Narrativa straniera Romanzi La bastarda della Carolina
 

La bastarda della Carolina La bastarda della Carolina

La bastarda della Carolina

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Ruth Anne Boatwright, per tutti Bone, dal padre ha ereditato solamente un certificato di nascita che la dichiara bastarda. A sorreggerla – in una cittadina del South Carolina segnata dalla povertà e dal degrado e in una famiglia nella quale amore, rabbia e prevaricazione fanno parte di un unico coacervo di sentimenti spesso incontrollati – è il disperato e dolcissimo rapporto che la lega alla madre, e che neanche le violenze subite dal patrigno riusciranno a spezzare. La scrittura cristallina e di inarrivabile durezza, la profondità dello sguardo gettato sull'adolescenza, il ritratto dall'interno dei «White Trash» e di un Sud quasi senza riscatto hanno fatto gridare la critica al capolavoro e hanno indotto a paragoni con classici quali "Il buio oltre la siepe" e "Il giovane Holden".

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La bastarda della Carolina 2019-10-11 19:39:43 Antonella76
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    11 Ottobre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uomini brutali e donne resistenti



Un libro forte, intenso, doloroso e vero.
Per come l'ho vissuto io, prima ancora di essere un libro sulla violenza domestica, sugli abusi sessuali su minori, sulla vita (amara) di chi nasce in una famiglia povera e disadattata del Sud degli Stati Uniti, prima di tutto questo...è la storia di una bambina che perde sua madre.
La perde nonostante l'amore.
Un amore immenso che non si spezzerà mai, ma che, allo stesso tempo, non sarà sufficiente a proteggerla, a salvarla da quelle mani troppo grandi e troppo pesanti...
Le mani che la picchiano brutalmente e che le rubano l'innocenza della sua acerba intimità, sono le stesse mani che accarezzano sua madre.
Una madre che ama sua figlia, ma che non sa restarle accanto.

Bone, la piccola bastarda senza padre, cresce negli anni '50 in una grande famiglia tanto sgangherata quanto unita, che si stringe intorno ad ogni componente in difficoltà, sempre pronta a dare sostegno e amore.
Gente di pochi mezzi, che trova sempre il modo di andare avanti, uomini un po' pazzi, ubriaconi, rissosi, disposti a qualsiasi lavoro pur di guadagnare due soldi, ma capaci di dimostrarsi saggi e protettivi al momento giusto.
Disposti a tutto, anche a sporcarsi le mani di sangue, per difendere chi amano.
Donne consumate dalla fatica e dai figli, sfilacciate da una vita difficile, svuotate dal dolore, ma piene di storie da raccontare.
Uomini brutali e donne resistenti...
Bone cresce e si rifugia in mezzo a tutti loro, tra amore e crudeltà, rabbia e senso di colpa.

Romanzo semi-autobiografico che, per la sua durezza e il suo modo diretto di affrontare temi scottanti, fu molto criticato e, addirittura, messo all'indice in diverse scuole di diversi stati.
Ah, l'America puritana...
La Allison ha fatto dono, della sua storia e della sua vita, a tutti coloro che cercano di dare un senso a ciò che senso non ha, e che ancora sono incapaci di liberarsi del fardello di una colpa che non hanno mai avuto.
"Se impariamo cosa significa sopravvivere a un abuso, saremo più capaci di aiutare coloro che sono ancora intrappolati nel mondo segreto e vergognoso della violenza fisica e sessuale".

Duro, feroce e amorevole, specchio di una scrittrice indomita, testarda e resiliente, ma capace di grande compassione.
Scritto (e tradotto) incredibilmente bene.
In una parola: bellissimo.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

La bastarda della Carolina 2018-06-02 13:36:16 ornella donna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    02 Giugno, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una violenta resilienza femminile

Dorothy Allison con La bastarda della Carolina confeziona:

“un piccolo gioiello di resilienza attraverso una scrittura impavida e soprattutto sincera, che scava scava fino a sfiorare l’autentico”.

La scrittrice negli Usa è paragonata a William Faulkner e Flannery O’Connor, e con questo testo, che narra di abusi e di terrore, giunge in Italia dopo un quarto di secolo, e raggiunge un livello di narrazione splendido. Il libro pubblicato per la prima volta nel 1992, fu bandito dalle scuole, perché troppo crudo. A suo favore si schierarono autori importanti come Stephen King.

Protagonista della vicenda raccontata è Ruth Ann Boatwright detta Bone, che è stata registrata alla nascita come “bastarda”, perché il nome del padre era sconosciuto alla zia e alla nonna che l’avevano iscritta all’anagrafe. La madre ha solo sedici anni, e successivamente sposerà un uomo che, dopo averle dato un’altra figlia, morirà in un incidente. Incontrerà Glen Waddell, e lei, sola e disperata, accetta il suo corteggiamento. Tutti lo dissuadono da quell’uomo, ma lei non riesce a cogliere la realtà e quando si renderà conto di chi è quell’uomo e di ciò che è capace di fare sarà troppo tardi.

Il testo è violento e brutale La descrizione di Bone che subisce le violenze del patrigno, le cinghiate e i pugni sono una botta diretta allo stomaco di chi legge. Pare quasi di sentire le urla della piccola bambina. E’ una lettura cruda, devastante, che non concede nulla. Ho faticato a leggere questo libro, soprattutto per il senso di violenza che viene narrato in modo perfetto, ma che è in sé a dir poco sconvolgente.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri