Narrativa straniera Romanzi L'amore e le foreste
 

L'amore e le foreste L'amore e le foreste

L'amore e le foreste

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Bénédicte Ombredanne è una di noi: intelligente, colta, sensibile, piena di vita, lettrice appassionata, una donna che lavora e che ama i suoi figli, ma vittima di un marito violento, in un inferno di vita in famiglia. L'amore e le foreste è un libro sul potere e rischi dell'immaginario, un libro sulla scrittura e sui suoi meccanismi. Scrivere, secondo Reinhardt, è essere morsi dall'interno da un'urgenza di raccontare, trasformare il mondo in opera d'arte, l'immagine della fragile Bénédicte, questa lettrice anonima divenuta eroina grazie alla finzione letteraria, al romanzo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'amore e le foreste 2016-04-20 05:50:19 68
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    20 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L' infelicita' dell' amore assoluto.

Il mal d' amore e' un classico della letteratura, e' stato affrontato, elaborato, sviscerato in tutte le sue molteplici declinazioni, al maschile ed al femminile, in vena romantica, classica, realista, surreale, simbolica, onirica, per non parlare dell' accostamento amore-morte che ne definisce i contorni e l' essenza.
È' estremamente complicato parlarne, entrare in un universo che si colora di indefinibili varietà' e profondità' impercettibili, oltre che soggettivo mostrarsi.
Questo il tema di "L' amore e le foreste", che vede in Benedicte Ombredanne la protagonista assoluta, romantica, idealista, fragile, cocciuta, esteta, purista, innamorata dell' amore e da esso suo malgrado respinta.
Ella vive in un contesto che non le appartiene e sente estraneo, contrario al proprio percepirsi e mostrarsi, incredibilmente infelice per un matrimonio che le sottrae vita e speranza, la umilia costantemente, ma dal quale, obiettivamente, non riesce ad evadere.
Appare costretta, e dal personale autolesionistico fallimento, e da un passato complicato e tremendamente crudele, a continuare in un viaggio senza speranza, nella convinzione che " la normalità' " di una calma apparente e famigliare restituisca una felicità' rubata ed impossibile.
Il libro ci parla, attraverso tempi narrativi che alternano passato, trapassato e presente, di un desiderio mancato e dell' aspirazione alla felicità', mostrandoci l' incredibile percorso di questa eroina romantica ( come i libri da lei amati ) nell' abisso di un destino crudele.
Attorno a lei il nulla, un marito cinico, egocentrico, maniaco-depressivo, violento, due figli che a poco a poco si allontanano, inghiottiti dalla brutalita' del quotidiano, dei rapporti di lavoro insoddisfacenti e formalmente superficiali, ed un progressivo isolamento affettivo.
Esistono figure di contorno importanti, ideali, si pensi allo scrittore che ne ricostruisce la storia e con il quale ha intrattenuto un rapporto intenso quanto sporadico, o a Christian, con il quale l' affinità' elettiva ha rappresentato un ideale d' amore tanto forte quanto fugace, o alla sorella gemella, che ne narra la terribile storia sentimentale fino al finale, affranta dal dolore del ricordo.
Eppure, emerge inequivocabile e perentorio il distacco, la dicotomia, tra reale ed ideale, sogno e quotidiano, aspirazioni e certezze.
È' un campo minato, che attraversa la vita di molte donne, e classici letterari, scavando nel proprio io più' profondo. Ho l' impressione che l' autore non sempre riesca a coordinare una storia tanto complessa, vi sono delle cadute di tono e di stile, tratti descrittivi prolissi e forzature, ma, ripeto, il tema è' talmente vasto e complesso da risultare inevitabile lo scadimento del tono narrativo.
Allora, per esprimere un giudizio complessivo, mi attengo, per una volta, al viaggio esperito, alle sensazioni ed emozioni vissute durante la lettura, ricostruendo una vita, quella di Benedicte, talmente funesta ed infelice da oltrepassare ogni logica ed obiettiva analisi, lasciando spazio alla speranza di amori e vite ben diverse da quella da lei così' disperatamente vissuta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri