Parigi e Londra,tra beghe famigliari e amori da inseguire,tra rapporti che non possono andare oltre e altri che devono assolutamente chiudersi,tra dipendenze e infelicità,tra vite che si scoprono vuote a vite che hanno necessità di ricostruirsi.
Al di là degli eventi narrati in se,la cosa che colpisce è la bravura nel narrare il quotidiano.
Certo l’effetto romanzo non manca,cosi come i colpi di scena, (qui si aggiunge anche un po’ di giallo con un assassino seriale che volenti o nolenti durante la lettura cercheremo di individuare)
ma ciò che maggiormente avvince è proprio lo svolgersi dei giorni:i piccoli riti come il thè,il lavoro davanti al pc,i conflitti,i momenti di riflessione sugli obbiettivi da raggiungere,le chiacchiere tra amiche per sfogarsi di una giornata stressante.
Unica pecca,che nel precedente volume non avevo riscontrato,alcuni momenti di lentezza,(devo dire però abbastanza rari),che creano qualche attimo di irritazione.
Nell’insieme una lettura di estrema gradevolezza che si sposa benissimo con i momenti in cui abbiamo bisogno di dedicarci a qualcosa di leggero ma non per questo superficiale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il valzer lento delle tartarughe 2011-08-26 10:22:14 kabubi81
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
kabubi81 Opinione inserita da kabubi81    26 Agosto, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il valzer lento delle tartarughe

Continuano le avventure di Josephine e compagnia, questa volta a cavallo tra la sempre snob Parigi e lo style di Londra... Anche in questo secondo romanzo della trilogia la Pancol dispensa tanta dolcezza e romanticismo quanta cattiveria ed arrivismo, aggiungendo un tocco di giallo che rende la lettura ancora più avvincente... A me è piaciuto più questo libro del primo, e volendo lo si potrebbe anche leggere da solo (l'autrice fa spesso dei richiami a quanto raccontato nel primo romanzo), ma per capire al meglio le dinamiche e i personaggi vi consiglio di partire dall'inizio... Ancora una volta, consigliato!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il primo della trilogia dell'autrice
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri