Narrativa straniera Romanzi La donna mancina
 

La donna mancina La donna mancina

La donna mancina

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Al suo apparire in Italia, La donna mancina riscosse successo di pubblico - particolarmente sensibile alla questione femminile - e di critica: Claudio Magris vi scorse la manifestazione di «una vita pura, essenziale, che brilla nei dettagli minimi», e Alighiero Chiusano fu pronto a scommettere sulla sua durata, a dispetto «di tante altre roboanti cosmogonie sperimentali». Lasciate cadere le trasgressioni astute e plateali degli anni Sessanta, l'implacabile e delicata macchina narrativa di Handke ha conquistato uno sguardo limpido e impassibile come quello di una macchina da presa. Quello sguardo ci offre qui l'indimenticabile ritratto di una donna sulla soglia misteriosa della sua «lunga stagione di solitudine».

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La donna mancina 2015-06-13 22:01:05 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    14 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gelo austriaco

Questo romanzo dà l'impressione di certi quadri metafisici: una realtà che pur nella ricchezza di particolari realistici ha qualcosa che non va, di irreale e di glaciale. La mentalità che appare fin dalle prime pagine è ben diversa dalla nostra. Bruno, innamorato della moglie, la porta a cena fuori, poi i due dormono in una camera di lusso del ristorante. Il figlio di otto anni resta a casa solo, ma tanto ha il loro telefono e c'è abituato. La mattina la donna come se scherzasse e senza un litigio caccia di casa il marito e gli impone di andare a convivere con Franziska, la maestra del figlio. Tutte le situazioni che si creano in seguito hanno qualcosa che non va. Il clima surreale e metafisico lo è troppo poco per essere intrigante. D'altra parte la mancanza di sentimenti della donna, che non viene chiamata per nome, ma solo donna, come se non avesse un mondo interiore lascia sconcertati. Mai l'autore ci dice come si sente o ci fa entrare nei suoi pensieri. Il romanzo si limita a descrivere una serie di azioni e di dialoghi, tutti molto freddi e letterari anche quando si parla di approcci sentimentali o quasi. Le situazioni che si creano sono tutte molto strane come nei film di Bunuel ma rese in modo meno efficace.
Il romanzo assomiglia abbastanza a una sceneggiatura teatrale. Emergono la mancanza di affetti, di relazioni, la solitudine, il gelo dei rapporti umani che toglie gusto alla vita e identità ai desideri. Nelle relazioni con diversi personaggi "la donna" non fa un passo verso nessuno. E' come una sfinge priva di ogni slancio vitale. Emblematica l'aggressione al figlio come se volesse trasformare anche lui da Stefano a bambino senza identità.
Non è un brutto romanzo, non è scritto male ma a me non ha dato niente. Penso che qualcuno potrebbe trovarlo interessante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Solstad
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

La donna mancina 2013-04-01 08:07:14 enricocaramuscio
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    01 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una donna alla ricerca di se stessa

Marianne è una trentenne sposata con Bruno, direttore vendite di un’affermata ditta di porcellane. I due vivono agiatamente in un bungalow in un quartiere residenziale e hanno un figlio di nome Stefano. Il loro sembra un matrimonio felice, ma la donna un bel giorno decide di dare il ben servito al suo compagno pregandolo di andarsene da casa e lasciarla da sola con il bambino, senza giustificare la sua scelta. Inizierà per lei un periodo di riflessione interiore che la vedrà rifugiarsi in una profonda solitudine, rifiutando compagnie, svaghi e avances e concentrandosi invece su se stessa e sul suo lavoro di traduttrice. Libro breve e glaciale, in cui l’autore racconta i tormenti di una donna alla ricerca del proprio Io, senza intraprendere una vera e propria analisi introspettiva della protagonista ma basandosi su piccoli particolari, su gesti quotidiani apparentemente banali e su vaghe informazioni riguardanti la sua vita che più che spiegare fanno intuire velatamente quali potrebbero essere le ragioni della sua scelta e la maniera in cui la donna affronta le conseguenze della sua decisione. Una decisione che Marianne sembra difendere con sempre maggiore fermezza e convinzione, dichiarando esplicitamente che non cerca la felicità, anzi la teme, dimostrando fastidio nei confronti di chi vuole spiegarle come è fatta lei e indifferenza verso chi cerca di starle vicino e verso i blandi tentativi del marito di riconquistarla. Decisa, misteriosa, impassibile, la protagonista affronta un viaggio nei meandri della propria identità che va oltre la fuga dal matrimonio e la conquista di una libertà fine a se stessa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri