Narrativa straniera Romanzi Il viaggio verso casa
 

Il viaggio verso casa Il viaggio verso casa

Il viaggio verso casa

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Beth ha poco piu di quarant'anni, un matrimonio alle spalle, una figlia adolescente e una vita divisa tra Londra e l'Irlanda, dov'e nata. Inaspettatamente, un giorno riceve una telefonata straziante da parte del fratello James: Alice, la madre, e in fin di vita. Beth parte per Dublino ma, una volta giunta nella casa materna, si trova catapultata in una realtà del tutto inattesa: davanti a se non ha più l'antagonista di sempre, la donna fiera e altera di un tempo, bensì una fragile creatura piegata dalla malattia. E proprio quando il suo bisogno di comunicare con la madre si fa più necessario, Beth scova un fascio di lettere che Alice, negli ultimi momenti di lucidità, ha voluto scriverle. Attraverso quella corrispondenza madre e figlia cominciano un lungo dialogo ideale in cui Beth non solo ritrova sua madre, ma scopre una donna che forse non aveva mai conosciuto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il viaggio verso casa 2017-10-21 08:25:07 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    21 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Casa, dolce casa....

…” Dove tu sei, quella è casa”… ( Emily Dickinson ).


Una neo consapevolezza attraversa intimamente Elisabeth, alla fine di un lungo viaggio che l’ ha condotta al capezzale della madre morente, un viaggio della memoria costruito su molteplici indizi, lettere scritte da Alice, ricordi di infanzia, relazioni famigliari, fino all’ oggi, quella vecchia donna immobile e completamente assente che non sembra neanche più sua madre.
Sono questi lunghi giorni, di sofferenza e speranza deposta, di dubbi, inconsistenza e ritrovate certezze a tracciare un nuovo volto, abbandonando rabbia, delusione ed aspre parole sostituite da un semplice …” E’ bello essere di nuovo a casa “…
Da sempre Elisabeth e Alice hanno vissuto di contrasti, dalla semplice declinazione del proprio nome alle turbolenze adolescenziali, ciascuna arroccata nel proprio egoismo di bambina e di giovane vedova con due figli da crescere.
Una lontananza scelta ed in parte obbligata, per lunghi anni quotidianità, tra certezze inviolabili ed innegabile sordità sfociando nella cupa indifferenza. Oggi occorre ridiscutere i fatti e vivere dentro la propria vita, in una neo dimensione scoperchiata dalla fragilità di Alice e dalla consapevolezza di Elisabeth di non potere esistere in eterno. Per lei è giunto il momento di vivere all’ interno della propria vita smettendo di stare solo a guardare e lasciandosi alle spalle l’ altra vita.
Alice, ritrovatasi improvvisamente lontana da se stessa, persa, smemorata, fragile, malata, ha deciso di affidare a delle lettere quei sentimenti che non è mai riuscita ad esprimere a voce, prima di svanire definitivamente sprofondando in un sonno profondo.
Nelle missive lasciate in eredità ai figli emerge tutta la consapevolezza del proprio inesorabile declino ed in primis il forte desiderio di riallacciare e risolvere la tormentata relazione con Elisabeth.
Una vita, quella di Alice, segnata in giovane età dalla improvvisa morte del marito Jack, dallo spettro della povertà, da una dura quotidianità, dal rifiuto della comodità di un secondo matrimonio, in attesa di quello che il domani le avrebbe riservato.
Elisabeth, in questo dialogo muto ma mai così vivo, al capezzale di una donna che tacitamente le parla, in attesa di un cenno, di una espressione mutata nel volto, di una sola parola, legge, riflette, si emoziona, ricorda, sperando che ogni singolo verso la possa riavvicinare a quella madre che capisce di non avere mai realmente conosciuto.
In fondo, quando era bambina, tutti i figli consideravano i genitori semplicemente come genitori e solo oggi scopre le innumerevoli vicinanze tra la sua vita e quella di Alice.
Grazie alla penna la madre restituisce se stessa, nella immensa fatica di cercare e trovare quelle giuste parole che improvvisamente si perdono e svaniscono, perché ha così tanto da dire ai suoi figli, intrappolata in un corpo che non sente più suo ed in un tempo che non è più un lusso inesauribile.
In un viaggio emozionale che alterna passato e presente, voci lontane, persone scomparse, ed un oggi difficile e doloroso, Elisabeth rivive e ricostruisce una vita, ritrova l’ amato fratello James e finalmente se stessa, quell’ essenza di figlia, di madre, di donna, accettando serenamente quello che è stato e che inevitabilmente sarà.
Ed allora il termine casa diviene un luogo di identificazione ed appartenenza, che sentiamo nostro per sempre, che racchiude le emozioni, i sentimenti più veri, la memoria, i dolci ricordi, i dolori, le relazioni, noi stessi.
Accogliendo questa neo dimensione, la fine di un viaggio ( di Alice ) coincide con l’ inizio di un altro ( di Elisabeth ) sentendosi finalmente a casa, anche se non fisicamente in quella casa.

Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il viaggio verso casa 2012-01-02 17:15:12 Pelizzari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    02 Gennaio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tante parole non dette

Catherine Dunne non mi ha molto entusiasmato, ma questo libro è stato una piacevole scoperta. Il cuore della storia è la riscoperte di un rapporto figlia-madre nel momento in cui la madre sta per morire. La figlia supera piano piano gli antichi dissidi leggendo le lettere che la madre le scrive in fin di vita, proprio quando non riesce più a parlare. L’autrice mette in scena questo conflitto familiare delineando questo intreccio di rapporti affettivi figlia-madre e sorella-fratello, andando dritta al cuore di un lettore che magari ha provato nella sua vita questi stessi attriti nei rapporti, Tra madre e figlia negli anni si è insinuato un silenzio che la madre decide di spezzare, prima che sia troppo tardi. E la figlia, grazie ai ricordi, ritrova le proprie energie nascoste, le proprie risorse interiori, per ricostruire i legami affettivi familiari e per ritrovare se stessa. Tante parole non dette vengono scritte e Beth e Alice riescono a recuperare il loro tempo e a stringersi insieme, per tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri