Narrativa straniera Romanzi L'intenso calore della luna
 

L'intenso calore della luna L'intenso calore della luna

L'intenso calore della luna

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Dopo aver dedicato la sua vita alla famiglia ed essere stata talmente assorbita dall'educazione dei figli e dalla carriera del marito Fernando, un chirurgo di alto livello, da aver messo nel cassetto tutti i suoi sogni (non ultimo quello di una laurea in Medicina), la bella Emma giunge alla soglia dei quarantotto anni ritrovandosi sola nella grande casa di famiglia: senza la compagnia dei figli ormai grandi e senza l'intimo coinvolgimento che un tempo la legava al marito. Ma ecco che un incidente mette Emma in contatto con una realtà nuova e riaccende in lei la fiamma della sensualità e della passione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'intenso calore della luna 2015-10-21 06:09:54 Natalizia Dagostino
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Natalizia Dagostino Opinione inserita da Natalizia Dagostino    21 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il calore dei sensi

Nell’esistenza di ogni donna il cambiamento accade, dapprima, senza di noi, senza consapevolezza. Il corpo si racconta le ore trascorse ed è il primo ad accorgersene, esprimendo una sintomatologia che rivela memorie e desideri, che patisce inganni e delusioni, che segnala tempi, spazi e modi diversi per continuare a stare al mondo.

Le storie di Gioconda Belli sono fondamentali per generare le nuove e sconosciute parti di sé e per trasferire in parole i sentimenti, i pensieri e le scelte di quella fase della vita complessa che, velocemente e superficialmente, chiamiamo menopausa, “etichetta che sostituisce la paura di restare incinta con quella del decadimento fisico.” p.110

Emma e Fernando, i figli Elena e Leopoldo, Ernesto e Margarita, Jeanina, la signora Beatriz e Nora si offrono l’opportunità di ricontrattare con dolore e con gioia le loro vite, incrociate casualmente. Partecipiamo, onde dello stesso mare, alla espressione di nuovi io, scalzi, nudi e sicuramente liberi.

Per ogni persona, gli stessi luoghi sono ripensati, scomposti e riordinati, la mappa delle appartenenze richiede avvicinamenti, allontanamenti, intimità e assenze in una prossemica appassionata, mai così considerata.

“Il mare è un caso. Perciò lo paragoniamo alla vita.” p.216

La vecchiaia è cosa diversa che sentirsi invecchiare. Emma, la protagonista, è una borghese ben sposata, annoiata con tante energie addosso e il rimpianto di aver rinunciato alla laurea in medicina, di aver rinunciato a combattere nel Fronte Sud quando in Costa Rica l’Università era infiammata dalla Rivoluzione nicaraguense.

Emma incontra Ernesto, ebanista, ex sandinista, l’uomo che sa abbracciare con gli occhi, l’uomo che si fa strumento di curiosità, di scoperta, di coraggio, di eros.

“Eppure si accorge che c’è qualcosa di diverso in quel che prova. Il suo desiderio è controllabile. Riesce a osservarlo, a metterlo da parte, a conversare con lui senza farsi trascinare. Prova una strana sensazione di potere, si sente adulta, matura. Sorride.” p.109

Dedico la lettura di questo romanzo alle donne del club del ventaglio, alle donne della solitudine ma non isolate, a quelle che scoprono che c’è più tempo che vita (p.119), che decidono di organizzare semplicemente ciò che le circonda (p.223), che si fanno incontrare da compagnie nuove come doni, che accettano relazioni libere e liberate dalle illusioni di una borghesia mefitica e silenziosamente aggressiva, per imparare, infine, ad essere ciò che sono, oggi e nel loro posto.

“La vita di ogni essere umano è una successione di cambiamenti. Non dovrebbero essere una sorpresa, eppure lo sono sempre. la coscienza aleggia in un’atmosfera senza tempo. Scivola lungo i binari della vita come un passeggero attento che guarda fuori dal finestrino, scende in stazioni diverse, accumula o perde bagagli, conquista o scarta compagni di scompartimento. Nel turbine della vita, il corpo è un complice silenzioso. Un bel giorno, però, ci dà un colpetto sulla spalla e ci costringe a prendere atto della sua stanchezza. E, immancabilmente, la nostra mente protesta: lei, l’alata, l’inesauribile, colei che non invecchia mai, colei che è, non accetta di riconoscersi temporanea, effimera. Tuttavia l’annuncio è inevitabile, e accettarlo, ammettere la sua fragilità, è la sfida che ha bussato all’uscio più segreto della nostra Emma.”p.54

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri