Narrativa straniera Romanzi Il violino di Auschwitz
 

Il violino di Auschwitz Il violino di Auschwitz

Il violino di Auschwitz

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un violino costruito nell’inferno del lager. Quando Daniel, liutaio a Cracovia, viene deportato ad Auschwitz, dei gesti e delle sensazioni di quel mestiere così amato gli resta solo il ricordo. Finché un giorno viene convocato dal comandante del campo, il maggiore Sauckel: dovrà riparare il violino del suo amico Bronislaw, celebre musicista ridotto ora a esibirsi davanti ai suoi carnefici. Di fronte all’abilità del liutaio, il sadico e raffinato maggiore decide di commissionargli uno strumento nuovo. Un violino che dovrà essere “perfetto come uno Stradivari”; altrimenti sia Daniel che l’amico andranno incontro a una fine peggiore della morte. Solo cinquant’anni dopo, in una Cracovia invernale che celebra il secondo centenario della morte di Mozart, la storia segreta e miracolosa di quel violino verrà finalmente svelata.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il violino di Auschwitz 2018-01-16 15:47:53 ikapao
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da ikapao    16 Gennaio, 2018

Senza rispetto per la Memoria

Sfruttando la buona abitudine di rileggere testi sulla Shoah almeno una volta all'anno, durante il mese in cui viene celebrato il Giorno della Memoria, molti editori scelgono di ristampare opere sull'argomento, a prescindere dalla loro qualità. La quale, mi dispiace dirlo, in questa opera dell'autrice catalana manca quasi del tutto.
La scrittura è lieve e scorrevole, e il breve romanzo si legge tutto d'un fiato, ma, pur trattandosi di un'opera di finzione, manca completamente il pathos, ed emozioni e paure vengono descritte in maniera piatta, banale, senza mai suscitare un sussulto. L'unico argomento che sembra appassionare davverlo la scrittrice sembra essere la costruzione del violino, cui dedica numerose pagine che, se non proprio appassionanti, sono almeno coinvolgenti.
Ma l'avventura all'acqua di rose di Daniel, che scampa ad Auschwitz insieme all'amico musicista, che ritrova l'amata e la propria famiglia, sa più di fiaba edulcorata che di opera letteraria sui campi di concentramento, e la scelta di dipingere il tutto a tinte pastello di certo non giova alla credibilità di un'opera futile e pretestuosa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
solo Harmony e vuole muovere i primissimi passi verso letture più serie.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il violino di Auschwitz 2012-01-07 11:11:16 Ally79
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    07 Gennaio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Violini all'inferno

Daniel è:
un uomo,
un liutaio,
un ebreo,
un prigioniero dei nazisti.
Chiuso nel campo gli verrà ordinato di costruire un violino dal suono perfetto.
Dentro uno sgabuzzino,sotto l’occhio vigile di una guardia,riscoprirà i gesti quotidiani della sua vita:la fragilità dello strumento,le venature del legno,la colla che raggiunge la giusta temperatura,il dovere di precisione millimetrica.
Il lavoro svolgerà cosi la sua funzione primaria:ricordargli che è un essere umano.
Questa consapevolezza ritrovata garantirà la voglia di sopravvivere.

“Oggi viveva con una speranza molto ben fondata:lo avrebbero lasciato vivere,sicuramente,fino a quando avesse finito lo strumento.”

Senti uno stridio durante la lettura,come unghie che graffiano la lavagna,come una nota stonata che urta l’udito.
Perchè mentre coinvolto nel suo lavoro il liutaio si estranea dall’inferno del campo ne è al contempo perfettamente integrato. Vive in una sorta di luogo limbico all’interno dell’orrore in cui gli sono concessi attimi di amnesia.Ma solo attimi.
Ad aumentare questa sensazione di contrasto la scelta dell’autrice di inserire all’inizio di ogni capitolo statistiche fredde,asettiche,sui delitti perpetrati dalle ss(rifiuto categoricamente l’uso della maiuscola):quantità di oro cavate dalla bocca,chilogrammi di vestiti,esperimenti sui prigionieri.
Questi dettagli non si integrano nel racconto specie in considerazione dello stile poetico e delicato usato dall’autrice. Hanno però il pregio e il dovere di farci da memento,di ribadirci che non stiamo leggendo “solo una storia”ma un pezzo di Storia.
Romanzo brevissimo e molto intenso per gli interessati alla follia dell'Olocausto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri