Narrativa straniera Romanzi Innocua come te
 

Innocua come te Innocua come te

Innocua come te

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

New York, fine anni Sessanta. Quando i suoi genitori sono ormai pronti a ritornare in Giappone, la giovane Yukiko Oyama decide di restare negli Stati Uniti, inebriata dall'amicizia con l'aspirante modella Odile, dall'energia della Grande Mela e dal desiderio di diventare un'artista. Connecticut, 2016. Jay, il figlio trentacinquenne di Yukiko, proprietario di una galleria d'arte, in seguito alla morte del padre è costretto a riallacciare i rapporti con la madre, da cui è stato abbandonato quando aveva due anni, e a fare i conti con una ferita mai rimarginata. Il senso di perdita dell'identità, l'amore totalizzante e distruttivo per l'arte, il significato dell'amicizia e dei legami famigliari: in Innocua come te i destini di Yukiko e Jay si inseguono lungo tutto il libro, alla ricerca di una risposta al doloroso strappo che li accomuna.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Innocua come te 2019-12-22 17:31:08 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    22 Dicembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Identità violata








Due vite reciprocamente incuranti unite da un legame di sangue, ciascuna fagocitata da una storia diversa, oggi riavvicinate dal desiderio di conoscere e sviscerare le proprie origini sondando il passato per aprirsi al presente.
E’ l’ alba di un percorso temporale ondivago, dettagliata ricostruzione affettivo-emozionale di un nucleo famigliare precocemente dissolto quando anni prima la giovane studentessa Yuki decise di rimanere a New York mentre i genitori facevano ritorno nell’ amato Giappone, l’ America vissuta come parentesi ed esilio poco gratificante.
Ai giorni nostri c’è un uomo, Jay, che esige delle risposte, un gallerista che sta per diventare padre ed ha sofferto il precoce abbandono da parte di una madre egocentrica ( Yuki ), eccentrica, irrisolta, con velleità artistiche accompagnate da scarso talento, che si è sentita sempre poco amata ed ha odorato la paura paralizzante di essere madre.
Yuki, in gioventù, aveva vissuto intensi legami extra-familiari, un’ amicizia idealizzata e problematica ( con la modella Odile ), un amore violento e rubato ( Lou ), combattuta tra il desiderio di vivere il proprio sogno artistico in profondità ed un legame famigliare a distanza, a poco a poco sopito, mai del tutto reciso, sopraffatta ancora dal proprio passato.
Ed allora per anni si è destata in una vita di seconda mano, un dolore profondo e sempre vivo, senza che nessuno abbia mai voluto essere lei, nemmeno lei stessa, che non desiderava somigliare a sua madre al seguito del proprio uomo in giro per il mondo, ne’ ha voluto abbandonare del tutto un’ amicizia femminile costruita e consolidata nella difficoltà, e per un lungo periodo le è bastato semplicemente vivere con Lou, un uomo decisamente violento ma tutto per se’.
Per lei e’ stato così brutto svegliarsi ogni giorno in una vita di seconda mano, fatta su misura per qualcuno con ossa più robuste, e quando le difficoltà della vita l’ hanno indirizzata alla ricerca del conforto e del perdono di chi e’ scomparso, ormai è troppo tardi e pare impossibile ripartire immaginando un luogo in cui vedersi felice.
Nel proprio spazio temporale si insinua un’ altra possibilità, Edison, che sarà padre del suo unico figlio, un uomo mite pieno di gentilezza che Yuki non sa collocare, ne’ ha mai realmente capito se voglia stringerla a se’ o farle del male.
In lei ha preso forma un’ idea sempre più forte, una fuga a tempo per fare ordine nella propria testa, oppure una semplice fuga d’ amore, per evitare di volteggiare come un avvoltoio sul proprio bambino col desiderio e la speranza, un giorno, di tornare ed essere una vera madre.
Nel frattempo, oggi, una relazione appena iniziata e gia’ finita, svanita davanti ad un tavolino, una breve contesa tra un figlio rancoroso ed abbandonato ed una donna timida che si è sempre fatta del male, un bravo papà ed una pessima madre, un cuore infranto dal desiderio di avere una mamma e la rassegnata ma inevitabile accettazione di trovarsi al cospetto di una semplice madre.
Romanzo d’ esordio ( 2017 ) di Rowan Hisayo Buchanan, saggista e scrittrice americana per metà di origini asiatiche, “ Innocua come te “ sviluppa una buona trama con tratti lirici scanditi da continui flussi temporali nella rappresentazione di due epoche, ( l’ oggi e gli anni ‘ 60- 70 ) con alterna fortuna.
In primis scava in un labirinto sentimentale e formativo che giostra all’ interno di origini famigliari definite ( culturalmente e geograficamente ) e per contro in un’ indefinitezza relazionale e sentimentale sfociata in una idea di libertà e di fuga artistica ( da parte della protagonista femminile ) espressione di una lacerazione personale profonda.
In un’ unica traccia scorrono e si intersecano due vite lontane, contigue per sangue, i cui esiti sono restituiti alla contemporaneità.
Assenze, colpe, drammi, torti, egoismo genitoriale ricaduti inevitabilmente sui figli ed in parte restituiti al mittente, la propria vita sottratta ad un senso d’ identità, indirizzata altrove, soprattutto per chi si è visto, suo malgrado, reciso da subito il proprio nucleo famigliare, ignorata e calpestata l’ affettività di un legame puro e disinteressato, l’ amore materno, da sempre inno alla vita e bussola imprescindibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri