Narrativa straniera Romanzi L'onore perduto di Katharina Blum
 

L'onore perduto di Katharina Blum L'onore perduto di Katharina Blum

L'onore perduto di Katharina Blum

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Mercoledì 20 febbraio 1974, vigilia di carnevale, Katharina Blum, 27 anni, cameriera presso una famiglia della buona borghesia di Colonia, esce di casa per recarsi a una festa da ballo. Quattro giorni dopo, Katharina suona alla porta del commissario Moeding e gli confessa di aver ucciso a colpi di pistola il giornalista Werner Totges. Che cosa nasconde un gesto tanto disperato? Nei pochi giorni tra la festa e il delitto, Katharina ha fatto l'esperienza dell'ingiustizia. Colpevole di aver aiutato a fuggire il giovane ribelle che ama, si è ritrovata al centro di una campagna giornalistica montata da uno di quei fogli scandalistici a grande tiratura e Totges è proprio il tipico e cinico esponente di questa categoria di manipolatori di notizie.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'onore perduto di Katharina Blum 2019-01-09 08:35:37 archeomari
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    09 Gennaio, 2019
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Come i media ti distruggono la vita

Ho tanti slogan per presentarvi questo libro, questo piccolo, breve gioiello di Heinrich Böll. E fate _chapeau_ , perché il Premio Nobel nel 1972 è ampiamente meritato. Chi conosce Böll può capirmi se dico che potrebbe essere una sorta di Pirandello tedesco. Ha scritto racconti umoristici che celano grande sofferenza, c’è una ironia che lascia colpiti, c’è poetica rassegnazione dietro ai suoi romanzi scritti sopra le macerie della Germania post seconda guerra mondiale.
Questo piccolo romanzo ha come titolo originale _Come può nascere e dove può condurre la violenza_ . Quale violenza? Sicuramente l’autore si riferisce al potere distruttivo che certa stampa prezzolata può avere sulla vita di alcune persone.
La spietata campagna giornalistica di una certa fazione (la Germania non ancora unita) butta nel tritacarne la vita della bella, diligente e intelligente cameriera Katharina Blum, ventisettenne, la sua unica colpa? Essersi innamorata di un ribelle, definito dalla stampa un “terrorista” . Notizie palesemente false, contraffatte, condite di particolari scandalistici, contro la ben nota _pruderie_ sessuale di Katharina, atti a soddisfare la morbosa curiosità dei lettori di quel giornale.
Il romanzo non è certamente il classico giallo, anche perché la soluzione del caso è già all’inizio del libro, ma è comunque un giallo “problematico”, costruito attraverso brevi, a volte brevissimi capitoli che, come tessere di un mosaico, si sistemano lungo il racconto. Si tratta di una riflessione sarcastica sul potere della stampa che attraverso il caso di Katharina si mostra come un vero incubo che cresce giorno, deformando fatti, parole, dopo giorno distruggendole la vita e portandola quasi “con naturalezza” verso un finale tragico. No, non si suicida. Non ve lo dico. Leggetelo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un cuore tuo malgrado
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rien ne va plus
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Serotonina
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Facciamo che ero morta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Missione Odessa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco del suggeritore
Valutazione Utenti
 
3.3 (4)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Il delitto di Agora. Una nuvola rossa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jesus' son
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri