L'umiliazione L'umiliazione

L'umiliazione

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Simon, uno dei più grandi attori teatrali della sua generazione, ha superato i sessant'anni e ha perso la sua magia, il suo talento e la sua sicurezza. Quando sale sul palcoscenico si sente un pazzo e si vede un idiota. La moglie se n'è andata, il pubblico l'ha abbandonato, il suo agente non sa come convincerlo a tornare in scena. In questo atroce resoconto di un'inspiegabile e terrificante autodistruzione, emerge il contraltare di un insolito desiderio erotico, certo una consolazione in quella vita spogliata di tutto, ma tanto rischiosa e aberrante da frustrare ogni speranza di conforto e gratificazione per puntare dritto verso un finale ancora più cupo e rovinoso.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.5  (4)
Contenuto 
 
4.0  (4)
Piacevolezza 
 
4.3  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'umiliazione 2020-04-30 22:56:40 Kvothe
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Kvothe Opinione inserita da Kvothe    01 Mag, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PRIVATO

Ho scelto questo libro a caso e devo dire che ne è valsa la pena e mi ha così incuriosito che finito questo ho scelto un altro suo romanzo come mio secondo libro, la macchia umana (più lungo e impegnativo). Mio Primo libro di Roth che non conoscevo molto bene neanche di nome. Mi ha stupito e la storia che per quanto minimale ha molto da dire. Il romanzo è molto breve ma in queste pagine assistiamo da spettatori esterni al decadimento psicofisico di un uomo, Simon Axler. Si legge tutto d’un fiato e a tempo perso per chi vuole leggere senza impegno secondo me è perfetto. Non è il capolavoro del secolo ma una lettura piacevole con uno stile eccelso e con personaggi ben caratterizzati e dinamici. Le scene della clinica sono evocative e il confronto con le persone per così dire coetanee è molto ben fatto. Lo consiglio come approccio a Roth che non conosco benissimo e che sto conoscendo all’incontrario ma che penso come incontro sia perfetto per farsi un’idea del suo stile senza impelagarsi troppo in libri troppo lunghi che potrebbero non piacere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'umiliazione 2011-08-15 14:46:09 ant
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    15 Agosto, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia di un decadimento fisico e intellettivo

Libro che si legge tutto d'un fiato,
la trama e il personaggio principale catturano subito, e questo è un gran pregio a mio parere, l'attenzione del lettore e cmq il prodotto nel complesso non è niente male.
Do adesso la mia chiave di lettura del testo, che assolutamente non è quella oggettiva, ma solo personale e buttata così tra le righe.
Roth attraverso queste pagine mette al centro dell'opera un attore di successo, in un primo momento affermato, ricercato, idolatrato, insomma la classica persona realizzata senza sbavature e...
poi gli scava il vuoto intorno.
Il succo del romanzo è proprio il decadimento sia intellettivo che fisico,
tutto questo supportato nella trama poi anche da una storia d'amore impossibile, che avrebbe dovuto tirare fuori il malcapitato attore dal vuoto di cui sopra , invece...
Ho trovato molto calzanti e profonde alcune digressioni a riguardo della vecchiaia,
in particolar modo mi hanno colpito le pagine in cui Roth descrive di come agli occhi di un genitore possa sembrar strano che un proprio figlio stabilisca legami affettivi profondi con persone molto più grandi di età.
Intense e toccanti anche le pagine in cui il protagonista, ricoverato per depressione in un istituto di salute mentale, si confida e si apre con un'altra degente.
Un libro che a mio parere ha un suo perché
e lo considero interessante
Bello

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri che scandagliano l'animo umano
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'umiliazione 2010-05-06 13:50:07 alberto ferrari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da alberto ferrari    06 Mag, 2010

un libro terapeutico

Che cosa succede a un uomo se perde il talento che ha fatto di lui un grande attore? Se a un dato momento della sua vita artistica sente che non è più in grado di calarsi nei panni di qualcun altro senza la netta consapevolezza di essere ridicolo e suscitare lo stupore maligno del pubblico venuto a osannarlo? Nel caso del protagonista dell’ultimo folgorante romanzo di Philip Roth, L’umiliazione, succede che non è affatto facile accettare questa nuova condizione. E infatti, fin dal suo primo apparire sul proscenio del romanzo, Simon Axler, mostro sacro del teatro drammatico newyorkese, è sull’orlo di una perniciosa crisi di nervi. Al punto che i precedenti successi a teatro come nella vita, che pure non sono mancati, è come se non fossero mai esistiti. Solo i fallimenti, solo le sconfitte sembrano far cassa al cospetto di questa nuova, umiliante condizione di uomo privato del suo talento di artista.
Axler scopre che la limacciosa sensazione di inadeguatezza è la condizione di molti esseri umani, uomini e donne, giunti al capolinea dopo una vita di tribolazioni. Illuminate a questo riguardo il periodo in una clinica psichiatrica, dove conoscerà altri come lui, per giunta senza i suoi successi alle spalle, che sono lì perché il pensiero di farla finita stava per avere il sopravvento. Come Sybil la casalinga, che prima di fare i conti con se stessa, vorrebbe regolarli con il marito famoso che ha abusato della figlia. Dal giorno in cui scopre il marito con la bambina, Sybil capisce che la sua la sua psiche non sarà mai più le stessa a causa dell’oltraggio subìto, perciò non esita a chiedere ad Axler di fare il lavoro sporco per lei come se questa fosse una richiesta del tutto normale.
Fra le persone messe fuori uso dall’esistenza ricorrono sogni comuni. C’è chi sogna di rendersi ridicolo a teatro e chi si sogna nudo in posti affollati. Essere inadeguati a se stessi e agli altri, come se all’improvviso tutto quello che facciamo, perfino la cosa più banale, agisse in noi con il preciso scopo di smascherarci di fronte agli altri che ci giudicano.
Prima però di seguire il protagonista fino al fondo della sua discesa agli inferi, Roth sembra volerci ricordare che l’istinto di sopravvivenza può aprire parentesi salvifiche, allorché ci illudiamo di aver trovato quello che occorre se non per ribaltare almeno per tacitare la forza oscura che ci sta trascinando sempre più in basso. Per Axler la parentesi ha il nome di una donna, Peegen. A costei si aggrappa come un naufrago. A quarant’anni Peegen non è più giovane ma è molto più giovane di lui, che ne ha 65. Per Axler però la differenza d’età non è un problema. Nemmeno è un problema il fatto che la donna è figlia di due vecchi amici. Nemmeno che Peegen non sia mai stata con un uomo prima di lui, perché lesbica.
Prima della loro relazione, Axler pensava che la ragazza fosse nel giusto a seguire la propria inclinazione sessuale e non il suo opposto. Ora si illude o, meglio, quando lei decide di porre fine all’esperimento sbagliato, capisce di essersi illuso che la scelta con lui fosse altrettanto percorribile.
La parabola disegnata da Axler si potrebbe forse trasformare in un cerchio se tornassimo un attimo al punto di partenza, quando ci chiedevamo che cosa succede se un uomo perde il talento. Partendo di qui potremmo chiederci: se il talento lo si può perdere così inopinatamente, forse lo si può anche acquistare così, all’improvviso? Nel senso, ci può essere una prima volta anche per il talento, o no? Ci piace pensare che quello che ci può venir tolto con tanta destrezza giorno dopo giorno dalle fatiche della vita, lo possiamo giorno dopo giorno sentir crescere dentro di noi come frutto di un lavoro interiore. Come frutto del nostro leggerci dentro, in compagnia di uno strizzacervelli oppure no oppure ni… nel senso di per un po’.
Del resto, l’analista esperto nel lavoro con gli attori viene proposto ad Axler dal suo agente. Ma nel dramma che gli ha confezionato Roth, Axler ha il destino tracciato. Il biglietto da visita dell’analista verrà dimenticato fra le prime pagine di Lungo viaggio verso la notte, un celebre dramma americano dal titolo chiaramente evocativo, in cui il Nostro avrebbe potuto tornare a recitare nella parte di un padre senza più amore per nessuno.

Philp Roth, L’umiliazione
Einaudi, Torino 2010
€ 17,50

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
le altre opere di roth, se ancora non l'ha fatto legga almeno la macchia umana
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'umiliazione 2010-03-10 15:01:58 chicca
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
chicca Opinione inserita da chicca    10 Marzo, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

l'umiliazione

La scrittura di Roth è sempre diretta, energica, raffinata.
Nell'inquietante viaggio che accompagna Simon Axler, il protagonista di questo libro, da una incapacità di recitare ad una vera crisi esistenziale, si scoprono tutte le fragilità di un uomo che cerca di nascondere, principalmente a se stesso, attraverso la costruzione di un'immagine stereotipata e ormai fuori luogo, quasi grottesca, ciò che è in realtà: un uomo finito. Axel affida la sua intera esistenza nelle mani di una donna molto più giovane e dai gusti sessuali incerti. L'epilogo è la normale conseguenza dei fatti, in fondo non è certo da Roth che ci si può aspettare un finale ottimistico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altri romanzi di Roth
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai