Narrativa straniera Romanzi Il volo di Natale
 

Il volo di Natale Il volo di Natale

Il volo di Natale

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Walt Longmire dovrà vedersela invece con una delle peggiori tempeste che il Wyoming ricordi, una violenta bufera di neve attraverso la quale lui e il suo capo e mentore, l’ex sceriffo Connally, dovranno volare a bordo di un vecchio bombardiere per portare all’ospedale di Denver una bambina in fin di vita in una concitata corsa contro il tempo. Il volo di Natale è il prequel della celebre serie poliziesca ambientata nella contea di Absaroka fino ad oggi inedita in Italia: la trasvolata compiuta negli anni ‘80 a bordo del vecchio bombardiere rivive nella memoria di Longmire grazie a una prosa pulp di un vero maestro del genere che ha trovato in Elmore Leonard il suo capostipite.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il volo di Natale 2015-02-23 04:21:55 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    23 Febbraio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cowboy dal cuore d’oro

“Il volo di Natale” di Craig Johnson è una storia che combina umorismo, buoni sentimenti e avventura in una formula che tiene adeguatamente a bada il rischio di sconfinare nelle lacrime grazie alla figura dell’ex sceriffo Lucian, personaggio rude e primitivo, ma essenziale e generoso.

Alla vigilia di Natale nell’ufficio dello sceriffo Walter Longmire (“Anche tutti gli altri sceriffi del Wyoming sono dichiaratamente pazzi?”) si presenta una giovane donna giapponese, che chiede di essere accompagnata da Lucian, nei confronti del quale la sconosciuta ha un debito di riconoscenza.
L’ex sceriffo è ormai a riposo e conduce il tempo tra alcol, gioco delle carte e stranezze varie.
Riaffiora così la storia di un Natale passato, quando Lucian – veterano di guerra, già amputato di una gamba (“Il nome indiano che avevano dato a Lucian, Nedon Nes Stigo: colui che ha perso la gamba”) – fu raccattato completamente ubriaco da Walter e convinto a pilotare un vecchio aereo (“Questo è un vecchio VB-25J, all’epoca dello sbarco in Normandia lo usarono come aereo personale di Eisenhower”) per salvare la vita a una bambina giapponese (“Il nome Amaterasu significa colei che splende nel paradiso”), l’unica superstite di un terribile incidente d’auto. L’equipaggio improvvisato (formato da sceriffo, ex sceriffo, l’inesperta Julie – chiamata bambola o angelo, come nella migliore tradizione western – in qualità di secondo pilota, il vecchio medico tedesco Isaac, la bambina in fin di vita e la sua nonna) affronta un volo nella tempesta di neve, tra mille pericoli (“Il problema del carburante è più grave di quanto pensassimo; ne abbiamo perso un sacco, con quelle maledette porte aperte”), cavalcando un reperto che ha un passato alterno (“Lo comprò una ditta di Tucson per spruzzare disinfestanti contro le cavallette…”) e vario (“per sganciare schiuma antincendio sui boschi in fiamme”) e sfidando la fortuna che sibila insieme ai venti di tempesta.

La parte centrale soffre di eccessivi tecnicismi aeronautici e medici, ma la trama è efficace (“Sai qual è la differenza tra ansia e paura?”) e il finale è semiserio (“I piloti videro la stella che portavo in petto e mi consegnarono la gamba…”): la genuinità dei personaggi scongiura il rischio di precipitare, insieme al pericolante velivolo, nella classica storia melensa di Natale. Il lieto fine è agrodolce, scosso dai sussulti della veracità di Lucien, che sa cavalcare la sua storia proprio come un cowboy in un rodeo (“Lo sa perché si chiamava Steamboat?... Era un cavallo da rodeo, una bestia indomita di fama leggendaria… nei primi anni di vita si ruppe il naso e da quel giorno in poi fischiava a ogni respiro, proprio come uno steamboat, un battello a vapore”).

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... Il canto di Natale di Dickens
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri