L'infiltrato L'infiltrato

L'infiltrato

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di L'infiltrato, romanzo di Antonio Salas edito da Newton Compton. Si è creato un’identità fittizia, è diventato il braccio destro di famigerati terroristi internazionali, è stato iscritto nell’elenco dei ricercati a livello mondiale, per sei anni ha vissuto sotto mentite spoglie. Questa è la storia vera di Antonio Salas, giornalista investigativo capace di infiltrarsi nelle reti terroristiche di tutto il mondo per svelarne dall’interno i retroscena più misteriosi. Ha scoperto le connessioni tra Chávez, l’ETA, le FARC, Hamas e al-Qaeda, ha agito sotto copertura in Venezuela, Palestina, Cuba, Libano, Marocco, Egitto, e ha provato sulla sua pelle quanto pesano i pregiudizi su chi abbraccia l’Islam, soprattutto dopo gli attentati alle Torri Gemelle, Londra e Madrid. Mettendo a rischio la sua stessa vita, Antonio Salas ha recitato le preghiere dell’Islam, ha sofferto, pianto e gioito fianco a fianco con gli uomini più pericolosi del pianeta (un nome su tutti: Carlos lo Sciacallo, l’uomo che ha fatto tremare il mondo). Ha conosciuto la rabbia cieca che può spingere un uomo a imbracciare un fucile o a cercare il martirio. Ha valicato una frontiera del giornalismo che nessuno aveva mai avuto il coraggio di superare. Perché lui è Muhammad Alì Tovar Abdallah. Perché lui è Antonio Salas. L’infiltrato.

Antonio Salas è lo pseudonimo di un famoso giornalista investigativo spagnolo che, a causa del suo metodo di indagine, deve tenere nascosta la sua vera identità. Dall’uscita del primo libro nel 2003 (Diario de un skin) – un’inchiesta sui movimenti neo-nazisti – è costretto a vivere sotto mentite spoglie e non si fa ritrarre mai in foto o in video. Successivamente, si è occupato del traffico internazionale di prostitute, realizzando un altro sconvolgente reportage. Grazie al successo di cui gode in patria, è stato invitato dalla polizia a tenere corsi di formazione sui nuovi sistemi investigativi, e da L’infiltrato è stata ricavata una serie di documentari trasmessi dalla televisione nazionale spagnola.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'infiltrato 2013-05-06 16:47:42 Zine
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Zine Opinione inserita da Zine    06 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Reportage di sangue

Il grande nemico della cultura occidentale del XXI secolo è, senza ombra di dubbio, il fantasma del terrorismo islamico internazionale. Dopo l’attentato dell’11 settembre alle Twin Towers e i successivi episodi di violenza più o meno riusciti in giro per il mondo, si è sviluppata una fobia verso l’Islam e in generale verso le popolazioni di fede musulmana che ha esacerbato un clima multi-etnico ancora ben lungi dal favorire l’integrazione e il dialogo.
Il famoso giornalista Antonio Salas, esperto in reportage da infiltrato in ambienti scomodi e pericolosi, ha scritto e pubblicato un romanzo verità in cui racconta la propria esperienza nei circoli del terrorismo islamico. Il reportage si intitola “L’infiltrato” e in Italia è stato pubblicato dalla Newton&Compton.
Salas non è nuovo a questo genere di indagini. Si è occupato in precedenza sia degli ambienti neo-nazisti che della tratta delle donne e dello sfruttamento della prostituzione. La sua tecnica consiste nell’assumere un’identità fittizia ed entrare in contatto diretto con gli ambienti che intende denunciare, diventando un membro di queste realtà pur mantenendosi – con mille difficoltà – all’interno della legalità. In caso contrario, le prove da lui raccolte non avrebbero la stessa valenza a livello giuridico.
In questo caso, Salas ha deciso di farsi passare per un palestinese. La cosa è stata molto più complicata di quanto avesse previsto, perché modificare il proprio aspetto o l’abbigliamento non avrebbe ingannato nessuno ad un esame approfondito.
Ci troviamo dunque a seguire il giornalista mentre si crea faticosamente una nuova identità, studiando l’arabo fino a perderci le notti, accostandosi all’Islam con sempre maggiore rispetto (tanto da convertirsi realmente e farsi musulmano), viaggiando per il Medio Oriente per costruirsi una facciata credibile e venendo bruscamente in contatto con realtà sconosciute fino a quel momento filtrate dal giornalismo occidentale.
Salas tenta nel frattempo di comprendere quali siano e come siano strutturati i gruppi terroristi islamisti internazionali e quali collegamenti possiedono con altri gruppi di ribellione in Europa e America Latina. Viene così a interessarsi enormemente alla figura di Carlos lo Sciacallo, famoso terrorista detenuto in Francia, e questo lo conduce a portare avanti le sue indagini in Venezuela, dove comincia a essere introdotto negli ambienti del terrorismo.
La sua capacità di scrittore, prestata ai simpatizzanti della causa islamica, gli aprirà le porte di molti gruppi altrimenti inaccessibili e gli varrà la fiducia di gente pericolosa, primo fra tutti proprio Carlos lo Sciacallo, che farà di lui il web-master del proprio sito internet.
Qui le cose si fanno realmente pericolose e Salas dovrà lasciarsi alle spalle tutte le proprie ingenuità per immergersi a fondo in un ambiente in cui sono le pistole e la violenza a parlare.
Il reportage di Salas è certosino, maniacale nei dettagli, tanto che la lettura risulta a volte ostica, piuttosto noiosa. Per quanto il tema trattato sia senza ombra di dubbio interessante, questo immane bagaglio di informazioni, date e nomi tende a formare nella mente del lettore medio una gran confusione, con il rischio di decidere di mollare la lettura a metà o di scivolare da un paragrafo all’altro senza troppa attenzione.
Inoltre, la sua nuova vicinanza all’Islam l’ha reso a tratti poco obiettivo. Se andare oltre l’informazione filtrata dagli obiettivi politici dell’Occidente è da ritenersi un atto coraggioso ed encomiabile, pure in alcuni casi si ha la forte impressione che Salas sia rimasto molto coinvolto dall’ambiente che ha frequentato per anni, diventando parzialmente “di parte” per quanto riguarda la situazione islamica.
Una lettura per chi già si interessa all’argomento da tempo e non ne è del tutto estraneo, o per chi non ha timore di mettersi a leggere con accanto un block-notes per gli appunti. Chi si aspetta una grande avventura d’azione, si metta il cuore in pace: non è con questo spirito che si può leggere “L’infiltrato”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'infiltrato 2012-06-25 13:50:17 oscar
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da oscar    25 Giugno, 2012

L'infiltrato

Ben poco romanzato, molto reale, dati accertati con molti riferimenti.
Per chi - come me - ha combattuto in medio oriente, Libano Somalia e Iraq, una diversa chiave di lettura che dà molto da pensare. Una vera rivelazione che mi ha fatto riflettere e pentire di certi miei atti.
E che impone una profondissima riflessione critica sui media occidentali, USA / Europei / Italiani che manipolano la verità! Un atto d'accusa verso Israele che sta facendo una pulizia etnica, di fatto massacrando migliaia di donne, bambini, anziani e giovani. La Palestina è una terra senza Leggi, o meglio!: una terra con le sole ARBITRARIE leggi Israeliane!. La Palestina, I Palestinesi rispondono all'esecrabile Terrorismo di Stato Israeliano (MOSSAD / SHIN BET) con il loro altrettanto esecrabile terrorismo familiare /artigianale! In una spirale di violenza che potremma non finire mai!
Questo ha svelato il coraggiosissimo eroe silenzioso Antonio Salas. Bellissimo libro!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I volumi di Patrick Robertson (Classe Kilo etc.)
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore